Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

“Acquaviva – Santeramo” integrazione del percorso ciclopedonale

Francesca-Pietroforte-300x225


In occasione del prossimo Consiglio Metropolitano, convocato per il 28 dicembre, verrà approvato nell'ambito della parziale modifica al Programma Triennale dei LL.PP. per il triennio 2016/2018 e dell'elenco dei lavori per l’annualità 2016, il punto all'ordine del giorno sulla “S.P. n. 127 “Acquaviva – Santeramo” – Ammodernamento e normalizzazione alla sezione C1 del d.m. 05/11/2001 dal Km 0+000 al Km 4+850 – integrazione del percorso ciclopedonale”.

 Ciò significa che la strada che congiunge Acquaviva a Santeramo, già interessata da importanti lavori di ampliamento della sede stradale, sarà finalmente dotata anche di un percorso ciclopedonale, consentendo ai cittadini di spostarsi in bicicletta in totale sicurezza.

Si tratta di un altro importante obiettivo che il nostro paese consegue in seno alla Città Metropolitana di Bari, che ci consentirà di migliorare la viabilità delle strade extraurbane e di muoverci rispettando l'ambiente.

Dopo lo stanziamento di 300 mila euro per il completamento del tratto di circonvallazione che congiungerà le strade provinciali Acquaviva – Adelfia e Acquaviva – Casamassima, e i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria che hanno rinnovato la sede stradale della stessa circonvallazione, Acquaviva potrà beneficiare del percorso ciclopedonale sulla strada che collega il centro abitato all'ospedale Miulli, ora in regola con le più recenti prescrizioni legislative.

 "In un periodo di ristrettezze economiche non è stato semplice reperire le risorse - pari a 870 mila euro - necessarie alla predisposizione del percorso ciclopedonale, ma sono molto soddisfatta del fatto che già nel suo primo anno di vita l'ente di area vasta Città Metropolitana di Bari abbia avuto l'occasione di produrre più volte benefici concreti e tangibili per la comunità acquavivese" dichiara Francesca Pietroforte, consigliera delegata della Città Metropolitana di Bari.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI