Giovedì 15 Novembre 2018
   
Text Size

Del Zotti: "La calssifica non rispecchia il valore della squadra"

del zotti

Acquaviva, Simone del Zotti: “In questa stagione, si poteva e doveva fare di più, la classifica non rispecchia il valore della squadra”.

Calciatore molto duttile e polivalente, è stato impiegato spesso nel ruolo di terzino destro, zona del campo in cui riesce a esprimere al meglio la sua corsa e velocità.

Cresciuto nel Bari, società con la quale ha percorso tutte le trafili delle giovanili, ha militato anche nel Francavilla Fontana, Monterotondo e Rovigo in serie D per poi giocare a Molfetta, Maglie, Laterza e quest' anno ad Acquaviva.

Scheda di presentazione per Simone Del Zotti, classe 1991, elemento di valore della rosa dei rossoblù, rammaricato per l’andamento del campionato in una stagione in cui, considerato il valore della squadra, si poteva e doveva dare di più.

Ciao Simone, se era possibile presentarti, descrivendoci il tuo ruolo in campo, le tue qualità e i tuoi limiti

Ciao, mi chiamo Simone Del Zotti, classe 91, nasco come terzino destro ma con gli anni ho ricoperto diversi ruoli, essendo considerato duttile dalla maggior parte degli allenatori che ho avuto; la mia qualità migliore è senza dubbio la corsa mentre uno dei miei limiti è la costanza.

A chi ti ispiri come calciatore ?

Un giocatore che mi piace tantissimo è Gareth Bale, però dire che mi ispiro a lui sarebbe effettivamente troppo per cui mi limito a dire che è semplicemente un giocatore che stimo molto.

Un bilancio personale della stagione appena trascorsa

In questa stagione, parlo sia a livello personale che a livello di squadra, si poteva e si doveva fare di più, la classifica non rispecchia assolutamente le qualità della squadra perché con un pizzico di concentrazione in più e un po’ di buona sorte questo campionato lo si poteva anche vincere.

In che squadre hai militato nelle passate stagioni ?

Ho giocato per 10 anni nel Bari, percorrendo tutte le trafile delle giovanili, dai pulcini alla primavera, con un titolo di campione d'Italia sfumato solo ai calci di rigore contro l'Inter. Successivamente ho giocato a Francavilla Fontana, Monterotondo e Rovigo in serie D per poi giocare a Molfetta, Maglie, Laterza e quest' anno Acquaviva.

Il ricordo più bello e più brutto del campionato

Il ricordo più bello del campionato è stata la vittoria in rimonta a Modugno. Perdevamo 3 a 1 e alla fine abbiamo ribaltato il risultato concludendo la partita sul 3 a 4 con un mio gol su calcio d'angolo a pochi minuti dalla fine; il ricordo più brutto si è verificato invece due domeniche fa contro l'Andria, sarebbe dovuta essere la partita della svolta e invece abbiamo praticamente regalato l’incontro agli avversari.

Infine obiettivi per il finale di campionato e per la prossima stagione

Vogliamo chiudere la stagione nel migliore dei modi e mi auguro per l'anno prossimo di rincontrare nuovamente un gruppo fantastico e unito come quello di quest' anno perché quando c'è alchimia in uno spogliatoio tutto il resto è relativo.

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI