Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

I consiglieri Depascale e Solazzo organizzano due Petizioni popolari

petizione-2-250x300


I Consiglieri Comunali Pietro Depascale ed Eustachio Claudio Solazzo, da sempre al fianco delle imprese acquavivesi e di chi crea lavoro investendo su Acquaviva, organizzano due raccolte firme che si svolgeranno a partire dalla mattinata di domenica 12 ottobre p.v. in Piazza Vittorio Emanuele II.

Non bastassero le difficoltà dovute all’attuale crisi economica e l’alta tassazione nazionale e locale, a contribuire a questo stato infelice delle cose ci si sono messe anche le incomprensibili decisioni assunte dalla Giunta Carlucci.

Il Sindaco e i suoi Assessori hanno infatti deciso di rivedere la viabilità di alcune zone urbane di Acquaviva, senza minimamente tener conto delle esigenze di commercianti che in quelle zone esercitano la propria attività.

In particolare si vogliono rendere chiuse al traffico h. 24 Piazza dei Martiri del 1799 e Piazza Maria SS. di Costantinopoli e a senso unico di marcia veicolare via Sammichele.

Queste decisioni paiono del tutto prive di una motivazione che le giustifichi alla luce del danno economico che, in base alle analisi effettuate da chi ogni giorno vive e rischia il proprio capitale in tali zone, si arrecherebbe alle attività.

Basti pensare al frantoio “Petrelli” in via Sammichele, meta di mezzi agricoli (ingombranti e privi di strumenti di assistenza alla guida) i quali, per raggiungerlo, dovrebbero percorrere strade inadatte al volume e alla mole dei mezzi stessi, piuttosto che alle attività commerciali presenti in Piazza dei Martiri del 1799 e in Piazza Maria SS. di Costantinopoli che vedrebbero il proprio giro d’affari ridotto a favore di chi esercita in zone in cui è possibile per i clienti avvicinarsi con il proprio veicolo per poter depositare in auto la spesa.

Proprio nel rispetto di queste e altre esigenze completamente ignorate dal Sindaco Carlucci, si utilizzerà lo strumento democratico della petizione. Oggetto delle due richieste sarà:

-          il mantenimento del doppio senso di marcia veicolare su via Sammichele, con il divieto di sosta su ambo i lati del tratto di restringimento della carreggiata;

-          l’istituzione di una Zona a Traffico Limitato ai soli residenti e operatori in Piazza dei Martiri del 1799 e in Piazza Maria SS. di Costantinopoli, relativamente agli orari serali (20.00 – 2.00) per i soli mesi estivi (maggio – settembre).

Solo in questa maniera, si ritiene, si tutelerebbero sia le esigenze degli esercenti e degli abitanti, sia quelle, altrettanto sacrosante, di migliorare la viabilità urbana.

La cittadinanza è invitata a partecipare e sostenere questa fondamentale iniziativa.

 

 

I Consiglieri Comunali

Avv. Pietro Depascale

Avv. Eustachio Claudio Solazzo

Commenti  

 
#2 acquavivese 2014-10-12 07:47
Bravo Claudio se ad Acquaviva non vi fosse la sosta selvaggia il traffico potrebbe scorrere liberamente,il signor Davide Carlucci farebbe bene a mandare i vigili in giro per la città e multare le infrazioni stradali.Facess e controllare nei pressi di attivita commerciali dove i propietari sono di sinistra come avviene la sosta,intralcia ndo il traffico a tutte le ore.
 
 
#1 Gianfranco 2014-10-11 18:26
Incredibile ma vero: si organizza una petizione popolare contro l'istituzione di zone pedonali. Ma come solo Piazza dei Martiri e Piazza Maria SS. di Costantinopoli, e che ci fa via Roma aperta al traffico, dovrebbe essere stata chiusa e abbellita da anni. Vergogna. Sarebbe interessante, vista l'enorme quantità di auto circolanti (forse per qualcuno questo è l'unico indice di civiltà e progresso) nel nostro paese, verificare l'inquinamento in alcune ore e in alcuni punti del paese. Ci sono paesi e città, anche vicine a noi, con larghissime zone pedonali e non mi sembra che ci siano ricadute negative sugli esercizi commerciali, anzi potrebbe essere un modo per avvicinare di più famiglie con bambini e giovani in certe zone del paese con ricadute positive sugli esercizi commerciali. L'istituzione di zone pedonali è solo un esempio di civiltà, di rispetto dell'ambiente e di evoluzione culturale. La classe politica dovrebbe avere anche e soprattutto una funzione educativa, ma sentendo certi "politici" si capisce perchè l'Italia è nelle condizioni disastrose in cui si trova.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI