Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

Bidoni all’esterno dei negozi, dalla prossima settimana partono le sanzioni

nascondi-bidoni-immondizia-1

L'ordinanza numero 34 del 10 maggio 2017, con la quale si concedeva agli esercizi commerciali una deroga per consentire di tenere all'esterno i contenitori dei rifiuti, a patto che gli esercenti si dotassero di appositi nascondi-bidoni in legno, è stata disattesa da tutti i titolari delle attività.
Questo sta portando a un aumento del degrado in città e a problemi igienico-sanitari e di decoro urbano. Per questa ragione, venuto meno il patto di reciproca collaborazione tra privati e Amministrazione comunale, si comunica che a partire dalla prossima settimana saranno disposti controlli della Polizia Municipale su tutto il territorio comunale finalizzati a sanzionare quanti risultassero inadempienti rispetto all'ordinanza numero 137 del 6 dicembre 2016 che vieta l'esposizione all'esterno dei bidoncini negli orari in cui non è prevista la raccolta.
 
L'ordinanza 34, infatti, recitava così: "In deroga e ad integrazione di quanto previsto dall’Ordinanza n. 137 del 06/12/2016, per le sole utenze non domestiche che, per questioni di insufficienza di spazi interni, sono impossibilitate a conservare le dotazioni per la raccolta differenziata dei rifiuti all’interno delle aree di pertinenza, è consentita, fermo restando l’osservanza delle restanti disposizioni previste, la installazione di apposite strutture in legno, esterne all’attività, atte alla mitigazione visiva, igienico e olfattiva di contenitori e mastelli. Tale deroga entrerà in vigore a partire dal 15 giugno p.v.. I rifiuti esposti in violazione delle modalità stabilite non verranno prelevati ed i trasgressori, che hanno l’obbligo della rimozione immediata dalla strada, saranno sanzionati come indicato nell’allegato A); nel caso di inottemperanza all’obbligo di rimozione dei rifiuti dal suolo pubblico, gli stessi verranno prelevati dal gestore del servizio con spese a carico degli inadempienti".
L'Amministrazione Comunale aveva anche fornito un esempio visivo delle strutture in legno che potessero servire a occultare i bidoni. Stando all'ordinanza, tuttavia, le strutture possono essere in materiale legnoso di vario tipo, anche il più economico (canne di bambù, vimini, ecc). Ciò nonostante, nessuna iniziativa a riguardo è stata presa dai commercianti. Di qui la necessità di partire con una serie di controlli mirati. Nessuna sanzione sarà prevista per chi avrà ottemperato all'ordinanza 34 del 10 maggio 2017.  

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI