Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

Franco Montenegro: “Appello per approvare bilancio previsione”

franco montenegro

 interno articolo_pdl

AcquavivaNet intervista il capogruppo consiliare della PDL, il rag. Franco Montenegro. L'estate acquavivese vive oggi un'interessante parentesi culturale: il merito spetta, ovviamente, all'amministrazione guidata da Davide Carlucci. La stessa che però dovrà guardare al suo immediato futuro. Un futuro che parla di bilancio di previsione (se verrà mai approvato per tempo...) e di prossime stangate a carico dei contribuenti acquavivesi. Franco Montenegro invita Carlucci a monitorare la condizione sociale di molte famiglie della città. Poi, anche le questioni annose: come PRG e 167. Oltre la situazione Miulli. Ma l'ultima “apostrofe” è rivolta proprio al centrodestra, specie quello locale: “Troppi generali”. Il centrodestra (in ogni caso) dovrà ripartire con “umiltà” e “senso di militanza”. 

A suo parere, cos'è questa “Acquaviva bellissima”?

“È uno slogan della sinistra... che deve dimostrare, ancora tutt'oggi, la sua fattibilità. Di questa Acquaviva bellissima non abbiamo visto ancora nulla, tranne qualche manifestazione culturale, qualche attività fatta attraverso la collaborazione della Pro Loco ed altre associazioni. Nulla di concreto a quelle azioni sul territorio volte nel settore del sociale, dei lavori pubblici e dell'urbanistica. Se vogliamo dare una definizione a questa Acquaviva bellissima, è la seguente: sono soltanto due mesi di attività amministrativa. Se consideriamo la presentazione delle linee programmatiche esposte dal sindaco, sono stati toccati molti punti e sono fra loro variegati: mi auguro che riesca a risolvere almeno parte delle problematiche della nostra città. Poi vediamo. Due mesi non valgono un serio giudizio, ma torno a dire che di problematiche corpose nulla è stato ancora fatto da questa amministrazione. Almeno per il momento.”

interno articolo_franco_montenegro 

Fra le problematiche, un punto importante è il rapporto fra l'Ente Comune e l'Ospedale Miulli...

Interviene il consigliere: “Ne abbiamo parlato: questo è uno dei tanti problemi. C'è il problema della 167, come c'è il problema del piano regolatore, come ci sono tanti altri problemi di natura sociale e che vanno affrontati... perché il problema economico e critico che sta vivendo la cittadinanza va affrontato in maniera seria. Ma torno a dire sono che solo due mesi di amministrazione, poi vedremo cosa accadrà dopo la pausa estiva. Io avevo lanciato un appello, tuttora lo rinnovo: l'amministrazione Carlucci approvi subito il bilancio di previsione ed entro il 30 settembre... affinchè le voci di bilancio procedano con le valutazioni programmatiche promosse dal sindaco. Tuttora non si parla ancora di questo bilancio. Per quanto riguarda la Tares, la tassa sui rifiuti, è stato fatto un provvedimento in via provvisoria. Si sono applicate le tariffe dell'anno 2012, non tenendo conto della nuova normativa. I cittadini di Acquaviva riceveranno a settembre ed ottobre gli acconti sulle tasse rifiuti sulla base delle aliquote dell'anno precedente, poi a dicembre sarà previsto un conguaglio. Senza adeguati scaglioni, i cittadini pagheranno circa il 90% della Tares e con vecchie aliquote. E la pagheranno in due sole mensilità. Sarà un notevole impatto di tassazione sulle esigue tasche di molti acquavivesi.”

A livello comunale, si vive in una ristretta opposizione. A livello nazionale, ci sono poi altre notizie... Come può ripartire dal basso il centrodestra?

“Mettendo in campo un'arma che secondo me è la più indicata per risollevare il centrodestra: l'umiltà. Almeno ad Acquaviva. Anche ad Acquaviva. Perchè ho notato che nell'ultimo periodo questa umiltà è venuta meno da parte di tutti noi che ci sentiamo essere del centrodestra. Troppa voglia di arrivismo, troppa voglia di ricoprire subito dei ruoli, troppa voglia di occupare spazi senza tenere in considerazione se c'è, o meno, una base che “ti supporta”. Mi sa che nel centrodestra di Acquaviva siamo diventati come tanti generali senza truppe alle loro spalle... Quindi, da parte nostra, dobbiamo riscoprire i valori della militanza. Il valore di essere umili militanti. Compattando questa militanza potremmo anche ambire di essere poi alla guida del prossimo governo cittadino.”

 

Commenti  

 
#9 Capitan Formaggino 2013-10-15 10:26
@Hobbit: Guarda, in parte hai ragione. Solo in parte. Però, secondo me, noi, come italiani e come acquavivesi, siamo ormai scottati da questa crisi... Cotti. Fatti. Strafritti. Puoi parlarmi di Tosi, di Vendola, di Grillo, di Renzi. Stai tranquillo: non ci salverà nessuno. Non ci salverà né F. Montenegro né D. Carlucci. L'unica cosa buona è dialogare tra noi cittadini, dal basso, su come affrontare la crisi. DA PERSONE CIVILI. Dialogando anche con il Sindaco o con F. Montenegro. Con chiunque. Benvengano forum di GenLocal, di Bartolomeo Brambillo, di Mad Dog Crew... Pensa alla salute.
 
 
#8 Hobbit 2013-10-12 11:39
@mimmo: Aggiungo questo passaggio... Non voglio più vedere i TG perché dicono sempre le stesse cose: la crisi, lo spread, tutto va male, Silvio di qua e Gianni di là... E' informazione, d'accordo... Però, vorrei una società diversa. Io vedo più povertà, rassegnazione. Bisogna parlare di sociale, di solidarietà, di progettualità, di economia, partendo dal basso. ANCHE AD ACQUAVIVA. Io ho menzionato Flavio Tosi, Giorgia Meloni e Beppe Grillo. Mi devi perdonare, Mimmo: ma io voterò uno dei tre. Il più credibile dei tre. O il meno peggio. O NON ANDRO' NEMMENO A VOTARE. Tu, caro Mimmo, sei libero di pensarla in maniera differente. Però... destra, centro, sinistra... ci dobbiamo tutti svegliare. Io non vedo futuro. Non vedo futuro nemmeno ad Acquaviva. QUESTO E' IL MESSAGGIO.
 
 
#7 le cose semplici 2013-10-11 11:11
Caro Mimmo, tutti possono sbagliare...
 
 
#6 Hobbit 2013-10-08 10:09
(Secondo commento) @mimmo: Invece di spendere il nostro tempo in frecciate, cerchiamo di far girare l'economia ad Acquaviva. genlocal.wordpress.com/2013/10/06/acquavivesi-facciamo-girare-leconomia/
 
 
#5 Hobbit 2013-10-08 10:03
@mimmo: Nulla contro di te, però il famoso bilancio non è stato più approvato... E le tasse sui rifiuti non sono state affatto dolci... Lo rammenti? Penso che Franco Montenegro sia anche tagliato per fare il sindaco, caro Mimmo. Ha carattere e "invecchiando" migliora. Il centrodestra acquavivese mi riparte solo da una Forza Italia sotto Franco Montenegro, da una Liberi Di e da un cartello civico collegato o con Fratelli d'Italia o con la "futuribile" rete di Flavio Tosi... Mancano, però, sedi e comitati. E servirebbe militanza. Ma credo che il concetto di militanza andrà presto a farsi benedire (caro Franco): i nostri giovani sono sempre più poveri ed avranno altro a cui pensare. Sono cambiati i tempi... (Per tutti) E questa sinistra europea, però, non avrà nemmeno futuro: troppo borghese. Troppe chiacchiere. In Europa emerge ben altro, caro Mimmo. Basta guardare. Noi dobbiamo solo scegliere fra Giorgia Meloni, Beppe Grillo, e Flavio Tosi... (Non ho menzionato Berlusconi) Non è una questione di destra o di sinistra: io non voglio più vedere i TG.
 
 
#4 nicole 2013-08-10 10:33
caro Pino non credo proprio che Montenegro parli di se stesso,gurdati intorno.
 
 
#3 mimmo gentile 2013-08-09 22:38
L'ex assessore non ha le carte in regola per fare certe affermazioni. L'efficienza e la trasparenza, in particolare per quanto riguarda il Bilancio, non sono il suo forte. Anzi in passato si è dedicato a fare il gioco delle tre carte... è un bravo giocatore, o meglio, giocoliere. Non può dare lezioni a nessuno... dovrebbe solo tacere.
 
 
#2 mimmo 2013-08-09 19:50
a che serve l'appello per approvare il Bilancio, c'è qualcuno che non lo vuole approvare?
 
 
#1 pino 2013-08-09 18:56
quando dici: Tanti generali senza truppe... di chi parli, di te stesso?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI