Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

Nasce la sezione acquavivese di Iniziativa Democratica

conf. stampa_iniziativa_democratica_acquaviva

 

Iniziativa democratica

E’ stata presentata mercoledì sera nella Sala Colafemmina alla presenza del coordinatore regionale prof. Alfonso Pisicchio la sezione locale del Movimento civico regionale “Iniziativa Democratica per la Puglia”. Al tavolo dei relatori la coordinatrice di sezione Immacolata Morano, l’avv. Lattarulo e il coordinatore provinciale di Bari Simeone Paparella.

La conferenza stampa promossa per presentare la struttura organizzativa e le finalità del nuovo soggetto politico ha riscosso grande interesse e partecipazione di pubblico. Il Movimento del prof. Pisicchio include esperienze, sensibilità e culture che partendo dal cattolicesimo democratico, dal liberalismo e dal riformismo accettano di camminare insieme all’interno di un progetto che mette al centro la territorialità, la Puglia e il Mezzogiorno.

“Questo incontro - ha detto Lattarulo- è mirato a portare alla vostra attenzione una realtà che si sta insediando ad Acquaviva, un movimento politico distaccato dalle vecchie logiche cha come riferimento il cons. regionale Alfonso Pisicchio che da sempre ricopre ruoli di un certo spessore. L’ho conosciuto e mi ha convinto ad aderire al movimento, dal primo momento ha condiviso con me motivazioni, esigenze e le logiche territoriali. Faremo sì che a questo movimento autonomo si aggreghino persone che con la loro disponibilità e professionalità possano dare un contributo a questa iniziativa. Vogliamo che ad Acquaviva si formi una palestra per i giovani che vogliano avvicinarsi alla politica. Alle scorse regionali abbiamo registrato che è più corposo il partito degli assenteisti. Imma Morano è una persona valida sotto il profilo politico e amministrativo mette a disposizione la sua esperienza ha condiviso con me questa iniziativa. Oggi è nata questa creatura che vogliamo abbia vita lunga se ci sono altre professionalità che facciano un posso in avanti”. 

locandina Iniziaitiva_democratica“Ringrazio l’avv. Lattarulo che lavorerà insieme a me- ha detto la Morano- per dare slancio a questa sfida che ci è stata lanciata per poter dimostrare la nostra capacità di azione sul territorio attraverso Iniziativa Democratica, un movimento civico politico che ci garantisce liberà di espressione, condivisione. Ringrazio pubblicamente il dott. Paparella e il prof. Pisicchio e l’intero coordinamento che mi ha dato fiducia, un grazie speciale a Michele Petruzzellis, se stasera siamo qui lo dobbiamo soprattutto a lui! L’adesione a Iniziativa democratica è stata una scelta di coerenza rispetto ai nostri valori e principi di democrazia, una scelta di libertà e di entusiasmo. E’ importante che non sia un movimento chiuso. E’ nostra intenzione valorizzare tutte quelle esperienze che nel corso degli anni sono maturate in diversi schieramenti politici, accogliere la volontà di partecipazione studenti universitari e non che si sono voluti avvicinare a questo movimento nel nostro paese. Perché nasce adesso questa sezione? Perché credo che i tempi siano maturi. Abbiamo bisogno di una formazione civica e politica, i partiti hanno dimostrato i loro limiti non sono più cinghia di trasmissione con la società. C’è stata una deriva di autoreferenzialità, di qui il sorgere di quei movimenti fanno della partecipazione attiva dei cittadini la loro bandiera, ma che hanno limiti in se stessi nel momento in cui anche loro innalzano muri alla discussione e alla partecipazione e radicalizzano la loro azione. La deriva antidemocratica ne è una conseguenza logica. Questa sera con Iniziativa Democratica vogliamo lanciare una formazione civica e politica che faccia della radicalità del proprio territorio il motore. Avere l’orecchio a terra, sapere quali sono i problemi delle comunità è importante. E’ necessario essere attivi nel territorio, partecipare e seguire i diversi ambiti e avere dei riferimenti. Un proverbio del Sud del mondo dice che se si vuol fare si trova la strada, se non si vuole fare si trovano le scuse. Noi di scuse non ne vogliamo trovare, la strada che abbiamo scelto non è semplicemente è tutta da costruire io spero di farlo insieme a voi e ad altre persone che hanno entusiasmo e attaccamento per questo nostro paese”.

Iniziativa Democratica-ha detto il Paparella è radicata nella Provincia di Bari, è un movimento politico vicino alla società civile, siamo qui per accogliere istanze e proposte e creare una rete tra tutti i Comuni, volgiamo realizzare qui ad Acquaviva una struttura che sia punto di riferimento per i cittadini. Il nostro sarà un impegno costante nell’affiancamento volgiamo creare un gruppo che cresca sinergicamente. Imma ti chiedo di riuscire ad avvicinare i giovani perché il futuro di Acquaviva e di tutti gli altri paesi sono i Giovani. Futuri politici e amministratori non ci si può improvvisare. L’improvvisazione porta solo a pessimi risultati. Abbiamo l’onere di creare il nuovo per il futuro”.

“Sono felice di essere qui questa sera- Pisicchio- perché si sta realizzando un progetto politico con chi ha le capacità di vedere le cose e la sensibilità di poterle realizzare. La nostra volontà è quella di creare un Movimento che diventi luogo di incontro tra le varie culture e identità. Se dovessi rappresentare con quattro parole quello che vuole essere il nostro Movimento lo rappresenterei in: ascolto- confronto- partecipazione e condivisione. Abbiamo bisogno di gente capace, la politica non può essere improvvisata. La Politica ha bisogno di luoghi di confronto partendo dai territori, Acquaviva è sempre stata un laboratorio politico si è perso negli ultimi tempi, si è sopita. Sono convinto che qui ad Acquaviva abbiamo la possibilità di far crescere la classe politica mettendoci insieme. Vogliamo stimolare il dibattito politico immaginare che si può costruire un’idea di sviluppo di un territorio partendo da piccoli segnali. Qual è il luogo formativo della classe dirigente? Una volta erano i partiti. Tu Imma, hai il compito di chiamare a raccolta le intelligenze di questa città, le espressioni migliori di un civismo vero possono trovare casa con voi”.

E’ stata presentata mercoledì sera nella Sala Colafemmina alla presenza del coordinatore regionale prof. Alfonso Pisicchio la sezione locale del Movimento civico regionale “Iniziativa Democratica per la Puglia”. Al tavolo dei relatori la coordinatrice di sezione Immacolata Morano, l’avv. Lattarulo e il coordinatore provinciale di Bari Simeone Paparella.

La conferenza stampa promossa per presentare la struttura organizzativa e le finalità del nuovo soggetto politico ha riscosso grande interesse e partecipazione di pubblico. Il Movimento del prof. Pisicchio include esperienze, sensibilità e culture che partendo dal cattolicesimo democratico, dal liberalismo e dal riformismo accettano di camminare insieme all’interno di un progetto che mette al centro la territorialità, la Puglia e il Mezzogiorno.

“Questo incontro - ha detto Lattarulo- è mirato a portare alla vostra attenzione una realtà che si sta insediando ad Acquaviva, un movimento politico distaccato dalle vecchie logiche cha come riferimento il cons. regionale Alfonso Pisicchio che da sempre ricopre ruoli di un certo spessore. L’ho conosciuto e mi ha convinto ad aderire al movimento, dal primo momento ha condiviso con me motivazioni, esigenze e le logiche territoriali. Faremo sì che a questo movimento autonomo si aggreghino persone che con la loro disponibilità e professionalità possano dare un contributo a questa iniziativa. Vogliamo che ad Acquaviva si formi una palestra per i giovani che vogliano avvicinarsi alla politica. Alle scorse regionali abbiamo registrato che è più corposo il partito degli assenteisti. Imma Morano è una persona valida sotto il profilo politico e amministrativo mette a disposizione la sua esperienza ha condiviso con me questa iniziativa. Oggi è nata questa creatura che vogliamo abbia vita lunga se ci sono altre professionalità che facciano un posso in avanti”.

“Ringrazio l’avv. Lattarulo che lavorerà insieme a me- ha detto la Morano- per dare slancio a questa sfida che ci è stata lanciata per poter dimostrare la nostra capacità di azione sul territorio attraverso Iniziativa Democratica, un movimento civico politico che ci garantisce liberà di espressione, condivisione. Ringrazio pubblicamente il dott. Paparella e il prof. Pisicchio e l’intero coordinamento che mi ha dato fiducia, un grazie speciale a Michele Petruzzellis, se stasera siamo qui lo dobbiamo soprattutto a lui! L’adesione a Iniziativa democratica è stata una scelta di coerenza rispetto ai nostri valori e principi di democrazia, una scelta di libertà e di entusiasmo. E’ importante che non sia un movimento chiuso. E’ nostra intenzione valorizzare tutte quelle esperienze che nel corso degli anni sono maturate in diversi schieramenti politici, accogliere la volontà di partecipazione studenti universitari e non che si sono voluti avvicinare a questo movimento nel nostro paese. Perché nasce adesso questa sezione? Perché credo che i tempi siano maturi. Abbiamo bisogno di una formazione civica e politica, i partiti hanno dimostrato i loro limiti non sono più cinghia di trasmissione con la società. C’è stata una deriva di autoreferenzialità, di qui il sorgere di quei movimenti fanno della partecipazione attiva dei cittadini la loro bandiera, ma che hanno limiti in se stessi nel momento in cui anche loro innalzano muri alla discussione e alla partecipazione e radicalizzano la loro azione. La deriva antidemocratica ne è una conseguenza logica. Questa sera con Iniziativa Democratica vogliamo lanciare una formazione civica e politica che faccia della radicalità del proprio territorio il motore. Avere l’orecchio a terra, sapere quali sono i problemi delle comunità è importante. E’ necessario essere attivi nel territorio, partecipare e seguire i diversi ambiti e avere dei riferimenti. Un proverbio del Sud del mondo dice che se si vuol fare si trova la strada, se non si vuole fare si trovano le scuse. Noi di scuse non ne vogliamo trovare, la strada che abbiamo scelto non è semplicemente è tutta da costruire io spero di farlo insieme a voi e ad altre persone che hanno entusiasmo e attaccamento per questo nostro paese”.

Iniziativa Democratica-ha detto il Paparella è radicata nella Provincia di Bari, è un movimento politico vicino alla società civile, siamo qui per accogliere istanze e proposte e creare una rete tra tutti i Comuni, volgiamo realizzare qui ad Acquaviva una struttura che sia punto di riferimento per i cittadini. Il nostro sarà un impegno costante nell’affiancamento volgiamo creare un gruppo che cresca sinergicamente. Imma ti chiedo di riuscire ad avvicinare i giovani perché il futuro di Acquaviva e di tutti gli altri paesi sono i Giovani. Futuri politici e amministratori non ci si può improvvisare. L’improvvisazione porta solo a pessimi risultati. Abbiamo l’onere di creare il nuovo per il futuro”.

“Sono felice di essere qui questa sera- Pisicchio- perché si sta realizzando un progetto politico con chi ha le capacità di vedere le cose e la sensibilità di poterle realizzare. La nostra volontà è quella di creare un Movimento che diventi luogo di incontro tra le varie culture e identità. Se dovessi rappresentare con quattro parole quello che vuole essere il nostro Movimento lo rappresenterei in: ascolto- confronto- partecipazione e condivisione. Abbiamo bisogno di gente capace, la politica non può essere improvvisata. La Politica ha bisogno di luoghi di confronto partendo dai territori, Acquaviva è sempre stata un laboratorio politico si è perso negli ultimi tempi, si è sopita. Sono convinto che qui ad Acquaviva abbiamo la possibilità di far crescere la classe politica mettendoci insieme. Vogliamo stimolare il dibattito politico immaginare che si può costruire un’idea di sviluppo di un territorio partendo da piccoli segnali. Qual è il luogo formativo della classe dirigente? Una volta erano i partiti. Tu Imma, hai il compito di chiamare a raccolta le intelligenze di questa città, le espressioni migliori di un civismo vero possono trovare casa con voi”.

[Articolo tratto da "La Voce del Paese, Anno VII n. 25 del 26 giugno 2015]

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI