Mercoledì 19 Settembre 2018
   
Text Size

Gianfranco Ricciardi: “Largo ai giovani di Acquaviva e dintorni”

1003916 255895134563797_28038792_n

L'Atletico Acquaviva entra in una nuova dimensione: la parola d'ordine è "largo ai giovani". Di Acquaviva e dintorni, si intende. Questa nuova politica varata dalla dirigenza ha come principali protagonisti i fratelli Gianfranco e Roberto Ricciardi che già da qualche stagione collaboravano con il presidente Demarinis: ora avranno il compito di creare e far fiorire il Settore Giovanile dei rossoblu: "Finalmente da questa estate possiamo partire con questo grande progetto - le parole di Gianfranco Ricciardi - che riguarda essenzialmente il futuro della società. A questi livelli è fondamentale avere un proprio bacino di ragazzi provenienti dal territorio dai quali attingere per la Prima Squadra e da far crescere per proporli in categorie superiori".

Da quale categoria si intende partire?

"Dai Giovanissimi in poi, con un occhio di riguardo per l'Under 18 su cui ci stiamo impegnando particolarmente perché abbraccia una fascia d'età 'intermedia' utile per la Prima Squadra. Un ragazzo degli Allievi è ancora troppo acerbo per esordire in un campionato comunque difficile come la Prima Categoria". Proprio per l'Under 18 sono stati dedicati due incontri nelle settimane scorse: "Sì, col presidente abbiamo studiato questa strategia per cercare di invogliare e interessare i giovani di Acquaviva e dei comuni limitrofi. C'è stato un buon riscontro sia numerico che dal punto di vista tecnico-atletico rilevato nei ragazzi; il 12 si terrà un altro raduno con il quale contiamo di terminare la fase di selezione".

Ricciardi sottolinea quanto sia importante lavorare coi giovani e coi giovani del posto: "Chiaramente andare a prendere giocatori da lontano, se non fuori Regione, comporta dei costi che alla lunga sono insostenibili. La politica di implementazione del Settore Giovanile, con l'assidua ricerca e selezione di giovani talenti del luogo intanto abbatte questo tipo di costi, e poi ci consente di investire in altre aree sicuramente più proficue, come gli allenatori. Ecco, noi mettiamo a disposizione una squadra di ottimi tecnici, soprattutto coordinati: sarà costruito un percorso uniformato fra le varie categorie, di modo che il ragazzo quando arriverà in Prima Squadra non sarà impreparato".

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI