Sabato 20 Ottobre 2018
   
Text Size

Rigenerazione Urbana: a Cassano e Acquaviva assegnati 4,5 milioni di euro

regione puglia_esterno

 

Classificandosi al terzo posto nella graduatoria dei Comuni pugliesi, il raggruppamento Cassano delle Murge-Acquaviva delle Fonti ha ottenuto un finanziamento di 4,5 milioni di euro per i progetti di rigenerazione urbana.

Si è conclusa, infatti, la prima fase di valutazione del bando regionale sulla rigenerazione urbana, approvato a maggio dello scorso anno dalla Giunta regionale e finalizzato a selezionare Aree Urbane caratterizzate da particolari condizioni di marginalità sociale ed economica nelle quali creare o migliorare servizi, favorendo processi di inclusione sociale delle fasce disagiate della popolazione residente.

Al bando potevano partecipare i Comuni pugliesi (anche in foma aggregata), con popolazione residente di almeno 15 mila unità, che avessero adottato il Documento Programmatico di Rigenerazione Urbana (DPRU) e dotati di una Strategia Integrata per lo Sviluppo Urbano Sostenibile (SISUS).

Si tratta, in sostanza, di importanti strumenti di programmazione in campo urbanistico che, partendo dall’analisi del contesto territoriale, individuano le infrastrutture e i servizi necessari a migliorare la vivibilità dei quartieri, ridurre il disagio abitativo, innalzare la qualità architettonica e la qualificazione ecologica degli edifici, ridurre il consumo delle risorse, riconnettere il tessuto urbano, in modo da favorire processi di inclusione sociale e contrastare fenomeni di degrado e disagio.

Per la realizzazione degli interventi, è previsto il coinvolgimento di numerosi e qualificati partner pubblici e privati (come l’Ente Parco Nazionale dell’Alta Murgia, la Città Metropolitana di Bari, l’ARCA, l’Istituto Nazionale di Urbanistica, l’Associazione Nazionale Costruttori Edili, il Gruppo di Azione Locale “Terre di Murgia” e poi istituti scolastici, imprese sociali, associazioni, parrocchie).

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI