Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

Sinistra Italiana: una ferita per la comunità

SI


Di seguito la nota di “Sinistra Italiana” sulla vicenda giudiziaria.

 

Gli arresti effettuati di ex funzionari comunali, politici ed imprenditori legati al Comune di Acquaviva rappresentano una ferita per la nostra comunità, oltre che una dimostrazione evidente di quanto sia ancora presente nel nostro territorio una cultura dell’illegalità e una pratica del malaffare

che ha impoverito per molti anni questa città, con l’interesse di pochi spesso perseguito a danno di quello collettivo.

Non possiamo che augurarci che dalle aule dei tribunali sia fatta chiarezza sui protagonisti e sulle vicende relative agli appalti per il Teatro Comunale e le Acque Reflue e che chi ha pensato di potersi arricchire illegalmente a spese dei cittadini venga condannato a scontare la giusta pena.

Siamo però orgogliosi del comportamento dell’assessore Austacio Busto che, interpretando il suo ruolo istituzionale con serietà, lealtà e onestà, non solo ha denunciato ma ha attivamente collaborato con le

forze dell’ordine affinché venissero a galla i fenomeni di corruzione che hanno colpito i Comuni di Acquaviva, Altamura, Castellaneta e Gioia del Colle, dimostrando che la politica ha da sé gli anticorpi per combattere il malaffare e confermandoci che l’aver sbattuto le porte in faccia a determinati soggetti che hanno tentato in più occasioni di infiltrarsi nella nostra maggioranza sia stata una scelta giusta.

L’onestà non è e non deve mai essere un semplice e vuoto slogan, né il monopolio di qualcuno, ma un valore comune a tutti, da praticare concretamente, ed è per questo motivo che Sinistra Italiana sente il dovere di ringraziare Davide Carlucci e Austacio

Busto, per aver dato, in silenzio, l’esempio a tutti noi, recandosi in procura a denunciare il tentativo di corruzione invece di chiudere gli occhi o di accettare i soldi e girare la testa da un’altra parte.

Ci diciamo spesso che in un paese normale questa dovrebbe essere la normalità, e non l’eccezione, ma c’è ancora molto da fare per diventare quella terra “che non ha bisogno di eroi”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI