Giovedì 15 Novembre 2018
   
Text Size

Piconio: "Non avevo sforato, il PD mi aveva concesso il suo spazio"

marco piconio_sindaco

 Il candidato sindaco del CDL Marco Piconio chiarisce nella seguente nota quanto accaduto ieri sera all'apertura della campagna elettorale nel corso del suo primo comizio.

 

 

DSC 0158.2

Riceviamo e pubblichiamo: 

 Acquaviva delle Fonti, 06 Maggio 2013

                                                  Spett.le Redazione Acquavivanet

 

 

Desidero chiedere scusa alla cittadinanza tutta che stava ascoltando il mio comizio ieri sera alle ore 21:25 circa, allorquando ho proferito quelle parole poco garbate ai miei collaboratori, parole spontanee. Loro non erano a conoscenza degli accordi che avevo con il PD che avrei potuto “tenere la piazza” sino alle ore 21,39 regolarmente autorizzato dal delegato del P.D. sig. Giovanni Nettis; La cittadinanza ha ascoltato a microfono aperto quelle parole rivolte a coloro che erano dietro di me. Tali reazioni sono naturali a fronte di GRAVI ATTACCHI ALLA LIBERTA’ DI ESPRESSIONE DEL PROPRIO PENSIERO.

 

Desidero precisare pertanto, che alle ore 21:25 circa quando mi interrompevano non avevo sforato alcun termine di orario, in quanto il PD mi aveva concesso il suo spazio ed avrei terminato alle ore 21:39 come potete verificare dall’autorizzazione giacente presso il Comando di P.M, invece sono stato disturbato continuamente sin dalle ore 21:25 da alcuni facinorosi della coalizione di Centro sinistra, per questo, mio malgrado, invito questa redazione a precisare quanto sopra.

Intendo precisare, inoltre che, il PD mi aveva concesso lo spazio dalle ore 21:27 alle ore 21:39, il Movimento Cinque Stelle aveva concesso lo spazio dalle ore 22:08 alle ore 22:14, mentre la colazione di centro sinistra si è preso di sua iniziativa anche il 2° spazio del Movimento 5 Stelle ed ha continuato a “tenere la piazza” sino alle ore 22:25.

 

Cosa molto più grave che tale scempio avvenga in un pubblico comizio mentre si richiama la cittadinanza e le forze politiche alla pace ed alla concordia tra esse.

 

Come ho ribadito nel mio comizio:

 

“….in questo momento particolare in cui versa l’Italia ed il Mondo intero c’è bisogno per lo sviluppo, che ognuno di noi debba abbandonare la casacca di appartenenza, dobbiamo lavorare tutti assieme per il bene comune !”

Ed ancora ho detto nel comizio:

“….io, pubblicamente, a tutte le forze politiche presenti, rivolgo ancora un accorato appello: Acquaviva ha bisogno di pace, di serenità e di lavoro, e noi in quanto politici dobbiamo dare l’esempio. Facciamo tutti insieme su questo palco un patto per il bene di Acquaviva: Il Sindaco che trionferà nominerà Vice Sindaco il suo antagonista del ballottaggio, nominerà gli assessori tra le forze più rappresentative che hanno partecipato a questa competizione elettorale e il Presidente del Consiglio sarà assegnato al Consigliere più suffragato. Solo così potremo riprenderci la fiducia dei cittadini e potremo fare il bene di tutti.”

 

Quando,invece ho parlato del personaggio biblico di Davide che vince contro il Gigante Golia riporto testualmente quanto ho effettivamente detto in comizio:

A tal proposito desidero ricordare il personaggio biblico Davide che combatte e vince contro il Gigante Golia che in questo caso sono il PD ed il PDL . Sono certo che Voi miei cari concittadini, con la fionda che, in questo caso è il voto di preferenza, mi darete la possibilità di vincere questa campagna elettorale”.

 

Vi ringrazio per quanto vorrete fare e l’occasione mi è gradita per porgere alla redazione tutta i miei più cari saluti.

 

 

                                                                                       *Marco Piconio

pd concede_tempo_al_CDL 

 

 

 

Commenti  

 
#5 santina 2013-05-08 13:34
Sottobanco sono le cose che non si dicono esplicitamente alla luce del sole. Tutti i candidati quando vanno sulla Cassa Armonica, prima di iniziare a parlare, devono dire se hanno avuto spazi da altri partiti e questo prima di tutto per rispetto degli elettori di quelle altre forze politiche e poi anche di tutta la città. Mi rendo conto che certi aspetti qualcuno non riesce a coglierli, ma purtroppo ognuno ha i suoi limiti. comunque c'è sempre tempo per imparare.
 
 
#4 acquavivese@santina 2013-05-06 20:26
santina,
1) GLI ACCORDI SOTTO BANCO NON GIRANO CERTO SU CARTA SCRITTA.
il sig Piconio ha avuto l'onestà e la trasparenza di mostrare un documento accessibile a tutti...questo documento dimostra cosa è successo nella coalizione del candidato del centro-sinistra...
prima il sig Nettis firma un documento in cui cede degli spazi elettorali.. poi urla di fianco al candidato sindaco sig Piconio senza sapere cosa stia facendo...
2)in tutte le campagne elettorali ci si scambia a vicenda degli spazi....compat ibilmente con le liste e con i candidati...pro vi ad incastrare 6 spazi di due candidati sindaci Tizio e Caio
Tizio spazio 1-3-5
Caio spazio 2-4-6
se si hanno ad esempio 7 minuti per ogni spazio ci si mette in accordo e la logica vuole:
Tizio spazio 1-2-3 tot 21 min
Caio spazio 4-5-6 tot 21 min...
E' UN FATTO DI LOGICA ED ORGANIZZAZIONE NON ACCORDI SOTTO BANCO ...ti saluto
 
 
#3 stefano 2013-05-06 19:37
bravo carlucci. ha scoppiato la pace con piconio. inziano gli inciuci!
 
 
#2 macellaio 2013-05-06 17:23
ma può il sig. Nettis essere delegato della lista ed anche candidato consigliere comunale???
 
 
#1 santina 2013-05-06 16:25
Pure gli accordi per uno spazio comiziale dobbiamo fare sottobanco? perché non ne sapeva niente nessuno? perché non ne sapevano nulla i collaboratori sia di Piconio che del PD? con il sottobanco non si costruisce la pace.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI