Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

POVIA: PRIVATIZZARE L'ACQUA? UNA FOLLIA

sergio-povia-elezioni-regionali

Abbiamo incontrato il Consigliere Regionale Sergio Povia, carismatico esponente del Partito Democratico, e si è colta l’occasione per qualche domanda.

Così vogliamo condividere con voi impressioni e riflessioni.

Ormai siamo in piena campagna elettorale e fra poco più di un mese si avrà il verdetto finale. Qual è l’aria che si respira?

vendola1Sul piano meramente politico devo dire che la campagna elettorale si sta caratterizzando da un lato dalla chiarezza del messaggio di Vendola il quale sta continuando a perfezionare ed ampliare il suo percorso iniziato 5 anni fa, soprattutto per ciò che riguarda il settore dell’eco compatibile, il suo assoluto dissenso nei confronti del nucleare, e il si all’acqua pubblica.

Dall’altro, invece, abbiamo il Palese e tutto il centro destra avvolti ancora una volta in un incessante stato di confusione. Nel momento in cui l’assessore al bilancio della Puglia afferma di aver firmato circa 7 anni fa dei documenti di cui non sapeva assolutamente la natura con una banca inglese e a causa di ciò la Puglia matura ogni anno 70 milioni all’anno di interessi passivi beh credo che se questo fosse successo in altre democrazie occidentali le dimissioni dell’assessore sarebbero immediate, ma questo a quanto apre non succede dalle nostre parti.

rocco-paleseÈ una campagna elettorale la loro che risente di un forte profilo di approssimazione cosa questa che è stata lampante anche al momento della designazione del candidato presidente. La Poli Bortone e l’UDC stanno perseguendo una logica di livello nazionale se così possiamo dire. Loro dichiarano che il Sud è stato totalmente abbandonato da Berlusconi e dal centro destra, ammettono il fallimento delle politiche di questi ultimi e si propongono come alternativa al centro destra. Bene, detto ciò, Nichi Vendola vincerà le elezioni e noi siamo convinti che Io Sud e l’UDC potranno veramente essere la nuova alternativa al centro destra.

In un’intervista rilasciata dal presidente della provincia Schittulli, in occasione della convention tenuta da Rocco Palese nella sede barese del Movimento Schittulli, il governatore barese ha attaccato duramente Adriana Poli Bortone affermando che sarebbe stato meglio se si fosse limitata fare la senatrice. Cosa ne pensa lei a riguardo?

adriana-polibortoneSe dovessi soltanto pensare alle dichiarazioni di Schittulli mi sentirei orfano di una posizione politica. Lui parla al suo popolo e parla nella consapevolezza evidentemente di non avere ancora chiaro il quadro. La situazione non è così rosea come loro vogliono farla apparire. Forse si è dimenticato che il centro destra ha vinto grazie all’appoggio della Poli Bortone e l’UDC. Questo mi fa essere ancora più sicuro e certo di quanto non lo sia che sarà Vendola a vincere. E nel momento in cui Schittulli si troverà dinanzi a questa realtà dovrà dare dimostrazione di essere un presidente dato che in poco meno di un anno dalla sua elezione questo governo di centro destra ha mostrato ben poco ai suoi cittadini.

Si sa, in seno alla Regione il ruolo dei consiglieri apparentemente è meramente di approvazione degli atti presentati dagli assessori della propria coalizione o partito, quindi se così possiamo dire, una posizione questa che nasconde tutto il resto del vostro lavoro. In che modo, allora, Sergio Povia, in questa campagna elettorale si farà conoscere dai cittadini?

foto-aula-consiglio-regionaBeh, degli attuali membri del PD uscenti da questa legislatura e nuovamente in competizione siamo in tre, l’assessore Loizzo, l’assessore Minervini ed io. È evidente che tra i tre il “più piccolo” da un punto di vista prettamente elettorale dovrei essere io perché effettivamente in questi 5 anni non ho avuto la gestione di governo a differenza dei due assessori che hanno operato in questa legislatura in maniera magistrale ed eccellente.

Io non potrò che adottare quelle che sono le mie armi, la conoscenza, il lavoro diuturno, la capacità di mettermi in relazione con le persone, con il territorio. Io credo di aver svolto un ottimo lavoro, purtroppo in molti non hanno capito qual è il reale lavoro che svolge un consigliere. Io ho svolto il mio ruolo con coscienza, e la mia costanza nel lavoro è data anche dal fatto che in 5 anni avrò saltato solo 4-5 tra incontri con le commissioni e consigli regionali.

D’altra parte, però, pur essendo consigliere, ho avuto modo di approcciare attività produttive e culturali che mi hanno permesso di avere una gamma notevole di rapporti personali. È l’elettorato attivo che in questi casi fa la differenza.

Tra le questione che saranno sicuramente punti cardine di questa bagarre elettorale c’è sicuramente il caso “privatizzazione dell’acqua”. Cosa pensa a riguardo Sergio Povia?

fontanaaqpoi5L’acqua è un bene pubblico e cosi come l’aria e le attività che riguardano la persona sono delle risorse che non possono essere assolutamente privatizzate: sarebbe una follia. Ora tutta l’attenzione si sta concentrando sulle fonti non rinnovabili e i grandi interessi economici si stanno tutti riversando su queste. Quindi io credo che se la discussione si limiterà ad essere acqua pubblica o acqua privata non c’è partita che tenga.

L’unica discussione che ha ragione d’essere è se l’Acquedotto Pugliese avrà la capacità con gli enti locali che sono i proprietari delle reti di ammodernare il profilo delle infrastrutture perché attualmente l’Acquedotto così com’è ora rischia di perdere una montagna d’acqua a favore della dispersione. Siccome questo tipo di operazione di ammodernamento ha bisogno di un’elevata quota di investimenti è evidente che l’operazione può essere costruita anche con attività svolte da privati con la consapevolezza che alcune reti dovranno essere totalmente rimodernate. Gli enti locali che potranno farlo o le strutture che sono in grado di poter operare si attivino.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI