Lunedì 10 Dicembre 2018
   
Text Size

Cuore di Banda: il 22/8 a Sammichele proiezione di Zinana

Zinana.2

Mercoledì 22 agosto, alle ore 20.30 nell'Atrio del Palazzo Caracciolo a Sammichele di Bari, per la Prima Edizione del Progetto "Cuore di Banda" ci sarà la proiezione del cortometraggio ZINANA di Pippo Mezzapesa regista, sceneggiatore e produttore, premiato con il David di Donatello come miglior cortometraggio 2004.

------

ZINANA’

di Pippo Mezzapesa

 

Il piccolo Arcangelo Turturro un giorno assiste a un funerale con tanto di banda al seguito, e, osservando un suonatore goffo, truce e claudicante, decide che da grande il suo mestiere sarà suonare i piatti in una banda. Ma una volta adulto, nonostante abbia raggiunto il suo scopo, avrà il serio problema di non andare a tempo col resto dei musicanti…

 

ZINANA' è un film del 2004, diretto da Pippo Mezzapesa, con Paolo De Vita e Mimmo Mancini.

 

ANNO: 2004

REGIA: Pippo Mezzapesa

ATTORI: Paolo De Vita, Mimmo Mancini, Gianluca Abbattista, Pinuccio Sinisi, Barbara Manzato, Antonella Maddalena

PAESE: Italia

DURATA: 13 Min

FORMATO: S16 MM

DISTRIBUZIONE: BANANAFISH

 

DAVID DI DONATELLO 2004 PER IL MIGLIOR CORTOMETRAGGIO

(EX-AEQUO CON "SOLE" DI MICHELE CARRILLO)-

PRESENTATO AL 5° FESTIVAL DEL CINEMA EUROPEO DI LECCE (2004)

------

Chi è Pippo Mezzapesa

Ha conseguito la maturità classica e si è laureato in giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Bari. Regista, sceneggiatore e produttore, si approccia al cinema da autodidatta. Il suo primo cortometraggio è Lido Azzurro del 2001 e descrive la giornata tipo di una stramba e malinconica famiglia della provincia pugliese. Diversi i festival del settore a cui partecipa e che si aggiudica. Nel 2003 ha scritto la sceneggiatura di alcuni episodi del film collettivo ...A Levante. Dallo stesso anno collabora con la sceneggiatrice Antonella Gaeta con la quale scrive Zinanà, fortunata e commovente storia di un suonatore di piatti in un paese della provincia di Bari. Il cortometraggio, prodotto da River Film e Fanfara Film, si aggiudica il David di Donatello ed è finalista ai Nastri d'argento.

 

Nel 2005 intraprende anche un percorso nel cinema documentario con Produrre consumare morire indagando sui disastri e le morti causate dal Petrolchimico di Brindisi. Il suo terzo corto, intitolato Come a Cassano racconta la storia dell'omonimia fra un ragazzino pre-adolescente e il calciatore barese Antonio Cassano. La pellicola è prodotta da Beppe Caschetto e si aggiudica la menzione speciale ai Nastri d'argento. Il 2007 è l'anno del suo secondo documentario, che mescola cinema del reale a invenzione, Pinuccio Lovero - Sogno di una morte di mezza estate. Il lavoro sbarca al Festival di Venezia, come evento speciale della Settimana della critica e vince il premio Italian Dvd & Blu-ray Award.

 

Nel 2009 ritorna alla fiction con il cortometraggio L'altra metà, storia della fuga di un'anziana donna da una casa di riposo. Il cortometraggio ottiene la nomination al David di Donatello e al Globo d'oro, oltre a una menzione speciale per la regia ai Nastri d'argento e il premio Michelangelo Antonioni al Bif&st.

 

Nel 2011 firma la sceneggiatura e la regia del suo primo lungometraggio di finzione Il paese delle spose infelici tratto dall'omonimo romanzo di Mario Desiati. Storia della formazione alla vita, all'ombra dei fumi del Siderurgico di Taranto, e dell'amore sognato di due adolescenti per una donna misteriosa. Il film prodotto da Fandango e Rai Cinema è selezionato nel concorso ufficiale del Festival Internazionale del Film di Roma. La versione francese si intitola "Annalisa" e ha ottenunto recensioni positive sulla stampa transalpina [1].

 

Nel 2012 produce, scrive e cura la regia del film documentario Pinuccio Lovero - Yes I Can, sulla candidatura alle elezioni comunali del becchino Pinuccio Lovero con un programma tutto cimiteriale. Il film è selezionato in concorso nella sezione Prospettiva Italia del Festival Internazionale del Film di Roma. Sempre nel 2012 realizza il documentario breve SettanTA, ritratto di una giornata particolare all'ombra delle ciminiere dell'Ilva, nel quartiere Tamburi di Taranto. Il cortometraggio ottiene la candidatura ai David di Donatello e vince il Nastro d'argento.

 

Nel 2017 gira il cortometraggio La giornata per CGIL e FLAI. Il corto, basato su inchieste giornalistiche e atti processuali sulle nuove forme di caporalato, porta alla luce la vicenda di Paola Clemente bracciante di quarantanove anni morta di lavoro nelle campagne pugliesi.

 

Nel 2018 firma sceneggiatura e regia del lungometraggio Il bene mio, prodotto da Altre storie in collaborazione con Rai Cinema. Il film narra le vicende di Elia (interpretato da Sergio Rubini), ultimo e tenace abitante del paese fantasma di Provvidenza. Il film è invitato come evento speciale alla 15ma edizione delle Giornate degli Autori de La Biennale di Venezia.

------

CUORE DI BANDA

La banda nel cuore della città. La musica, un linguaggio universale e senza confini che nella tradizione delle nostre comunità ha rappresentato un collante sociale. La banda stessa nasce come aggregazione di musicisti, simbolo che collega la passione per la musica con piazze e vicoli inondati spesso da note armoniose che davano il segno della festaa. Per secoli le bande sono diventati quasi un elemento del paesaggio sonoro della Terra di Bari. Le loro arie hanno riempito le nostre piazze, al punto da renderle parte di esse. Ma cosa è rimasto di questa tradizione? <<Cuore di Banda>> è il festival promosso dai Comuni di Acquaviva delle Fonti, Sammichele di Bari e Turi. La manifestazione vuole andare dritto al <<cuore>>, appunto, di un genere che può considerarsi <<sociale>>, fondato cioè sull'aggregazione fra musicisti, un tempo autodidatti, che, provenendo da classi umili, provano a mettersi insieme per suonare ma anche per affermare l'orgoglio di una comunità. E' una storia molto simile a quella di tanti altri fenomeni musicali di tutto il mondo, ed è per questo che abbiamo voluto organizzare un festival che contamini questo linguaggio tipicamente pugliese con stili ed esperienze diverse del sud e internazionali. A cominciare da Enzo Avitabile e i Bottari, che ha aperto la rassegna domenica scorsa ad Acquaviva delle Fonti, nell'ambito della Festa della Cipolla, per continuare per tutto luglio e agosto e poi ancora fino al 2020 con una serie di eventi che vedranno grandi maestri come Massimo Ranieri suonare sullo stesso palco di una bassa banda, street band come la Contourband e bande blasonate come quelle di Acquaviva e Conversano, la Kocani Orchestar dei film di Kusturica e i Bari jungle Brothers che hanno saputo declinare nella nostra lingua la tradizione delle crew. Turismo, cultura, tradizioni, un trinomio capace di esaltare la bellezza di un territorio incastonato nel <<Cuore di Banda>>.

 

Sito web CUORE DI BANDA: www.cuoredibanda.it 

Pagina FB CUORE DI BANDA: https://www.facebook.com/cuoredibandapuglia

Link FB EVENTO:https://www.facebook.com/events/474505769621691/

SAMMICHELE 22_AGOSTO

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI