Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

Firmata l'Ordinanza Sindacale sul conferimento dei Rifiuti

rifiuti cassonetti_pieni

Sanzioni severe per chi getta rifiuti indifferenziati nei cassonetti della differenziata.

Oggi il sindaco di Acquaviva, Davide Carlucci, ha firmato un'ordinanza che ha per oggetto le "modalità di conferimento dei rifiuti solidi urbani e dei rifiuti speciali assimilati agli urbani. Disciplina della raccolta differenziata e dello smaltimento degli imballaggi provenienti da attività produttive".
Il sindaco ordina che "il conferimento dei rifiuti venga effettuato tutti i giorni dalle 20 alle 7 nel periodo maggio/settembre e dalle ore 17 nel periodo ottobre/aprile; che i rifiuti solidi urbani vengano chiusi in appositi sacchetti prima di essere immessi nei cassonetti, tranne quelli avviati alla raccolta differenziata, che potranno essere liberamente inseriti in corrispondenti cassonetti". Inoltre, i rifiuti devono essere "opportunamente differenziati prima della loro immissione nei cassonetti (carta, plastica e lattine, vetro, pile, farmaci scaduti, indumenti usati, oli vegetali esausti)". All'interno dei cassonetti deputati alla raccolta delle frazioni valorizzabili, non deveono essere immessi "rifiuti indifferenziati o differenti dalla tipologia indicata". I rifiuti ingombranti e i beni durevoli, si ribadisce, devono essere "smaltiti su appuntamento con il gestore del servizio di igiene urbana, telefonando al numero verde 800600345". Nei contenitori deputati alla raccolta dei rifiuti non possono essere immesse "sostanze che possano incendiare i rifiuti e/o il contenitore stesso, e/o rifiuti domestici pericolosi e nocivi (lampade fluorescenti e a basso consumo, batterie auto, contenitori etichettati T e/o F), che devono invece essere conferiti al centro di raccolta Lombardi Ecologia o presso i rivenditori". I cassonetti non devono essere spostati dal luogo in cui sono stati collocati dal Comune. Si ordina, inoltre, "che no siano assolutamente depositati rifiuti fuori degli appositi cassonetti, eccetto gli imballaggi di cartone che dovranno essere depositati, opportunamente svuotati, disassemblati, puliti, schiacciati e legati in piccole balle, nelle apposite rastrelliere o, in assenza, in modo ordinato accanto ai cassonetti Rsu; pertanto cartoni e imballaggi cellulosici non possono essere smaltiti e depositati all'interno dei cassonetti. Quantitativi maggiori o di grandi dimensioni potranno essere depositati fuori dai propri esercizi previo accordo con gli operatori della Lombardi ecologia per il ritiro, utilizzando il numero verde". Infine, l'ordinanza impone di "smaltire, mediante restituzione al fornitore o a mezzo contratto privato con ditte appositamente autorizzate allo smaltimento, gli altri imballaggi e rifiuti che non siano assimilati ai rifiuti solidi urbani, che non potranno quindi essere immessi nei cassonetti presenti sul territorio".
Chi trasgredisce va incontro a sanzioni da 25 a 500 euro, con facoltà di estinguere la violazione in forma ridotta a 50 euro".

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI