Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

Carlucci chiede il ritiro delle dimissioni di Sardone e Dinapoli

carlucci con_fascia.2

 

Crisi di governo a Palazzo De Mari. Ieri mattina la sezione locale del PD ha comunicato l’uscita dalla Maggioranza e il ritiro dei suoi due assessori (Luca Dinapoli e Antonia Sardone) dalla Giunta che amministra Acquaviva (Clicca qui)

A poche ore dalle lettere di dimissioni degli assessori del Partito Democratico il sindaco Carlucci rende nota su Facebook la sua posizione scrivendo:

"Andiamo avanti. Chiederò il ritiro delle dimissioni di due assessori che hanno avviato parecchi progetti importanti per Acquaviva e devono portarli avanti. Se non vorranno sentirmi, se vorranno continuare a lasciarsi irretire dalle solite beghe di paese che ammazzano il nostro Sud, io andrò avanti lo stesso. Se poi vogliono farmi cadere non devono far altro che raccogliere le firme e chiedere le mie dimissioni. E se cadrò, mi ricandiderò. Io non mi fermo, il resto della coalizione è con me e non ho proprio niente da perdere: non si frena il cambiamento, o si cambia o si muore".

Commenti  

 
#11 rosso di sera 2015-10-28 19:58
Per favore ascoltatemi tutti puntiamo con l'avvocato Claudio Solazzo e tutti i ragazzini di questa amministrazione mandiamoli a casa. Ma Davide non mollerà mai l'osso. POI vedrete signori miei.
 
 
#10 Alessandra 2015-10-28 10:54
Caro Dik Dik, io parlo e dico quello che penso. Tu non hai argomenti e scrivi solo per intimare agli altri di tacere. Non so chi tu sia. Io sono di sinistra, lo rivendico e voglio che Carlucci continui la sua opera: chiedo che il Pd valuti le conseguenze sul bene della città di questo suo "disimpegno". Noi elettori, potremmo disimpegnarci con pari disinvoltura dal Pd.
 
 
#9 Sara G. 2015-10-28 09:05
Anche io, elettrice di sinistra da sempre, sto con il Sindaco. Mi spiace vedere questo spettacolo desolante dove i litigi personali prevalgono sull'importanza di governare Acquaviva e di cambiare certe vecchie abitudini del potere. Spero che la sinistra vera, quella popolare, sia ascoltata dai vecchi soloni di partito: noi stiamo con il sindaco.
 
 
#8 Dik Dik 2015-10-28 00:58
Alessandra faresti bene se non parli per niente,Carlucci vattene a casa se vuoi bene al paese.
 
 
#7 lavoratore comunale 2015-10-27 21:18
Andiamo subito alle nuove elezioni
 
 
#6 Geppo 2015-10-27 19:37
d'accordissimo con Alessandra. Proprio non si capisce il perché dobbiamo azzoppare l'unico sindaco davvero di centrosinistra e onesto che abbiamo avuto ad Acquaviva da diversi decenni a questa parte. Per favore Sindaco vada avanti.
Troppo marciume c'è ancora in giro e hai pestato i piedi a qualche potentissimo del pd: vogliono fartela pagare.
Ah, la pseudosinistra!
 
 
#5 Raffaele 2015-10-27 15:14
Ma in questi 2 anni e mezzo, il PD che faceva ? dormiva? adesso si è svegliato all'improvviso ? il PD ha 4 consiglieri, 2 assessori e il presidente del consiglio: non sono sufficienti per incidere nelle decisioni della maggioranza? che vuole il PD per farsi sentire, il mago Zurlì ?
 
 
#4 Domy91 2015-10-27 14:00
Avevano ragione i miei amici 5 stelle, quando mi dicevano nel 2013: il problema di questa amministrazione sarà il PD. Non fatemi diventare grillino!! Fate pace e governate!
 
 
#3 Leonida B. 2015-10-27 13:54
ma possibile che il PD non si rende conto che deve sostenere con tutte le forze questa amministrazione ? sono stati salvati dopo la figuraccia di aver fatto cadere Squicciarini, adesso devono starsi calmini e lavorare per il bene di acquaviva. E che diamine, fateveli 5 anni completi una volta tanto, noi elettori lo pretendiamo!!!
 
 
#2 TINA 2015-10-27 13:26
quanta arroganza!!!!!! !
 
 
#1 Alessandra 2015-10-27 11:36
Io, elettrice pd, sto con il Sindaco. Mi spiace per il mio partito, ma davvero non capisco perchè dobbiamo far morire questa giunta che avrà pure mille problemi, ma è composta da persone (come Davide, Antonia, Annamaria e tutti gli altri) che hanno lavorato con amore per Acquaviva. PD per favore ripensaci.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI