COMUNE, PASSA IL BILANCIO CONSUNTIVO 2009

consiglio_comunale

Un film già visto. Stessa scena, stessi protagonisti. Anche se ieri distanti, l’asse Pistilli- Carucci continua a colpire questa amministrazione timida e statica. Sono i due cavalli di razza della politica che conducono i giochi del consiglio comunale, ogni tanto conditi da qualche comparsata della Maggioranza. Tra problemi audio, che hanno ritardato l’inizio dei lavori, e le solite bagarre personali tra i consiglieri, si è svolta un ennesima assise consiliare fossilizzata ancora sulla passata amministrazione Pistilli e su uno scontro dialettico tra l’ex primo cittadino e l’attuale Sindaco Squicciarini.

All'ordine del giorno dei lavori dell’assise, vi erano i seguenti punti:

1. Esame ed approvazione del Rendiconto della gestione relativo all’esercizio finanziario 2009.
2. Interrogazioni varie.

Per quanto concerne l’esame del bilancio consuntivo 2009, doveva essere stato già approvato nella seduta del 13 Luglio 2010, ma a seguito di una richiesta espressa dalla minoranza per volontà del consigliere Petruzzellis, si decise di rinviarne l’approvazione per allegare una documentazione tecnica redatta dai dirigenti comunali al fine di chiarire alcuni dubbi e perplessità sull’esercizio finanziario del 2009.

L’opposizione voleva degli accertamenti riguardo alcuni residui attivi e passivi “cancellati” dal bilancio.

Dopo una breve e attenta lettura del rendiconto finanziario 2009, il consigliere Petruzzellis ha sottolineato che “ nella relazione fornita dai dirigenti comunali nelle varie voci non sono stati scritti nè i nomi dei creditori nè i nomi dei debitori che vantano crediti e/o debiti nei confronti del nostro ente;  per legge questi nomi vanno inseriti”. “Avevamo deciso di rinviare la votazione-ha spiegato il Direttore Generale della Provincia di Bari- perché volevamo alcune puntualizzazioni dai dirigenti comunali e invece ci avete riportato quasi la stessa relazione tecnica della scorsa volta”.

Quello dell’esame del bilancio consuntivo del 2009 è stato un punto discusso e polemico che ha portato addirittura il consigliere Petruzzellis, in un impeto di rabbia, a minacciare l’attuale amministrazione comunale di una denuncia alla Corte dei Conti  per “omissione di atti d’ufficio”.

È intervenuto, per la maggioranza, il consigliere Filippo Cassano, il quale ha espresso gli stessi dubbi e le stesse perplessità a riguardo del rendiconto finanziario del 2009. Cassano ha presentato all’intera assise una documentazione cartacea ove ha messo per iscritto punto per punto tutte le sue perplessità in merito alla gestione finanziaria 2009 che, occorre ricordare è per sei mesi dell’amministrazione Pistilli e per sei mesi della gestione commissariale.

La Corte dei Conti- ha detto l’esponente della Compagnia delle Arti- ha rilevato irregolarità nella gestione finanziaria che va dagli anni 2004 al 2009 riscontrando irregolarità e carenze amministrative soprattutto in un uso improprio dell’avanzo di amministrazione; la passata amministrazione ha perseguito una gestione finanziaria poco oculata; a mio avviso un comune che ha tanti debiti non dovrebbe utilizzare l’avanzo di amministrazione per finanziare e cantierizzare opere pubbliche come nel caso della riqualificazione di Piazza Garibaldi”.

Il Sindaco Squicciarini ha poi spiegato all’intera assemblea che l’amministrazione da lui guidata, sin dal primo momento dal suo insediamento, ha ricevuto sollecitazioni da parte della Corte dei Conti a sanare debiti pendenti e a risolvere celermente l’annosa questione 167, la quale con l’alienazione dei suoli potrà dare nuova linfa vitale alle casse comunali oramai senza più ossigeno. Inoltre, ha proseguito il primo cittadino, “è necessario risolvere anche la questione Lombardi Ecologia, la quale vanta crediti nei confronti dell’ente comunale per circa 3 milioni di euro; cercheremo inoltre al più presto di bandire una nuova gara d’appalto per affidare la gestione della nettezza urbana ad una società che offra un servizio migliore di quello offerto dalla Lombardi Ecologia e che implementi soprattutto la raccolta differenziata che in questo paese è gestita male o addirittura assente”.

Dopo circa un ora di dibattito si è approvato il  primo punto che ha visto 12 voti favorevoli, 8 contrari e un astenuto (consigliere Filippo Cassano).

Un argomento caldo quello del rendiconto finanziario 2009 che ha raccolto il netto disappunto, ribadito nello scorso consiglio del 13 Luglio, dell’intera opposizione e ha registrato le coraggiose posizioni assunte dal consigliere Cassano, che assieme alle recenti 10 mozioni sul programma elettorale presentate alla sua maggioranza, mettono in chiara evidenza la presenza di primi segnali di un ipotetica crisi all’interno della coalizione di centro sinistra.

Approfondiremo in un articolo successivo il secondo argomento all’ordine del giorno.