Lunedì 17 Giugno 2019
   
Text Size

PATRIMONIO DIMENTICATO: IL 16 CONFERENZA A RUTIGLIANO

50469_147210255318534_835_n

Un anno di lavoro, 130 giorni da un capo all’altro dell’Italia, 32 mila chilometri percorsi, 800 persone coinvolte, 80 ore di assemblee pubbliche, 300 interviste, 100 ore di filmati, 4 mila fotografie, 100 ore di filmati.

Sono questi i numeri della realizzazione del progetto di salvaguardia del patrimonio culturale immateriale riconosciuto dall’Unesco come Patrimonio dell’umanità, che verranno illustrati dalla Pro Loco di Rutigliano, nel corso di una conferenza stampa che si terrà il 16 settembre p.v. presso il Chiostro di Palazzo San Domenico, in Via L. Tarantini a Rutigliano, alle ore 19.30.

 L’iniziativa rappresenta il primo progetto operativo strutturato in maniera capillare sul territorio italiano grazie alla distribuzione geografica delle circa 6.000 associazioni Pro Loco.

Secondo la convenzione Unesco si intendono per Patrimonio culturale immateriale “le tradizioni ed espressioni orali, le arti dello spettacolo, le pratiche sociali, riti e feste, la conoscenza e le pratiche concernenti la natura dell’universo, le professioni e l’artigianato tradizionale”.

 “Il nostro obiettivo – ha dichiarato Claudio Nardocci, presidente nazionale delle Pro Loco – è stato quello di archiviare e tutelare il Patrimonio culturale immateriale e di valorizzare contestualmente il territorio attraverso iniziative sostenibili, sensibili all’ambiente e rispettose delle tradizioni locali”.

 Le Pro Loco, che sono state affiancate in questo lavoro dall’Anci, Enit, Cnr, Anpci, Eip, Trenta ore per la vita, Anspi, TG2 RaI, Crd - Regione Lazio e Società Geografica Italiana,  continueranno ora il progetto con l’archiviazione presso Civitella d’Agliano di tutto il materiale raccolto e di quello che si raccoglierà. Il borgo di Civitella diventerà così un importante centro di conservazione, documentazione e consultazione del patrimonio immateriale italiano a disposizione del pubblico ma soprattutto delle scuole e delle Università.

L’obiettivo delle Pro Loco è però ancora più ambizioso infatti, al fine di valorizzare il loro ruolo, l'Unpli (Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia) ha predisposto un testo di legge per la tutela del patrimonio immateriale (tradizioni, storia, cultura, ecc ). Tutte le Pro Loco italiane sono state chiamate alla raccolta di firme per sostenere la proposta di legge di iniziativa popolare “Custodiamo la nostra storia”.

 E ciò che le Pro Loco fanno da ormai da più di un secolo, e che oggi è divenuto un campo di battaglia in cui tutti, addetti e non addetti, si ritagliano spazi e compiti a volte con dubbie premesse e con equivoci risultati.

 Le Pro Loco stanno raccogliendo, su appositi moduli, le firme necessarie per la presentazione di una proposta di legge di iniziativa popolare mentre il 19 settembre è prevista una giornata nazionale durante la quale tutte le Pro Loco raccoglieranno le firme allestendo un apposito stand.

 Programma:

-Presentazione della pubblicazione “Il Patrimonio Dimenticato”

Interverranno:

Roberto Romagno,Sindaco Comune di Rutigliano
Gianvito Defilippis, Assessore al Turismo Comune di Rutigliano
Michele Desario, Presidente Pro Loco Rutigliano
Angelo Lazzari, Presidente UNPLI Puglia

Moderatore:
Gianni Capotorto, Giornalista

60453_144168295624909_100000952178811_197974_1829851_n

 

Il Patrimonio Culturale Immateriale

L’idea da cui è nato il progetto è scaturita dall’entrata in vigore, il 30 maggio 2006, della “Convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale”, dell’UNESCO.  Nella convenzione, all’articolo 2, finalmente si riconoscono come patrimonio dell’umanità da tutelare anche le tradizioni orali intese come veicolo del sapere, le arti, le pratiche sociali, i riti e le feste, l’artigianato tradizionale, la conoscenza e le pratiche concernenti la natura e l’universo. L’attività svolta istituzionalmente dall’Unpli dal 1962, anno della Sua costituzione, ha perseguito proprio questi scopi contribuendo ad accumulare un’enorme esperienza in questo campo.

L'obiettivo primario è quello di recuperare, archiviare e tutelare il nostro straordinario patrimonio culturale ed immateriale. Le Pro Loco sono forse le uniche associazioni diffuse su tutto il territorio nazionale che continuano da oltre un secolo questa attività.

manifesto_custodiamo_la_nostra_storia

-Raccolta Firme “Custodiamo la Nostra Storia” per la presentazione della legge per la valorizzazione dell'attività delle Pro Loco nel campo della tutela delle tradizioni, dell'artigianato e della cultura popolare.

 

 Per  ulteriori informazioni contattare: Associazione Turistica Pro Loco Rutigliano, Via Porticella n. 13 - 70018 Rutigliano (BA), Tel: 080 4770009 - Fax: 080 4770009

e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - sito web: www.prolocorutigliano.it

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI