Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

PIANO DI ZONA. LA POSIZIONE DELL’AMM. SQUICCIARINI

palazzo_de_mari

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota di risposta dell'Amministrazione Comunale in merito al Comunicato Stampa del dott. Daluiso riguardante il Piano Sociale di Zona:

Alcuni organi di informazione hanno riportato la preoccupazione manifestata dal dott. Emanuele Daluiso, coordinatore dell’ufficio di Piano Sociale di Zona, relativa alla situazione di sostanziale immobilismo in cui, da troppo tempo ormai, versa l’organismo sovra comunale.

Tale situazione, se non risolta nel brevissimo tempo, porterà ad un commissariamento da parte della Regione segnando la fine di ogni attività di concertazione nell’ambito delle politiche sociali e dell’offerta di servizi essenziali per la comunità.

La preoccupazione verso una fase di stallo e la volontà di evitare il commissariamento mi ha portato, in uno con l’assessore ai servizi sociali Carmela Capozzo, a verificare insieme ad altri comuni quali Cassano e Toritto l’ipotesi di individuare un nuovo comune capofila in grado di porre in essere una forte e decisa azione di rilancio del Piano di Zona. Pur avendo professionalità e competenze il Comune di Acquaviva non ha potuto candidarsi a comune capofila a causa dell’impatto che si avrebbe sul Patto di Stabilità.

Nei prossimi giorni incontreremo l’assessore regionale alle Politiche Sociali Elena Gentile con l’obiettivo di evitare il commissariamento e trovare soluzioni che salvaguardino, in primis, gli interessi della collettività e dei cittadini che usufruiscono dei servizi offerti dal Piano di Zona.

Purtroppo chi oggi è ancora comune capofila (il comune di Grumo) deve prendere atto delle difficoltà organizzative a cui non è riuscito a porre rimedio comprendendo che tali inefficienze vanno a totale discapito della erogazione di servizi rivolti alle fasce sociali più deboli.

Il Comune di Acquaviva ha sempre svolto con impegno e grande senso di responsabilità la gestione dei servizi di cui è responsabile per questo pretendiamo che tutti i comuni compresi nel Piano di Zona dimostrino stesso impegno e senso di responsabilità tanto più se si considera che i destinatari di tali servizi sono cittadini che spesso, nel silenzio delle quotidiane difficoltà, trovano nei comuni opportunità di sostegno fondamentali ed irrinunciabili.

Occorre da subito dare immediata applicazione alle prescrizioni formulate dalla Regione al fine di ripristinare le condizioni di funzionamento del Piano.  Inoltre occorre sciogliere alcuni dubbi in merito alle assunzioni di personale per l’Ufficio di Piano relativamente all’impatto che queste potrebbero avere sul rispetto del limite di spesa per il personale e quindi sul rispetto del Patto di Stabilità, questione ancora più rilevante per l’attuale amministrazione di Acquaviva che ha ereditato il peso gravoso delle sanzioni per il mancato rispetto del patto di stabilità nell’anno 2009.

Per questo motivo l’Amministrazione si sta adoperando affinché, di concerto con altri comuni, si trovi rapida soluzione ad una situazione che rischia di produrre danni enormi sulle comunità.

La politica deve dimostrarsi capace di rimettere in primo piano le esigenze dei cittadini specialmente di coloro che vivono situazioni di quotidiano disagio.

Acquaviva delle Fonti, 17 agosto 2010

                                                                                                                                                                                                                                                               Il Sindaco

Ing. Francesco Squicciarini

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI