Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

Cronoprogrammi "garantiti" e sarà Giunta Comunale migliore

COMPAGNIA DELLE_ARTI

Magritte 

RICHIESTA AI CANDIDATI ALLA CARICA DI SINDACO DI ACQUAVIVA DELLE FONTI

CRONOPROGRAMMI GARANTITIE SARA’ GIUNTA COMUNALE MIGLIORE

 

Inascoltati i nostri nove punti “compressi” nella proposta del 20 aprile alla Città, ai partiti e movimenti civici, echi originati da vicende e verifiche intorno agli esiti della prima tornata elettorale del 26 e 27 maggio sembrano confermare l’impossibilità di costituire un Governo locale straordinariamente coeso, forte e agile, preordinato a fronteggiare soprattutto l’emergenza che cintura la crescita e lo sviluppo.

Anzi, “a naso”, registrate le nuove divisioni, le fratture che si leggono insanabili, la mancanza persistente di dialogo per la ricerca di sintonie, il persistere di tattiche pretese politiche, occasionali e stantie, descrivono ancora una volta la Città inutilmente brulicante e prossima “all’inchino”, alla nostra ”Isola del Giglio” irta di limiti politici e culturali (a tratti, di sicuro interesse antropometrico).

Così, nel marasma dell’incoerenza, come se Papa Francesco – anche Lui – non avesse fin’ora proferito parola, permane incontrastato il pesante giudizio di terzi in atti di programmazione sovraordinata: a tutt’oggi infatti è ritenuto “nullo il contributo della pianificazione locale in termini d’indirizzo”.

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in occasione della cerimonia di commemorazione del prof. Massimo D’Antona ha affermato: “…la crisi angosciante e drammatica…impone alle Istituzioni, alle forze sociali e alle imprese la messa in atto di efficaci soluzioni per rilanciare l’occupazione e lo sviluppo economico e sociale del Paese”.

Per l’emergenza che viviamo, per arginare il temuto smottamento dei livelli occupazionali, reattivi finalmente per i dati ISTAT che i media ci “sputano in faccia”, occorrerà allora varare subito, inevitabilmente, un incubatore sperimentale per la crescita e lo sviluppo (la Fondazione di Partecipazione territorio neutrale di confronto ed elaborazione) affinché la Giunta che sarà attinga al know how, alle competenze e anche al contributo bifasico della Corte dei Conti, Guardia di Finanza, del Corpo Forestale dello Stato, Carabinieri e Prefettura.

Per averVi letto però fin qui sorprendentemente refrattari nel certificare la sperimentazione e l’innovazione nel primo anno di governo, l’invito ai candidati sindaci prossimi al ballottaggio consiste nell’immaginarVi strutturati e dediti alla prospettiva del “Selfguiding Society”, a fronteggiare cioè problemi ciclopici per dare risposte eque alle aspettative di tutti gli acquavivesi, chiamati però, con metodo, alla collaborazione, per il decollo di PIANI STRATEGICI DI RIQUALIFICAZIONE DEL TERRITORIO condivisi dalla Regione Puglia.

Non è più tempo di scimmiottare la “casta” dalle scelte temerarie e dal disastro facile in danno di tutti: ora il patto con gli elettori (il cronoprogramma di governo, al pari di quello allestito per il Paese) non può non essere garantito da un valido “Contratto con gli acquavivesi”.

Acquaviva delle Fonti, 31/05/2013

 

COMPAGNIA DELLE ARTI

Commenti  

 
#2 antonio66 2013-06-01 19:25
Come cittadino chiamato ad esprimermi al balottaggio credo sia giusto e necessario che i due candidati ci diano un cronoprogramma minimo. E sopratutto che in assenza di raggiungimento di questi obiettivi minimi si dimettano.
 
 
#1 Pierluigi 2013-06-01 12:47
Ragazzi.....dop o la "triplice elica" ecco la Selfguiding Society, ma a chi volete che gliene freghi qualcosa? Mica siamo a Milano o nelle aree metropolitane, dove avrebbe un senso!Il prossimo sindaco deve rendere la città più vivibile, facendo rispettare ai cittadini cose semplici.Ordine per le strade, migliaia di multe salate, strade pulite,etc. Non grandi sistemi!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI