Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

"Le mie affermazioni sono documentate e documentabili"

Il Candidato_sindaco_Claudio_Solazzo

 

Non tarda ad arrivare la replica del candidato sindaco Claudio Solazzo che a proposito della questione relativa a Scappagrano rivolgendosi a Davide Carlucci, scrive:

 

"L’ormai consolidata abitudine di un candidato Sindaco a criticare le idee e i programmi altrui, spesso parlando a sproposito e senza un’adeguata conoscenza delle situazioni, comincia ad apparire stucchevole. Mai un progetto, mai una proposta ma solo fango da chi si erge a depositario della verità assoluta. Questo atteggiamento non paga. Il candidato non può infatti non sapere che l’informazione va fatta con dati e documenti alla mano, non con i “mi risulta” che abbondano nelle sue note.

Le sue ricostruzioni dei fatti, approssimative e rabberciate, meritano di essere smentite, non fosse altro per rispetto nei confronti dei cittadini che si sentono doppiamente presi in giro. Nel comunicato in questione, infatti, si dice di una mia voglia di creare esclusivamente polemica. Peccato soltanto che sin dall’esordio della nota valutavo in maniera estremamente positiva le idee avanzate da altri in merito alla necessità di intercettare finanziamenti.

Ancora. I toni senza dubbio forti e carichi di indignazione che ho utilizzato sono i toni dell’uomo di sport. Di chi si è battuto per avvicinare i giovani allo sport, inteso come momento di aggregazione e di crescita collettiva.

Nella nota in questione viene tirata in ballo la gestione precedente. La cosa che probabilmente sfugge al messia giunto da lontano è che tale gestione ebbe termine il 31 dicembre 2010 e che ad allora l’impianto fosse pienamente funzionante. I problemi insorgono nel 2011 quando la struttura viene razziata da taluni vandali non identificati. L’Assessore allo sport durante l’amministrazione Squicciarini ha un nome e un cognome e ogni altra ipotesi o congettura è destinata a rimanere dietrologia inutile.

Per quanto riguarda l’aspetto gestionale, nella sua discesa in Puglia al candidato sono sfuggiti alcuni documenti in cui l’associazione che presiedevo, unitamente ad altre compagini, richiedeva l’affidamento gratuito della struttura al fine di evitare la vacatio da un lato e di permettere la prosecuzione delle attività sportive dei ragazzi dall’altro. Invito l’aspirante Primo Cittadino a chiedere conferma a quegli amici che hanno dedicato tempo, sacrificio e passione per valorizzare lo sport a Scappagrano; tra questi c’è chi è candidato Consigliere proprio nel PD.

Tutte queste mie affermazioni sono documentate e documentabili. Qui non si parla di “mi risulta”, ma di fatti. E a tal proposito invito chiunque a un dibattito pubblico sulla questione; è opportuno che determinate cose si abbia almeno il coraggio di dirle di fronte ai cittadini, assumendo il rischio di essere smentiti dai documenti.

Chiudo con un’osservazione. Qualche candidato dice che si sta attivando “affinché i beni confiscati di via Bari, via Sannicandro, via Squicciarini, via don Cesare Franco e della zona industriale vengano affidati a una rete di associazioni impegnate nel sociale scelte con avviso pubblico”. Mi sento di complimentarmi per la strumentalizzazione che sta portando avanti in questa campagna elettorale. L’affidamento ad associazioni impegnate nel sociale di immobili sequestrati, infatti, non è una libera idea di un candidato, ma una previsione normativa che, come tale, va osservata dagli Enti a prescindere dall’amministrazione".

 

 

*Il candidato sindaco

Avv. Eustachio Claudio Solazzo

 

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI