Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

Sardone: “Rivalutazione territorio, i ragazzi siano protagonisti”

antonia sardone

  

Intervistiamo ora un volto nuovo: l’Assessore alla Cultura e per le Politiche Giovanili del Comune di Acquaviva delle Fonti. Di recentissima nomina. Al secolo: Antonia Sardone, 21 anni, studentessa universitaria, responsabile provinciale del R.U.N. (Rete Universitaria Nazionale) e vicesegretaria provinciale dei Giovani Democratici Terra di Bari. (Assieme al R.U.N., compagine giovanile del PD).

È in ottima compagnia: al fianco della presidente della “Apulia Film Commission” (che abbiamo intervistato a parte…), la giornalista de “La Repubblica” Antonella Gaeta. Alla Sardone, pertanto, spettano anche le deleghe allo sportello Informagiovani, all'Università, alla Comunicazione istituzionale e alla Pubblica istruzione.

A scanzo di equivoci, ci troviamo al cospetto del più giovane assessore d’Italia…

E qui, subito una pronta risposta: “Vorrei evitare gaffe, diciamo che sono fra i più giovani assessori d’Italia in questo momento.”

Veniamo, ora, al dunque: a suo parere, quanto è importante rivalutare il settore della cultura ad Acquaviva delle Fonti?

“Io penso che un percorso sia stato già intrapreso nel corso della scorsa amministrazione: a noi sta il compito di potenziare ancor più alcune realtà che ci sono ad Acquaviva e che hanno bisogno di essere spinte ed incalzate. Realtà che riguardano diversi settori: possiamo passare dal cinema, al teatro, alla pittura, alla fotografia. A noi spetterà il compito di cercare di creare un dialogo fra queste realtà e spingerle verso una maggiore possibilità di esprimersi.”

Mi perdoni, ma quanto è importante la relazione fra l’assessore alla Cultura e le associazioni culturali? Come intende interagire con l’agglomerato delle associazioni culturali locali?

“Le associazioni culturali sono sicuramente una grande potenzialità che abbiamo qui, ad Acquaviva. Noi abbiamo una consulta culturale che ha il compito di creare una sorta di legame fra le associazioni. Vorremmo che si iniziasse a collaborare fra le associazioni, nel raggiungimento di un obiettivo. Come amministrazione, noi daremo delle linee guida.”

Di recente, abbiamo intervistato il vicesindaco Austacio Busto… assessore ai Beni culturali. http://www.acquavivanet.it/politica/4524-austacio-busto-acquaviva-ricordera-il-10-febbraio.html

L’abbiamo intervistato in merito alla rivalutazione delle piazze, non solo quelle principali ma anche quelle che rischiano di diventare ormai delle nuove periferie (come Piazza Zirioni o Piazza Della Torre), nonché abbiamo poi fatto particolare cenno ad una giornata istituzionale che finora ad Acquaviva non si è mai celebrata: il 10 Febbraio. (E questo andrebbe, in amicizia, ribadito anche alla cortese attenzione del nostro lettore “Celestino V”… Vuoi perché il rispettabilissimo tema del Miulli, oggi, non rientra “ufficialmente” nel settore della rivalutazione dei beni culturali materiali od immateriali. Almeno “non ufficialmente”. Salutiamo il nick Celestino V: “ha fatto comunque bene a ricordare la delicata vicenda Miulli”. – NdR.)

Ecco, dopo un lungo ed articolato quesito, l’analisi dell’assessore Antonia Sardone: “Sono iniziative che bisogna iniziare ad organizzare in maniera molto più dettagliata… Per quanto riguarda il lavoro per il recupero delle aree verdi, sono impegnata in prima persona e con la collaborazione di Austacio abbiamo deciso di coinvolgere gli stessi ragazzi in modo tale da capire quali sono le difficoltà e le responsabilità e le problematiche di Acquaviva… Per darci degli spunti per la risoluzione di questi problemi, come vuole Davide Carlucci, vogliamo che gli stessi ragazzi siano protagonisti di questa amministrazione… Non a caso, il sindaco ha dato la possibilità ad una giovane come me, di soli 21 anni, di coprire una carica assessorile.”

Sulla questione delle nuove periferie della città, ovvero le piazze come Zirioni e Della Torre: “Dal mio punto di vista – per quelle che sono le mie competenze - il primo passo che dobbiamo fare è quello di rivalorizzare le nostre piazze per renderle d’attrazione non solo per Acquaviva ma anche per le città limitrofe… E quindi realizzare diverse iniziative per ravvivare queste piazze. Da un punto di vista edilizio, o puramente tecnico od altro, sarà determinante la discussione e la collaborazione con l’assessore ai Beni culturali (il vicesindaco) Austacio Busto.”

La Sardone completa l’analisi, concludendo in merito al ricordo istituzionale del 10 Febbraio (legge n. 92 del 30 marzo 2004): “Si potrebbe pensare di dedicare, eventualmente, una di queste piazze – o vie o monumenti - o comunque di trovare un modo per celebrare questa data con iniziative.”

Qui, il video YouTube che ritrae l’assessore Sardone al fianco della giornalista Gaeta. http://www.youtube.com/watch?v=HUhpXpWiIAo

Ai lettori, l’invito al seguente approfondimento:

(10 Febbraio, Giornata del Ricordo) http://www.acquavivanet.it/politica/4518-acquaviva-ricordera-la-legge-n-92-del-30-marzo-2004.html

(Piazza Zirioni) http://www.acquavivanet.it/attualita/3421-intervallo-qpiazza-zirioni-acquaviva-delle-fontiq.html

(Piazza Della Torre) http://www.acquavivanet.it/cronaca/3839-qnoq-di-acquavivesi-a-fra-diavolo-e-qquestione-p-zza-della-torreq.html

(Cassarmonica) http://www.acquavivanet.it/attualita/3892-qe-se-la-cassarmonica-fosse-piu-tutelataq.html

Commenti  

 
#1 Pensionato recente 2013-07-13 15:42
Illustre assessore,
con orgoglio e stima ti auguro i migliori complimenti per la carica che ricopri. Sono contento che finalmente un viso così pulito e bello ricopri questo nobile impegno.Sono sicuro del futuro sia dei giovani in barba a tutti i colpevoli della sporca politica del passato fatto di tangenti . Antonia tu sei la nostra figlia che tutti abbiamo e che amiamo.Vai avanti con coraggio. Non avere paura . Secondo me è la piu bella figura che Carlucci abbia potuto dare. E guai a chi c'è la tocchi. Mi faro sentire .Auguri
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI