Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

Claudio Solazzo, humus: "ecco la mia idea"

foto


"In seguito ad accuse ed illazioni che negli ultimi giorni si sono susseguite, - scrive in una relazione esplicativa il candidato sindaco Claudio Solazzo- sembra opportuno spazzar via i dubbi circa l’eco-compatibilità dei progetti che, come coalizione, intendiamo portare ad Acquaviva.

Cominciamo dall’impianto di produzione di humus e humo derivati.

Il campo di impiego dei prodotti che possono entrare nel processo di preparazione dell’humus possono essere:

-          RIFIUTI ORGANICI URBANI DIFFERENZIATI;

-          ALLEVAMENTI avicoli, suinicoli e zootecnici in genere;

-          SANSIFICI con particolare riferimento alle sanse esauste;

-          INDUSTRIE AGRO-ALIMENTARI di trasformazione conserviere;

-          MATTATOI per quanto attinente agli scarti di macellazione (corna, unghie, sangue ecc.);

-          MERCATI ortofrutticoli e del pesce;

-          POTATURA di alberi da frutta, viti, olive ecc. (questi estremamente importanti per la produzione dell’humus);

-          RESIDUI DI FUNGAIE;

-          CANTINE SOCIALI relativamente alle raspe esauste;

-          ACQUE DI VEGETAZIONE E BORLANDE DI DISTILLERIA.

Nel contesto dei prodotti sopra descritti questi, prima di essere inviati al processo di umidificazione, subiscono un processo di tindalizzazione mediante metabolizzazione termofila e il ciclo di umidificazione viene ad essere così articolato:

-          TINDALIZZAZIONE: è un’operazione che tende, per via microbiologica, ad attivare le biomasse epifitiche termofile affinché le stesse abbiano, attraverso le loro attività esotermiche, ad innalzare la temperatura dei cumuli e distruggere parassiti e loro uova, insetti, spore microbiche;

-          PRODUZIONE DI PROTEINA BATTERICA: questa operazione biologica è molto importante poiché prepara un precursore di base sul quale vengono insemenzate tutte le biomasse del nucleo umatico; queste sono state isolate da humus di latifoglie e aghi di pino, e possiedono la caratteristica di operare con pressioni osmotiche piuttosto alte; detti ceppi sono assolutamente fisiologici;

-          METABOLIZZAZIONI SELETTIVE; sono tre gruppi di biofermentazione attuati allo scopo di preparare una serie di prodotti compresi fra:

- componenti del gruppo umatico (acido fulvico, crenico e apocrenico, acido sacculmico                               ecc.);
- microrganismi propri delle micorizze;
- ormoni vegetali;
- microrganismi biocidi per combattere le infezioni del regno vegetale e per il disinquinamento dei suoli.

La tecnologia di umidificazione pilotata, come nel nostro caso, rappresenta una metabolizzazione in semisolido (produzione di concime umatico), metabolizzazione in fase liquida (fertirrigazione e concimazione fogliare) sono effettuati su sistemi chiusi mediante l’utilizzo di Safety Cabinet. Tutte le fermentazioni sono condotte a cielo chiuso, da “Guidelines National Institute of Healt”, e secondo le direttive emanate dal Consiglio d’Europa nel 1982 in materia di biotecnologie innovative.

Tutti i processi di metabolizzazione e miscelazione sono condotti e curati dal laboratorio centrale che gestisce anche le alimentazioni dei bilanciamenti nutrizionali, controlla e mantiene il pH, l’umidità relativa e tutte le operazioni necessarie al buon funzionamento dell’impianto.

Saranno condotte analisi periodiche su opportune parti dell’impianto al fine di garantire il suo corretto funzionamento anche dal punto di vista ecologico.

Gli operatori non sono mai in contatto diretto con gli impianti produttivi in quanto l’accesso alle linee di fermentazione può avvenire solo dopo l’arresto dell’aria impegnata e la messa in sicurezza del tunnel.

Il prodotto finito è privo di qualunque battere patogeno, non contiene tossine, è esente da larve e insetti nocivi, non contiene spore di funghi tossici, ma solo microrganismi fisiologici riconosciuti dalla comunità Europea in materia (prodotti SAIFE).

 

Il candidato Sindaco

Avv. Eustachio Claudio Solazzo

 

Commenti  

 
#2 franco meli 2013-05-16 09:26
Caro Solazzo è proprio l'humus che manca ad Acquaviva !!! ma l'humus che dici tu è diverso da quello che intendo io !!!!!!!!!! quello a cui mi riferisco è il sostrato costituito da fattori sociali, spirituali e culturali che favorisce il sorgere di un’idea, la realizzazione di un’impresa, il modo di vivere onesto, la tutela degli altri prima che di se stesso, il rispetto della giustizia prima che della legalità... e tu che sei avvocato capisci bene a cosa mi riferisco.
 
 
#1 dino 2013-05-15 18:44
sono solo chiacchiere di campagna elettorale...VE RGOGNA!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI