Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

Al via il protocollo per il Consorzio Industria e Artigianato

Atrio di_Palazzo_di_Citt

  

Primo passo per la nascita di un Consorzio per lo sviluppo della zona industriale e del territorio di Acquaviva. Oggi è stato firmato lo schema di Protocollo d'Intesa tra associazioni di categoria e Comune di Acquaviva per la costituzione di una società consortile di sviluppo che potrà portare benefici economici, miglioramento di servizi e nuova occupazione.

Il protocollo, facendo propri gli obiettivi previsti dal Piano generale di sviluppo che l'amministrazione comunale si è dato (attrazione di nuovi investimenti e ampliamento dell'area Pip, Internazionalizzazione delle imprese), in collaborazione con Cna, Confartigianato e Confindustria Bari-Bat in quanto "conoscitrici delle problematiche degli operatori economici locali" e dotate di "competenze specifiche", stabilisce un piano di azione articolato in sette punti.

In particolare, la costituenda società consortile collaborerà con il Comune nella "ricognizione e monitoraggio degli attuali insediamenti produttivi, individuando gli elementi di criticità e fornendo proposte per il soddisfacimento delle connesse esigenze". Si garantisce, inoltre, la "piena collaborazione agli uffici consortili" da parte degli uffici comunali". Infine, "sarà valutata la possibilità che il Consorzio supporti il Comune, secondo le modalità e con i poteri da concordarsi (...) in azioni di promozione dell'insediamento di nuove iniziative produttive e di assistenza alla realizzazione delle suddette iniziative".

L'atto è stato sottoscritto, alla presenza dell'assessore alle Attività Produttive Luca Dinapoli e dal responsabile di Finanza per l'Impresa, Antonio Santamaria, dal sindaco di Acquaviva Davide Carlucci, dal presidente Confindustria Bari-Bat Michele Vinci e dal delegato territoriale Domenico Maselli, da Maria Albanese per la Cna, da Nicola Casucci, della Confartigianato.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI