Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

LETTERA APERTA AL CONSIGLIO COMUNALE ...che batosta di Tasse

Lettera

 

Mercoledì scorso il Coordinamento Cittadino delle Parti Sociali di Acquaviva delle Fonti ha organizzato una conferenza stampa di presentazione del nuovo organismo e delle iniziative in cantiere.

Pubblichiamo di seguito la lettera aperta inviata al Sindaco, al Presidente del Consiglio comunale ed ai Consiglieri comunali con cui invita i Rappresentanti istituzionali ad un confronto sulle nuove imposte comunali e quindi sul bilancio di previsione 2014.

Gentilissimi Consiglieri comunali,
non abbiamo dubbi! Nell’ultimo Consiglio comunale del 31 luglio avete deliberato una batosta senza precedenti, avete deliberato il nuovo Regolamento comunale per l’applicazione dell’Imposta Unica Comunale (IUC) nelle componenti IMU, TASI, TARI e le relative aliquote senza aver consultato e coinvolte tutte le parti sociali. Dallo studio effettuato ci siamo resi conto che i regolamenti, le aliquote e i parametri di riferimento non sono in linea con il contesto socio economico che viviamo oggi nella nostra Città. Per recuperare soldi anziché rivedere la spesa corrente del Palazzo, dei Dirigenti, del Sindaco, degli Assessori, delle feste e dei festini, avete deciso di mettere le mani nelle tasche dei Cittadini e degli operatori economici che già subiscono questo momento di forte crisi senza precedenti.

A nulla sono servite le nostre richieste al fine di avere chiarimenti attraverso un confronto sereno e costruttivo.

Per ciò Vi sollecitiamo ad una riflessione sui punti che di seguito Vi esponiamo:

Per l’IMU:
• aumento per le seconde case e per le aree fabbricabili dallo 0,76% (Amm.,ne Squicciarini) allo 0,96% (Amm.ne Carlucci) + 26,3%;
• aumento per i fabbricati di categoria C1 – C3 – D1 dallo 0,76% (Amm.ne Squicciarini) allo 0,91% (Amm.ne Carlucci) + 19,7%.
• Risoluzione vessatoria nei confronti di concedenti di immobili ad uso gratuito per i parenti in linea diretta e relativo calcolo perverso per le agevolazioni.

Per la TASI (nuova tassa sui servizi indivisibili): illuminazione pubblica, polizia municipale, viabilità stradale e circolazione, protezione civile, manutenzione dei parchi e tutela ambientale
• a carico esclusivo dei proprietari delle abitazioni principali dello 0,11%.
• Sono stati esclusi gli inquilini che utilizzano i servizi.

Per la TARI (tassa per la raccolta dei rifiuti):
• L’aumento è stato studiato scientificamente perché si nasconde nelle righe del nuovo regolamento.
• Le imprese, artigiani e commercianti pagheranno per lo smaltimento dei rifiuti un aumento che varia a seconda delle categorie dal 37% all’80%... e oltre.
• Pagheremo la TARI anche per le pertinenze delle utenze domestiche: soffitte, ripostigli, sottotetti, locali riservati ad impianti tecnologici, vano ascensore, stenditoio, ecc..
• Si pagherà la TARI anche per le pertinenze delle utenze delle attività produttive: centrali termiche, impianti tecnologici, cabine elettriche, vani ascensori, centrali frigorifere, locali di essiccazione e stagionatura silos e simili.
• Si pagherà la TARI anche per gli edifici adibiti a luoghi di culto (Chiese).
• Si pagherà la TARI anche per gli edifici utilizzati da: ONLUS, organismi di volontariato, ed organizzazioni non governative.
• Sono state soppresse le agevolazioni per i nuclei familiari il cui reddito è costituito da pensioni sociali.
Non sono state tutelate le classi meno abbienti
Rinnoviamo il nostro appello ad ascoltare le parti sociali per potervi illustrare le nostre osservazioni: bilancio partecipato!

Coordinamento Cittadino delle Parti Sociali: ACLI – ASS. COMMERCIANTI ACQUAVIVA - CIA – CISAL - CISL - CNA CODACONS COMPAGNIA DELLE ARTI - CONFARTIGIANATO - CONFCOMMERCIO BARI-BAT - CONFEURO - CONFIL- CONFINDUSTRIA BARI-BAT – LABOR – UIL – PARROCCHIA SAN DOMENICO - PARROCCHIA SAN FRANCESCO – PARROCCHIA SANTA MARIA MAGGIORE

10612709 10202857235094487_2723275870453469918_n_3

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI