Martedì 23 Ottobre 2018
   
Text Size

Città Metropolitana e Cuore della Puglia alla Regione: Finanziate le strade rurali

image0031

 

Individuare risorse per le strade rurali, lasciate all'abbandono e al degrado e divenute terre di nessuno dove prosperano furti, vandalismo e inquinamento. E' la richiesta che viene dai Comuni della Città Metropolitana di Bari.

A porre la questione, nel corso dell'ultimo incontro sul tema della sicurezza nelle aree agricole, sono stati i Sindaci dei Comuni del "Cuore della Puglia", un'associazione di municipalità che si prefigge il tema di valorizzare l'agricoltura e il territorio dell'entroterra pugliese, organizzando eventi e azioni di sensibilizzazione.

Il vicesindaco metropolitano Michele Abbaticchio e il consigliere delegato Antonio Stragapede hanno annunciato che porranno la questione all'attenzione degli organi regionali e nazionali.

Ecco il testo della lettera sottoscritta dal sindaco di Acquaviva delle Fonti, Davide Carlucci, presidente di Cuore della Puglia, e dai vicepresidenti di Cuore della Puglia, Menino Coppi, sindaco di Turi, e Giuseppe Rutigliano, vicesindaco di Rutigliano, tra i primi a porre la questione della sicurezza nelle campagne nel Barese.

COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI

70021 Città Metropolitana di Bari

 

image001

marchio_DEF

 

ASSOCIAZIONE CUORE DELLA PUGLIA

 

Con la presente chiedo, a nome dell'Associazione di Comuni "Cuore della Puglia", che raggruppa le municipalità di Acquaviva delle Fonti, Altamura, Casamassima, Cassano, Cellamare, Corato, Gravina, Putignano, Rutigliano e Turi, tutte appartenenti alla Città Metropolitana di Bari, di porre ufficialmente all'attenzione della Regione Puglia il tema della necessità di rifinanziare le strade rurali.          

È evidente, infatti, lo stato di abbandono e di degrado della viabilità nelle aree agricole. Da anni non si ha più notizia di sostegni economici a questo settore, un tempo oggetto di investimenti da parte delle comunità montane e dei consorzi di bonifica.      

Il Psr 2014-2020 non prevede alcun tipo di finanziamento per le infrastrutture in campagna. Ciò stride vistosamente con le enunciazioni di principio sulla necessità di sostenere l'agricoltura attraverso il marketing, le nuove tecnologie, l'innovazione e la ricerca. Ai coltivatori 4.0 si narra la favola di un'agricoltura che corre lungo le infrastrutture digitali, su quelle reali, però, i trattori e le auto viaggiano a stento, spaccandosi le ruote e gli assi, tra strade disseminate di crateri e di discariche che fioriscono in maniera esponenziale con la crescita del degrado.

La Città Metropolitana di Bari ha una superficie di 5138 chilometri quadrati, più del doppio del Lussemburgo, 15 volte più di Malta, maggiore anche di Trinidad e Tobago e della Polinesia Francese. Eppure deve far fronte alla manutenzione di questa immensità di vie, strade e tratturi con le magrissime risorse dei bilanci comunali dei 41 Comuni, che a volte, al capitolo delle strade, non riescono a dedicare più di 100mila euro all'anno, fondi che devono bastare per il centro abitato quanto per la campagna.        

È per questo che, per non condannare alla morte e alla marginalità un settore che da anni sta mostrando segnali di ripresa, trainando la crescita delle esportazioni in tutto il Sud, chiediamo al Sindaco Decaro di farsi portavoce di questo disagio, sia in quanto Sindaco metropolitano che nella sua veste di presidente nazionale dell'Anci, l'associazione nazionale dei Comuni italiani.        

Ringraziamo il vicesindaco Abbaticchio e il consigliere delegato Stragapede per essersi già resi disponibili a farsi portavoce di questo nostro disagio nel corso dell'ultima riunione che si è svolta in Città Metropolitana nella quale si è affrontato un tema molto attinente, quello della crescente insicurezza che gli agricoltori vivono nelle nostre campagne, tra furti, abbandoni di rifiuti, estorsioni e inquinamento di vario genere. In questo contesto di illegalità diffusa le strade dissestate rischiano di ingenerare lo stesso effetto criminogeno del "vetro rotto" contro cui si è battuto negli anni Novanta il sindaco di New York Rudolph Giuliani per riportare l'ordine e la serenità nelle sue periferie.  

Non trasformiamo le campagne pugliesi in terre di nessuno dove lo squallore e la devastazione possa soppiantare la composta civiltà del muretto a secco.

 

Davide Carlucci

Sindaco di Acquaviva delle Fonti          

Presidente "Cuore della Puglia"

 

Menino Coppi  

Sindaco di Turi

Vicepresidente "Cuore della Puglia"

 

Giuseppe Valenzano    

Vicesindaco di Rutigliano            

Vicepresidente "Cuore della Puglia"

 

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI