Presa di mira sede Lega, Carnevale: “Giudico l'episodio grave”

Carnevale Salvini_640x300

Nella notte fra il 29 e il 30 agosto, ad Acquaviva delle Fonti è stata presa di mira la sede della Lega a Piazza dei Martiri: alcune scritte sono apparse sulle porte d'ingresso; poi altre parole di un mittente sconosciuto su un foglio posto con dell'adesivo (con termini quali “fascismo”, “razzismo”, e “porte chiuse”); serrata l’entrata con un catenaccio accanto ad un manichino senza testa e con una scritta appesa “W i negri”. – Il fatto è stato già denunciato alle autorità competenti. Il gesto risulta ripreso da telecamere: ora l’acquisizione dei filmati farà risalire a relativi responsabili.

Carnevale 300x300IL PUNTO – È una Rossella Carnevale, segretario cittadino della "Lega – Salvini Premier", tutta amarezza e gratitudine. L'increscioso accaduto è quasi un sottile grido d'allarme per la società acquavivese: mai così colpita emotivamente a qualche giorno dalla festa patronale; giorni solitamente di unità e condivisione.

L'attacco alla sede leghista sembra però la punta di un iceberg: dalla scorsa campagna elettorale per le comunali il clima politico è rimasto spiacevolmente avvelenato. Ma oggi tocca nuove punte. È forse in pericolo il nostro vivere democratico garantito dalla Costituzione, oltre alla libera associazione dei cittadini in partiti “per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”? (Art. 49) Nel frattempo, accanto alla solidarietà di molti sui social ed in privato, si attesta ancora l'assenza di un comunicato ufficiale di condanna da parte delle Istituzioni cittadine.

 

Come giudicare l'episodio della scorsa notte che ha visto nel mirino una sede della Lega?

 

Rossella Carnevale: «Da cittadina italiana giudico l'episodio accaduto grave, non solo per l'atto in sé ma per il significato che cela: impedire il democratico esercizio di pensiero, di parola, di condivisione all'interno di un gruppo, equivale a dire che viviamo in una sorta di dittatura, pericolosissima per tutti noi. La libertà di essere se stessi è un bene inalienabile. Per essa uomini e donne di ogni colore politico, di ogni fede, di ogni latitudine terrestre hanno dato la vita.»

 

Ha già ricevuto messaggi di solidarietà da altre forze politiche locali?

 

«Stiamo ricevendo tanta solidarietà per l'accaduto. Ringraziamo tutti quanti con l'affetto di sempre.»

 

Che messaggio costruttivo possiamo lanciare a favore del dialogo fra differenti culture politiche? Quali sono le responsabilità della Lega? Le responsabilità dei suoi antagonisti? Che messaggio possiamo lanciare ai giovani?

 

«Stiamo vivendo un momento storico di grande emotività, alimentata dall'appartenenza ai propri ideali e alla propria visione di futuro economico, sociale, culturale della società. La Lega vuole partecipare a questo cambiamento insieme a tutte le forze politiche che, con senso di responsabilità, intendono proporre un nuovo modello. Ognuno di noi, nessuno escluso, deve assumersi l'onere e l'onore di diventare protagonista di questo cambiamento. Colgo l'occasione per rivolgere ai giovani un accorato appello: tutti noi abbiamo bisogno di voi, desideriamo ascoltare il vostro parere, di conoscere la vostra visione, di condividere la vostra istintiva propensione a guardare avanti. Svolgere attività politica con consapevolezza e passione rappresenta una delle forme più alte e meritevoli di partecipazione e condivisione.»

Rubrica Ambiente_Etica_Socialit

(Rubrica “Dal Basso”)