Domenica 22 Luglio 2018
   
Text Size

"Conte Roberto Gurguglione tra leggenda e realtà"

sab 30_giugno.2

 

Il “Conte Roberto Gurguglione tra leggenda e realtà” è questo il tema della rievocazione storica della metà del XII secolo che si svolgerà in città sabato 30 giugno in piazza dei Martiri 1799.

Un evento nell’evento che certamente farà parlare di sé. Piatti tipici, mercanti, musici, giocolieri e visite guidate gratuite al centro antico.

A pochi giorni dalla manifestazione abbiamo incontrato Maria Antonietta Favia curatrice e direttore artistico dell’Associazione teatrale fili d’argento guidata dal presidente Giovanni Signorile.

Come nasce questo progetto?

“L’evento nasce dall’entusiasmo dei soci dell’Associazione Fili d’Argento di far rivivere la nostra città. Dopo le varie edizioni del Presepe vivente, i musical e le commedie ci siamo chiesti cosa possiamo fare? Abbiamo pensato di realizzare una rievocazione storica sul conte Roberto Gurguglione (Serguglione o Surguglione) del quale non abbiamo fonti scritte certe su quel periodo, siamo a metà del XII secolo. Il tutto è partito da una ricerca storica durata otto mesi. Ci tengo molto a dire che mi ha supportato tantissimo il sapere di Antonio Lucarelli, al tempo stesso mi ha aiutato anche Austacio Busto. Per rendere la serata più simpatica sulla scorta di tutte queste notizie raccolte ho scritto una parodia che verte sull’ironico ma ha del vero. Tra leggenda e realtà, tra notizie certe e meno certe”.

Come si svolgerà la serata?

“Alle ore 20,00 partiremo da Palazzo De Mari ci sarà l’ingresso, solo per una volta, del conte Gurguglione che con la sua scorta raggiungerà la sua corte in piazza dei Martiri del 1799. Seguirà una piccola parodia che si ripeterà come da programma alle 20,45 e alle 21,30. Il tutto allietato da musica e balli dell’epoca. Come Fili d’argento eseguiremo un canto il ‘Regis Pastor’. La nostra associazione è la promotrice dell’evento, a noi si è affiancata la Pro Loco con il quale stiamo camminando di pari passo”.

Quanti sono i figuranti che prenderanno parte all’evento?

“Un centinaio. Non è stato per niente facile coinvolgere partecipanti locali. Molti sono i forestieri sia come singoli che come associazioni che hanno aderito a questo progetto. Da Altamura, la Pro Loco di Casamassima e l’Opus Milites e il Centro Polivalente Anziani di Acquaviva delle Fonti”.

Un tuffo indietro nel tempo insomma… con la cura dei dettagli e scenografia che contraddistingue le vostre rappresentazioni

“Anche gli esercenti -precisa Vito Bruno- saranno in costume, parleremo con il dialetto dell’epoca”.

Il nostro obiettivo è creare occasioni per stare insieme, recuperare le nostre radici ci auguriamo di portare un po’ di gente in città. Approfitto di questo spazio per ringraziare tutti i membri dei Fili d’Argento che mi seguono con costanza e il presidente Signorile. Vi aspettiamo numerosi!”.

Conte Roberto_Gurguglione

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI