Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

Movimento VIVA: noi sempre a testa alta

logo VIVA

“Fieri di Busto e Carlucci”

 

Pubblichiamo di seguito il comunicato stampa diffuso dal Movimento VIVA dopo gli arresti eseguiti lo scorso 12 luglio dai Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria e Carabinieri del Comando Provinciale di Bari.

Le indagini della Procura, che hanno sinora portato all’arresto di 12 persone, tra cui il Vice Segretario del PD Acquavivese, Roberto Ottorino Tisci, il presidente della cooperativa irrigua “La Molignana”, Tommaso Procino, e l’ex dirigente dell’UTC Marco Cuffaro, sono partite su denuncia dell’Assessore ai Lavori Pubblici e Beni Culturali Austacio Busto, Vice Sindaco dell’Amministrazione Carlucci all’epoca dei fatti.

Uno degli arrestati, Roberto Ottorino Tisci, vice segretario del Pd di Acquaviva, ha gestito il comitato elettorale di Giovanni Giannini, assessore ai Lavori pubblici della Regione Puglia e oggi dimessosi dopo la notizia della sua iscrizione nel registro degli indagati.

Pura defluit. Il nome dell’indagine che ha scosso la vita politica acquavivese mutuato dal motto del nostro Comune, non poteva essere più rappresentativo del nostro movimento, che accettando quattro anni fa la sfida di amministrare questa città, ha improntato la propria azione ai principi di trasparenza, onestà e competenza.

Il nostro assessore ai LLPP, Austacio Busto, all’epoca dei fatti vicesindaco, ha fatto il suo dovere di cittadino e amministratore.

È un politico onesto. Ha lavorato seriamente riportando risultati prestigiosi per Acquaviva. Non c’è niente di scontato in tutto ciò.

Il cambiamento che per il movimento Viva è stata la promessa e, al contempo, l’obiettivo praticato quotidianamente, è un percorso fatto di fatica e di tanto coraggio. Valori che hanno caratterizzato l”intera nostra esperienza amministrativa.

Sin dall’inizio abbiamo strenuamente difeso questa compagine amministrativa scongiurando l’ingresso di soggetti che ne avrebbero modificato irreversibilmente la natura.

Sinceramente convinti che il civismo possa contribuire alla moralizzazione della politica. Comunque scevri da pregiudizi e settarismi di sorta.

Fieri e orgogliosi dei nostri uomini Austacio Busto e Davide Carlucci, oggi ricaviamo da questa vicenda nuova energia e coltiviamo con maggiore entusiasmo la speranza di aver raggiunto un punto di non ritorno nella prassi politica acquavivese.

Soprattutto per le amministrazioni a venire.

Abbiamo, infine, la certezza di interpretare le istanze di quella parte della nostra comunità che della morale, della trasparenza e della dignità fa il proprio stile di vita.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI