Lunedì 17 Giugno 2019
   
Text Size

10 Febbraio, l'Assessora Grilli risponde alla minoranza di centrodestra

Cate Grilli_640x300

Un malinteso in dialettica fra maggioranza e opposizione mina al giusto clima istituzionale che dovrebbe accompagnare la celebrazione del 10 Febbraio, "Giornata del Ricordo", ad Acquaviva delle Fonti: giorno cui la Repubblica Italiana ricorda le delicate vicende del Confine Orientale, fra esuli e vittime dell'eccidio delle Foibe.
Tutto nasce recentemente in sede di Consiglio comunale, da un voto contrario della maggioranza a guida Davide Carlucci: un dialogo non più seguito da un accordo comune sull'organizzazione delle celebrazioni. Dura e significativa la nota già espressa da una parte della minoranza, nel centrodestra.
Caterina Grilli
Replica così Caterina Grilli, Assessora alla Cultura, Bilancio, Smart City: "Il 10 febbraio si celebra il Giorno del Ricordo, ricorrenza istituita dalla Legge n. 92/2004. Le vittime che si intendono ricordare e commemorare sono quelle delle foibe... E a volte, nella polemica politica, questo dato si perde di vista! L’amministrazione comunale ha concesso il patrocinio, sebbene gli organizzatori non l’abbiano richiesto perché risentiti della bocciatura della loro mozione in consiglio. Con il voto contrario alla mozione presentata in Consiglio dall’opposizione, avente appunto ad oggetto il 'Giorno del Ricordo', tuttavia, non si voleva intendere di non voler organizzare o consentire eventi in onore di tale giornata. Al contrario! Avevamo già deciso di promuovere un’iniziativa volta a rendere omaggio alle vittime delle foibe. Più semplicemente, abbiamo voluto stigmatizzare la modalità con cui è stata avanzata la proposta da parte dei consiglieri di minoranza: bastava che ci presentassero la richiesta, come hanno fatto i Millennials in occasione della 'Giornata della Memoria'.
A riprova di ciò, il giorno 1 febbraio abbiamo inviato una pec in risposta alla richiesta di utilizzo della sala anagrafe per la proiezione del film 'Red land - Rosso Istria', da parte degli stessi consiglieri, concedendo il patrocinio all’iniziativa e quindi la disponibilità della sala a titolo gratuito nonché del video proiettore, oltre la stampa di locandine per diffondere l’evento, assicurando inoltre la nostra partecipazione. 
Se si pensasse alla tragedia in sé, e non alle sue implicazioni politiche, forse sarebbe tutto più semplice".
(Rubrica "Dal Basso", Ambiente Etica Socialità. - Ultim'ora.)
Rubrica Ambiente_Etica_Socialit

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI