Martedì 21 Novembre 2017
   
Text Size

Vince lo Sport! Atletico Acquaviva- Bitetto si gioca al “Giammaria”

1003916 255895134563797_28038792_n

 

Incasso devoluto ai gestori del campo e nastro rosso al braccio in segno di rinascita

Nonostante gli atti vandalici che hanno colpito lo stadio "Giammaria" nei giorni scorsi, il campo comunale di Acquaviva resterà agibile e sarà lo scenario del match che vedrà opposti i rossoblu di casa alla capolista Bitetto.

Dopo un summit tra i vertici del comune, con a capo il Sindaco Carlucci, e dell'Atletico Acquaviva, rappresentati dai presidenti De Marinis e Lafortezza, è stata scongiurata la possibilità di chiudere il campo e di far disputare il match in un'altra località.

La motivazione principale di tale scelta è dovuta alla comune volontà di non arrendersi dinanzi allo scellerato gesto che ha parzialmente rovinato la struttura del "Giammaria", e di dare un segnale forte: vince lo sport! Vince la voglia di aggregazione! Vince la voglia di andare avanti e di non abbassare mai la testa!

In occasione del match contro il Bitetto, l'Atletico Acquaviva scenderà in campo con un nastrino rosso al braccio; inizialmente si era pensato di scendere in campo con un nastro nero in segno di lutto, ma la decisione di andare avanti dev'essere letta come una rinascita e da qui la scelta di un colore vivo, simbolo di gioia e rivalsa.

Inoltre l'incasso del match di domenica sarà interamente devoluto ai gestori del "Giammaria" al fine di contribuire, almeno parzialmente, alla ricostruzione delle strutture danneggiate nei giorni scorsi.

"Vogliamo lanciare un segnale forte - ha dichiarato il presidente Felice De Marinis - Lo sport ci insegna che non ci si deve mai arrendere, e da uomini di sport non potevamo abbassare il capo e fuggire dal nostro paese. La gara di domenica dev'essere una festa dello sport e dell'intera cittadina di Acquaviva, colpita da un atto vandalico ma in grado di risorgere e riprendere il proprio cammino."

 

Ufficio stampa ATLETICO ACQUAVIVA

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI