Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

Referendum, ad Acquaviva vince il SI

Referendum-s-o-no

 

 

Strabordante vittoria del SI ad Acquaviva, al referendum sulle trivelle che nella giornata di ieri si è svolto in tutta Italia.

Il 93,88% degli acquavivesi che sono andati al voto ha scelto il SI, volendo dunque l’abrogazione del comma “incriminato” del Decreto legislativo 152/2006; al NO, invece, è andato il 6,12% dei votanti mentre le schede bianche sono state 22 e le nulle 33.

Dunque i dati definitivi su Acquaviva dicono che 7457 si sono schierati per il SI; 486 per il NO e la stragrande maggioranza 8955 alle urne non c’è andata affatto.

I risultati nelle 20 sezioni di Acquaviva

Com’è noto il quorum del 50% + 1 dei votanti non è stato raggiunto né a livello nazionale – invalidando il referendum – né locale.

L’affluenza degli acquavivesi alle urne, infatti, se è stata di oltre quindici punti in più che in Italia (il 47.18 % contro il 32,15%), è stata di poco superiore a quella della Puglia (ferma al 41,65%) e si è avvicinata di molto al Quorum.

Clicca qui per conoscere i dati Referendum Votanti Prov. Ba

Qui, infatti, se è vero che solo 2 Comuni su 41 hanno raggiunto il quorum (Polignano a mare e Monopoli rispettivamente con il 55,21% e con il 52,54%), ci sono stati paesi e cittadine che il quorum l’hanno sfiorato (Castellana Grotte: 49,51% ; Conversano: 48,36%) o vi si sono avvicinati di molto come ad esempio Santeramo in Colle (46%); Bitetto (46,6%), tra le più basse invece Cassano (42,43%). Tutte realtà accomunate dall’aver fatto campagna elettorale – prevalentemente per il SI – con incontri, dibattiti, informazione.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI