Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

Piazza Della Torre: “I media locali non parlano di questa piazza”

antenna

 

 

Un nostro lettore è residente a Piazza Felice Della Torre: ci ha chiesto l’indirizzo e-mail della nostra redazione. Pare che a breve ci spedirà un comunicato con delle foto.

“I media locali non parlano di questa piazza.” Ma si sbaglia: AcquavivaNet ne ha già parlato in diverse occasioni. E ci schieriamo sempre dalla parte del cittadino. Quindi, caro lettore, AcquavivaNet attende ben lieta le sue foto ed il suo comunicato.

Piazza Della Torre è famosa, sarebbe la “Questione Antenna”: quel Consiglio Comunale del 30 marzo 2012… dopo che sono passati giorni da quell’8 marzo data di inizio dei lavori di installazione… Con il Primo cittadino Squicciarini prima motivato nel portare avanti l’atto di indirizzo, “poi”, riscontrando la necessità di nuove comprensioni di applicabilità, con il problema dell’istituto dell’autotutela.

Fino ad oggi l’antenna non ha mai cambiato posizione: e ciò che può interessarci è il destino del regolamento comunale ad hoc. E come si comporterebbe, oggi, l’Ufficio Tecnico del Comune in presenza di progetti per nuove antenne.

Caro lettore, noi attendiamo la sua comunicazione. Ma il regolamento comunale per le installazioni, risalente al 2005, può definirsi in vigore?

La Questione Antenna la si può collocare ai tempi fra il 2004 e il 2005: quando la giunta Pistilli creò un regolamento in linea con la legge regionale n.5 del 2002. Legge che, secondo l’ing. Didonna, esprimendosi pubblicamente durante il Consiglio Comunale del 30 marzo 2012, “la Corte Costituzionale aveva poi dichiarato incostituzionale”. E nel 2006, sempre secondo Didonna, “la Regione Puglia non aveva più introdotto alcuna una norma di peso legislativo al pari di quella ormai considerata bocciata”. Dal discorso del tecnico emergerà l’assenza di un opportuno provvedimento locale: “se questa amministrazione comunale (Giunta Squicciarini) non adotta una programmazione, non adotta uno strumento normativo, l’ufficio deve fare esclusivamente riferimento alle norme regionali. E queste non prevedono un divieto nelle zone A (come il Centro Storico).” Anche se lo stesso tecnico poi aggiungerà l’assenza di una mappa di copertura Wind.

E Squicciarini, poi, affermerà: “davanti al vuoto, l’amministrazione doveva uscire con una proposta per bloccare i lavori dell’antenna.”

Oggi, la situazione è rimasta immutata. E siamo in piena Era Carlucci. Invitiamo i nostri lettori a rileggere l’articolo del 17 dicembre 2012:

http://www.acquavivanet.it/cronaca/3839-qnoq-di-acquavivesi-a-fra-diavolo-e-qquestione-p-zza-della-torreq.html

GenLocal segnala l’apertura del forum “Acquavivesi, parliamo della salute delle nostre piazze cittadine”:

http://genlocal.wordpress.com/2013/10/09/acquavivesi-parliamo-della-salute-delle-nostre-piazze-cittadine/

AcquavivaNet, in questi giorni, non è rimasta con le mani in mano: ha chiesto sulla situazione della piazza all’Assessore Francesco Bruno. L’Assessore: “Stiamo studiando il caso.”

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI