Giovedì 21 Giugno 2018
   
Text Size

Ad Acquaviva delle Fonti "si può fare il Macello!

6 aprile_2018

 

DIBATITO SULLE PROSPETTIVE DI RIUSO DELLEX MATTATOIO COMUNALE

 

Un ex Mattatoio comunale diventa “cantiere” per l’Arte e per la Rigenerazione urbana. Succede ad Acquaviva delle Fonti dove, venerdì 6 aprile, dalle 18.30, con l’evento “Si può fare il macello!” si apre un nuovo spazio nell’ex macello cittadino. Per l’occasione i due artisti Martino Larocchia e Daniele Lazzazzara, del gruppo “Sea on Mars Crew”, si esibiranno in un “live painting” sulle pareti esterni dell’immobile.

Sita in via Togliatti, nel quartiere San Domenico nei pressi della scuola Collodi, la struttura offre un ampio spazio esterno già utilizzabile e un altrettanto esteso locale coperto, diviso in ambienti più stretti da mura, che si presenta solido ma con necessità di riqualificazione.

Già dal 2015 il processo di riqualificazione si è arricchito dell’apporto dell’Associazione Small, che con giovani architetti, guidati da Alessandro Cariello, ha prima avviato un momento di visita e riflessione su luoghi abbandonati di Acquaviva, per poi focalizzare l’attenzione e lo studio, anche attraverso le tesi di alcuni associati acquavivesi, sul recupero dell’ex macello, culminati a luglio 2016 con un protocollo di intesa con il Comune di Acquaviva e con un riuscito

Il processo di riqualificazione ha fatto un ulteriore passo in avanti con Patrizia Pirro e Giorgia Lubisco, redattrici del progetto SISUSStrategia Integrata per lo Sviluppo Urbano Sostenibile, vincitore con Cassano di un finanziamento di 4.5 milioni di euro. 

In questa prospettiva, l’ex mattatoio comunale può diventare un luogo interessante di socialità all’interno di un quartiere che non ha una piazza, non ha uffici pubblici, non ha nemmeno un bar o altri luoghi dove dialogare.

Nelle prossime settimane sono previsti incontri di partecipazione con i cittadini, mostre d’arte e interventi en plein air e altre attività all’aperto. 

 si-puo-fare-un-macello-locandina

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI