Sabato 23 Marzo 2019
   
Text Size

Football Acquaviva 0-2 Castellaneta

10 marzo_2019

Si avvicina la primavera e si avvicinano lentamente anche i verdetti finali della stagione. La Football si appresta ad affrontare uno dei match più importanti del 2019. La sponda biancoblu di Acquaviva accoglie la capolista Castellaneta in un big match decisivo per la corsa play-off e promozione diretta.

La Football Acquaviva si schiera così in campo: Miale (PT), Bruno, Vasco, Fazio, Laneve, Leo, Tisci, Tassielli, Abrusci (C), Antonicelli e Mastrovito. A disposizione di Mister Digiorgio ci sono Mangialardo, Racano, Lucarelli, Trotti, Colaianni D., Colaianni F., Farella, Napoletano e Cicero.

Inizia il primo tempo. Le squadre, oltre che dai tifosi calorosi di entrambe le parti, vengono “accolte” da un forte vento, che fa alzare delle nubi di sabbia e condiziona traiettorie del pallone. La capolista biancorossa parte subito all’attacco, cercando di dominare la partita sin dall’inizio. Al 17’ arriva la prima seria occasione da gol degli ospiti che, a seguito di un tentato pallonetto d’esterno di Gjonaj, sfiorano il gol, che non si concretizza, in quanto il pallone termina al lato della porta biancoblu. Nella prima mezz’ora di gara, in campo attacca principalmente il Castellaneta, che al 29’ tenta di aprire le marcature con un tiro da fuori area di Romanelli. Al 30’ arriva l’occasione più pericolosa della prima mezz’ora di gara quando, a seguito di un cross di Romanelli, Favale, il n.10 del Castellaneta, schiaccia il pallone, ma un fantastico Miale sventa il gol ospite con i suoi ottimi riflessi: nella prima mezz’ora è lui l’MVP dei biancoblu. Al 35’ la Football sfiora il gol con Abrusci, che colpisce il pallone di testa a seguito di un cross di Fazio, per poi vederlo sorvolare sopra la traversa. Putroppo, per i ragazzi di Mister Digiorgio, vige la regola del “gol sbagliato, gol subito”: subito dopo l’occasione mancata per andare in vantaggio, con un lancio lungo i biancorossi iniziano un contropiede, che si trasformerà nel vantaggio del Castellaneta quando Gjonaj colpisce con gran potenza il pallone al limite dell’area, facendolo gonfiare la rete della porta biancoblu. È 0-1 per la capolista. Nonostante il gol, i ragazzi di Mister Digiorgio metteranno sempre più in difficoltà il Castellaneta fino alla fine della prima frazione di gara che non vede variare il punteggio.

Inizia il secondo tempo. La Football mette sempre più in dubbio la superiorità sul campo della capolista con un pressing continuo e intenso. Nonostante aumenti l’intensità di gioco, la prima occasione del secondo tempo è un palo colpito da Gjonaj su punizione , che sfiora il raddoppio al 50’. Al 61’, la Football si fa ancora più pericolosa con un colpo di testa di Leo, che sfortunatamente finisce sopra la traversa.

Dal 21’ al 31’, la partita prende una piega diversa a causa di una serie di episodi che causano la momentanea interruzione della partita: Abrusci segna, ma il gol viene annullato, e a seguito delle proteste, scatterà una rissa fra tutti i 22 giocatori presenti sul rettangolo di gioco, in cui verranno coinvolti anche giocatori che fino a quel momento erano seduti in panchina. Due giocatori della Football durante la zuffa vengono buttati a terra e colpiti con calci e ginocchiate, causando danni fisici. L’arbitro, non riuscendo a controllare la situazione da solo, nel caos più totale, non estrarrà alcun cartellino, causando l’ira del pubblico, dei dirigenti e dei giocatori.

Dopo questo episodio, la tensione sale alle stelle, non solo nel rettangolo di gioco, dopo i dieci minuti di gioco interrotto, ma anche sugli spalti. Al 31’ il neoentrato Farella tenta un tiro da fuori area che viene neutralizzato dall’estremo difensore biancorosso. Al 33’, Gjonaj tenta la doppietta che svanisce nel nulla grazie ad un superbo intervento di Miale, che salva ancora la Football. Adesso è la Football ad attaccare costantemente nella metà avversaria: al 38’ Tassielli tenta una conclusione da fuori area, senza capitalizzarla.


L’arbitro decide di assegnare cinque minuti di recupero, pur avendo interrotto il gioco per ben dieci minuti. La Football è tutta nella metà biancorossa, ma ciò ha delle conseguenze: a seguito di un contropiede, Gjonaj si ritrova ancora su una situazione di uno contro uno con Miale, ma questa volta, decide di andare a colpo sicuro, passando il pallone al subentrato Haka, che insacca il pallone a porta libera, portando il Castellaneta sullo 0-2. Pur subendo il raddoppio, la Football continua ad attaccare con orgoglio e, sfortunatamente, non riuscirà a trovare il gol dopo un palo a seguito degli sviluppi di un angolo. Il palo, di fatto, pone fine ad ogni speranza di pareggiare il match. È game, set and match per il Castellaneta, che continua ad avvicinarsi alla promozione, mentre è una giornata difficile per la Football, che fra mille insidie ha saputo mettere in difficoltà la capolista.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI