Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

Ex ospedale Miulli, Carlucci scrive ad Emiliano

1098430 405893896188092_545128645_n

 

Pubblichiamo di seguito la lettera che il sindaco di Acquaviva delle Fonti, Davide Carlucci ha scritto e consegnato al presidente della Regione Michele Emiliano a proposito della questione del plesso storico del Miulli di via Maselli Campagna:

 

"Egregio Presidente,

Alla luce dello stallo in cui versa la situazione dell'ex ospedale Miulli, i cui locali versano in uno stato di abbandono da ormai dieci anni nonostante tutti i tentativi esperiti da questa Amministrazione comunale per adibirli a uffici Asl, nonostante il Protocollo d'Intesa firmato nel 2014, nonostante le dichiarazioni pubbliche di esponenti della Regione che si sono impegnati, nel 2015, ad acquistare gli immobili, sono a chiedere un incontro urgente per verificare le volontà dell'Ente da lei presieduto a riguardo. Chiedo altresì di convocare al medesimo incontro Sua Eccellenza il Vescovo della Diocesi di Acquaviva - Altamura - Gravina e il direttore generale della Asl di Bari Vito Montanaro.

Faccio notare che la Regione paga canoni per circa 130mila euro all'anno a privati che potrebbe evitare di versare qualora potesse disporre di immobili di sua proprietà. Faccio anche notare che il Comune di Acquaviva ha messo a disposizione della Asl un immobile per il quale l'azienda sanitaria non paga dal 1994 alcun canone né utenze. Faccio infine notare che sia il Centro di salute mentale che il Consultorio sono ospitati da strutture inidonee, il che rappresenta una grave offesa alla dignità degli utenti di questo servizi.

Per questa e per altre ragioni, chiediamo una presa di posizione netta e decisiva da parte sua per sbloccare una situazione che rischia di protrarsi ancora per almeno un decennio.

Sentitamente La ringrazio per la sua disponibilità a nome di tutta la comunità acquavivese.

Distinti Saluti.

Davide Carlucci

Sindaco di Acquaviva delle Fonti

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI