Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

Lettera aperta - Riunione sulla gestione dei rifiuti in Z. I.

Lettera

 

"Gli imprenditori di Acquaviva differenziano i rifiuti e nessuno lo sa" con questa la nota il Delegato Territoriale di Confindustria BA-BAT dott. Domenico Maselli ha lanciato nei giorni scorsi sulla nostra testata giornalistica una provocazione e aperto il dibattito intorno alle criticità relative alla gestione dei rifiuti nella nostra Z. I.

Facendosi portavoce della realtà imprenditoriale locale ha posto l'accento sulle tante problematiche e comunicato a viso aperto che "gli imprenditori insediati nella Zona Industriale di Acquaviva delle Fonti, fanno la raccolta differenziata superando anche il 90% del totale dei rifiuti prodotti, purtroppo nessuno lo sa, oppure si fa finta di non sapere". 

"Gli imprenditori - scrive Maselli lo scorso 21 gennaio- sono penalizzati tre volte".

"L’Ente Comunale - prosegue nella nota- continua a massacrare le imprese con aumenti indiscriminati della TARSU e inoltre, al danno si aggiungerà la beffa di un’ecotassa triplicata se non si raggiungeranno determinati indici di una raccolta differenziata imposta dalla Regione Puglia".

 "Sarebbe opportuno rivedere alcuni aspetti nella gestione dei rifiuti e anche del regolamento per l’applicazione della tassa di smaltimento".

L'Amministrazione chiamata in causa ha inviato ieri una lettera aperta invitando il dott. Maselli a focalizzare le problematiche rinvenienti dalla gestione della Zona Industriale e dalle imposte ad essa correlate.

Ecco di seguito la richiesta degli assessori Dinapoli e Bruno: 

 

 

 

Acquaviva lì 03/02/2014

 

Al dott. Domenico MASELLI

 

Spett.le imprenditore,

 

Con la presente la invitiamo ad una riunione presso la sala convegni della società Montazzì, per venerdì 7 febbraio alle 17.30, per un incontro volto a focalizzare le problematiche riveniente dalla gestione dei rifiuti in Zona Industriale e dalle imposte ad essa correlate.

Apprendiamo infatti da una nota del dott. Domenico Maselli, apparse sul quotidiano online Acquavivanet del 21/01/2014, della volontà di voler porre all’attenzione di questa Amministrazione Comunale le criticità presenti per le imprese della Zona Industriale in materia di rifiuti.

Accogliamo pertanto questo invito, che organizziamo con la volontà di un costruttivo confronto su queste problematiche. L’occasione è gradita per porgere distinti saluti.

 

L’Assessore alle Attività Produttive

- Luca Dinapoli

 

L’Assessore all’Ambiente

- Francesco Bruno

Commenti  

 
#4 tonino santamaria 2014-02-06 12:43
Le imprese dovranno chiedere (se dal 1993 non lo hanno ancora fatto) l'applicazione, presentando istanza al Comune, della riduzione della tassa dei rifiuti, così come stabilisce il Dlgs , 507 del 1993, la Legge di Stabilità del 2014 e il Regolamento della tassa sui Rifiuti, art. 6. Rimaniamo a disposizione per chiarimenti e delucidazioni.
 
 
#3 tonino santamaria 2014-02-06 10:14
Mi chiedo, ma gli Amministratori, non si rendono conto che continuano a discriminare le imprese e le Associazioni di Categoria? L'aumento della tassa dei rifiuti vale sia per le imprese del PIP che per le imprese insediate nel centro cittadino o queste ultime sono figlie di un dio minore? Perché invitare il dott. Maselli, responsabile cittadino di Confindustria e non anche la Confartigianato e la CNA? Il problema è che gli Amministratori non conoscono le Leggi in materia di tasse per la raccolta, e smaltimento dei rifiuti industriali per cui, il loro unico sfogo è quello di far pagare alle imprese tasse non dovute al punto di tassare le imprese, 2 volte per la stessa area: ma si può andare avanti così?
 
 
#2 tonino santamaria 2014-02-04 18:39
Come si può avere rapporti con Assessori Comunali che discriminano le Associazioni di Categoria: sono incorreggibili! !
 
 
#1 gag 2014-02-04 12:02
si sono candidati, sono stati eletti, stanno amministrando da più di un anno e non conoscono le problematiche? ma andate a zappare!!!! anzi, intensificate la raccolta rifiuti!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI