Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

La neo consigliera Delmonte sostituisce Abbatecola in commissione

SDC11341

La Minoranza critica l'assestamento generale di bilancio e il regolamento per l'edilizia sostenibile, i quali passano comunque

Acquaviva – Lo scorso 28 luglio si è riunito il consiglio comunale. Tra i tanti punti all'odg, la successione della Consigliera Delmonte all'ex Consigliere Abbatecola in Prima Commissione Consiliare.

Commissioni al centro di tutto il consiglio comunale, e oggetto di discussione nello scontro tra Maggioranza e Minoranza riguardo altri due punti all'odg. Si ripete lo stesso scenario di pochi mesi fa sia quando si parla dell'assestamento generale di bilancio, con il Consigliere F. Montenegro che ripete le stesse parole di due mesi prima: “un bilancio tecnico, più che politico”. Sia successivamente alla presentazione da parte dell'Ass. Bruno del Regolamento comunale per l'edilizia sostenibile, alla quale succede l'intervento del Cons. Giorgio che rimprovera il non aver ascoltato le proprie richieste di miglioramento del provvedimento.

Il consiglio è iniziato alle ore 16.10 alla presenza di nove consiglieri di Maggioranza e tre di Minoranza (assenti i consiglieri A. Vavalle, C. Casalino, C. Solazzo, C. Capozzo e T. Montenegro). Nel momento preliminare delle raccomandazioni, alcuni esponenti di Minoranza, hanno chiesto di aggiornare il consiglio circa l'assegnazione degli alloggi costruiti su Via Repubblica, il passaggio alla raccolta porta a porta e l'attuazione del provvedimento riguardante lo spostamento dell'area dog. Circa il primo argomento il sindaco ha annunciato che la questione è in dirittura d'arrivo, e ha fissato la scadenza di inizio settembre. Per quanto riguarda la questione della raccolta porta a porta, si è impegnato a promuovere una forte campagna informativa nei confronti dei cittadini e per rispondere alle domande sullo spostamento dell'area dog, ha detto (come ha poi confermato l'Ass. Dinapoli) che è stato fatto un preventivo per spostarla della valuta di euro 12.000. Esprimendo la speranza che lo spostamento da tutti desiderato dell'area dog in zone periferiche del paese, non causi il ripresentarsi di aiuole piene di escrementi canini in Piazza Garibaldi.

Dopo aver affrontato il primo punto all'odg, l'Ass. Dinapoli ha svolto una esaudiente introduzione all'argomento dell'assestamento generale di bilancio. L'augurio di riuscire ad avere un bilancio condiviso da tutti i consiglieri, la proposta di partecipazione attiva dei consiglieri di Minoranza alla sua stipulazione e la volontà di rispettare le scadenze per la presentazione di esso, sono al centro della sua riflessione. La quale, però, viene comunque contestata dal Cons. Franco Montenegro, il quale rimprovera alla Maggioranza la presenza di un consistente debito fuori bilancio e di non aver definito questioni importanti come: l'affidamento dei campi sportivi di Scappagrano, la ridefinizione della segnaletica verticale in zone non centrali del paese e i bandi pubblici di illuminazione e cura del verde. Richiamando, inoltre, anche le responsabilità delle amministrazioni passate e proponendo una riunione congiunta delle tre commissioni per la stipulazione di un Piano Economico-Finanziario.

A questi argomenti la Maggioranza risponde, tramite le voci del Cons. Nettis, dell'Ass. Dinapoli e del Sindaco Carlucci. Il capogruppo consiliare del PD giustifica i ritardi circa di bandi e la questione Scappagrano, perché causati dall'assenza, alla riunione del giorno precedente, dei due consiglieri di Minoranza in commissione. Gli altri due esponenti del governo cittadino hanno chiarito le perplessità del consigliere circa la scelta della zona per l'intervento di modifica della segnaletica verticale e il debito fuori bilancio, lamentando la “crescente rigidità delle norme di bilancio che portano i comuni a doversi barcamenare per chiudere in pareggio” come dirà nel successivo intervento il Cons. Di Vietri (Sel).

La votazione del secondo punto all'odg si concretizza in nove voti favorevoli contro i quattro contrari della Minoranza (C. Giorgio, F. Montenegro, P. De Pascale, C. Capozzo).

Il terzo punto all'odg, riguardante l'approvazione del regolamento comunale per l'edilizia sostenibile è stato introdotto dall'Ass. Bruno. Il Cons. Giorgio a nome della Minoranza, esprime il suo parere tecnico sul provvedimento già non condiviso in precedenza e ripresentato così com'era la prima volta. Esaminando nello specifico il comma 2 dell'articolo 3, il consigliere lamenta delle imprecisioni sostanziali, già richiamate in precedenza. In risposta il Cons. Nettis rimprovera al consigliere candidato sindaco, il non aver avanzato queste proposte in fase di stipulazione e modifica del provvedimento, ma sempre durante le riunioni in sala consiliare. Rimprovero accompagnato dall'excursus dell'Ass. Bruno di tutte le occasioni di discussione, fuori dal consiglio comunale, sul regolamento.

La votazione del terzo punto si conclude col risultato di nove voti favorevoli, quattro astenuti (C. Giorgio, C. Capozzo. P. Depascale, C. Solazzo) e quattro assenti.

L'assemblea è sciolta alle ore 19.00, dopo la votazione circa il riconoscimento del debito fuori bilancio nei confronti dell'ENEL ENERGIA SPA, conclusa con nove voti favorevoli e otto assenti.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI