Martedì 13 Novembre 2018
   
Text Size

Rischio frane ad Acquaviva: Zullo scrive a Vendola

ignazio zullo_2

 Riceviamo e pubblichiamo la Lettera aperta del Capogruppo Pdl-Fi in Consiglio Regionale, Ignazio Zullo, al Presidente Nichi Vendola in merito al rischio frane ad Acquaviva delle Fonti:

 

 

“Gentile Presidente,

le scrivo per segnalarle l’urgenza di intervenire ad Acquaviva delle Fonti. Il Sindaco Carlucci le ha rappresentato la situazione d’emergenza in cui versa il Comune, dove si teme per la stabilità del suolo, messa a dura prova anche dalle piogge torrenziali di questi giorni. Una situazione che ho avuto modo di verificare personalmente: in Piazza Kennedy, come riportano anche i quotidiani di oggi, l’acqua ha superato il metro d’altezza, sommergendo automobili e cassonetti dell’immondizia. Immagini surreali che lanciano un segnale di emergenza che non possiamo non cogliere con la massima prontezza, per tutelare il territorio ma soprattutto evitare tragedie e perdite umani intollerabili.

Per questo, le chiedo di raccogliere l’invito ad un incontro propostole dal Sindaco di Acquaviva e mi farebbe piacere essere informato al riguardo per potervi partecipare, ricercando insieme le migliori iniziative per la messa in sicurezza del territorio. A tal proposito, la invito a prendere in esame i progetti avviati dai Comuni per la protezione dal rischio idraulico, responsabilizzando tutti gli uffici regionali competenti e, se il caso, contattando il premier Renzi per inserire gli interventi nel decreto “Sblocca Italia”, sebbene siano ufficialmente scaduti i termini.

Inoltre, sarebbe quanto mai opportuno verificare lo stato di attuazione e recepimento da parte dei Comuni del Piano di assetto idrogeologico.

Essendo priorità assoluta quella di tutelare la sicurezza pubblica e l’incolumità dei cittadini, come anche l’integrità del nostro paesaggio, confido in una sua celere risposta e al suo immediato intervento.

Cordiali saluti,

Ignazio Zullo,

Capogruppo Consiglio Regionale Pdl-Fi.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI