Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

Presentato il Piano Industriale che condurrà verso il “Porta a Porta”

dr Tornavacca

  

Giovedì sera presso l’Ala Nord di Palazzo De Mari è stato presentato il piano industriale che presto porterà i cinque comuni dell’Aro Ba 5 (Gioia, Adelfia, Acquaviva, Casamassima, Sammichele e Turi) a dotarsi di un nuovo e moderno sistema di raccolta di igiene urbana.

A presentare la relazione tecnica nei dettagli con l’ausilio di grafici e tabelle è stato il Dott. Attilio Tornavacca responsabile tecnico della Esper (Ente di Studio per la pianificazione Ecosostenibile dei Rifiuti, società di consulenza di Torino che opera con successo da anni sull’intero territorio nazionale).

Il nuovo servizio porterà alla graduale scomparsa dei cassonetti per strada per condurre gli abitanti dei 5 comuni, step by step verso un sistema di raccolta rifiuti porta a porta.

Abbiamo previsto un avvio morbido e graduale- ha spiegato il Dott. Tornavacca- con un anno di transizione in modo tale che la cittadinanza possa prendere confidenza con il nuovo sistema di raccolta”.

Tra gli obiettivi della Esper rientra anche l’introduzione della cosiddetta “Tariffazione puntuale” che porterà il cittadino virtuoso a ricevere una premialità secondo il consolidato schema europeo del “Pay as You throw” cioè pagare per quanto si conferisce.

Esper e_ass._Bruno.2

Quali vantaggi ci sarebbero dunque per l’utente cittadino introducendo questo nuovo sistema?

Nelle municipalità (italiane ed internazionali) dove è stato introdotto tale meccanismo si è riusciti ad ottenere soddisfacenti risultati e a creare buone sinergie tra cittadini-istituzioni e privati gestori del servizio.

In questo modo il cittadino dovrebbe veder premiati i suoi sforzi per aumentare la differenziazione dei propri rifiuti conseguendo un utile risultato per l’ambiente in cui vive e un buon risultato per le proprie tasche. 

Nei contesti in cui è stata adottata la tariffazione puntuale (ad es. il Trentino Alto Adige) la grande, media e piccola distribuzione hanno iniziato a mettere in commercio prodotti con minor presenza di imballaggi superflui (ad es. latte con vuoto a perdere e prodotti come i detersivi alla spina) per assecondare e adattarsi al cambiamento delle abitudini dei cittadini-consumatori attenti a produrre il minor numero di rifiuti e inquinare di meno seguendo la filosofia americana del “Zero Waste” (Rifiuti Zero o zero scarti).

Questo comportamento da parte degli utenti- ha chiosato il tecnico della Esper- deve diventare una vera e propria convenienza per il cittadino più riciclone”.

Nelle prossime settimane i consigli comunali delle cinque municipalità dell’Aro dovranno “ratificare” e prendere atto del piano industriale per arrivare spediti alla pubblicazione del nuovo bando di gara per individuare il gestore unico del servizio. La scadenza che l’Aro Ba 5 si è data è quella del 30 Giugno per poter usufruire dei 10 milioni messi in palio dalla Regione Puglia per gli Ambiti di raccolta ottimali più celeri e virtuosi nel redigere gli atti della nuova gara pubblica.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI