Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

Maurizio: "Il Commissario concretizzi l'atto di indirizzo"

avv. angelo_Maurizio

sala cesare_colafemmina_deserta.2

Incontro andato deserto. Questa la risposta ottenuta lo scorso 21 marzo dall’ex presidente del consiglio avv. Angelo Maurizio promotore dell’ incontro per il mantenimento degli Uffici Giudiziari in città. Appello inascoltato e incontro rimandato per la mancanza di partecipazione.

Nella nota inoltrata mercoledì scorso via mail agli ex consiglieri comunali, ai segretari di partito e ai presidenti delle due associazioni di Avvocati presenti sul territorio, Maurizio chiedeva di non mancare vista l’importanza della problematica.

Ritengo opportuno e urgente – scriveva- che si tenga un incontro unitario finalizzato ad impegnare il commissario Prefettizio ad adottare gli opportuni provvedimenti necessari a garantire che gli Uffici Giudiziari e specificatamente la sede distaccata del Tribunale e l’Ufficio del Giudice di Pace restino localizzate in Acquaviva delle Fonti”.

Soppressione delle sedi distaccate dei Tribunali e accorpamento degli Uffici del Giudice di Pace una questione non certo nuova per l’opinione pubblica delle nostre comunità sollecitata già lo scorso da numerose azioni e provvedimenti legislativi.

“L’Amministrazione Squicciarini -ha precisato Maurizio- si prodigò per evitare che la sede distaccata del Tribunale potesse scomparire. Fu reperita una sede idonea (presso l’ex Ospedale Miulli in via Maselli Campagna) che fosse a costo zero per il Ministero di Giustizia, in adempimento alla famosa legge che prevedeva la soppressione delle 7 sedi presenti in Provincia di Bari per la razionalizzazione della spesa (D. Lgs. N. 155 e 156 del 7.9.2012). La sede attuale del Tribunale di Acquaviva presenta inidoneità dal punto di vista strutturali e di sicurezza, paghiamo un canone di locazione molto elevato- ha detto l’ex amministratore- pari a 109 mila euro all’anno. Per quanto riguarda il mantenimento del Giudice di pace fu avviata una trattativa con i rappresentanti delle varie amministrazioni. Si insediò un tavolo tecnico ancora in essere.

Lo scorso 4 gennaio il Presidente del Tribunale di Bari, prendendo atto della impossibilità di poter allocare nella sede centrale tutte le sezioni distaccate dei Tribunali, in una lettera chiedeva a tutte le amministrazioni di acquisire un immobile che non comportasse oneri per l’amministrazione centrale in modo da prorogare di cinque anni il mantenimento delle sezioni distaccate.

Mi risulta che il nostro Commissario non avrebbe dato risposta alla lettera del presidente Savino.

Il Consiglio Comunale di Acquaviva delle Fonti, - ha poi ricordato- approvò un atto di indirizzo con il quale si adottavano tutti i provvedimenti necessari per acquisire in comodato gratuito una parte dell’immobile dell’ ex Ospedale Miulli (corrispondente all’ex Banca del Sangue e obitorio) per allocare la sede distaccata del Tribunale. Abbiamo trasmesso sia la documentazione inerente il progetto che i costi di adattamento per rendere idoneo l’immobile, su nostra istanza il 16 ottobre 2012 la commissione di manutenzione comunicò l’idoneità del progetto e la possibilità di trasferire il Tribunale.

Ho ritenuto opportuno con una scorta di amici di fare il punto della situazione ed eventualmente trovare uno strumento (elaborazione di documento, o di una petizione popolare) per sollecitare il commissario ad avviare una serie di iniziative per mantenere la sede distaccata del Tribunale ad Acquaviva.

Mettendo da parte le faziosità del passato la questione del Tribunale deve interessare sia gli avvocati che tutta la cittadinanza perché l’indotto che ruota attorno agli Uffici Giudiziari –ha detto Maurizio- è noto.

L’economia acquavivese oggi, non è al massimo dello sviluppo, se andiamo a togliere anche la sede distaccata del Tribunale credo che ci sarà un notevole danno. 

Bisogna lavorare insieme per realizzare un’azione comune, un indirizzo univoco per sollecitare il Commissario Prefettizio affinché concretizzi quell’atto di indirizzo che consenta con l’individuazione dell’immobile a costo zero che l’istanza possa essere accettata dal Governo centrale”.

 

Commenti  

 
#5 fausta 2013-03-29 00:39
L'Avv. Maurizio ha la memoria corta, parla di un atto di indirizzo fatto per portare il Tribunale nel vecchio Ospedale,ma dimentica che c'è un altro atto del consiglio comunale (del 2004) mai revocato o annullato che ha aderito al Contratto di Quartiere in cui era prevista la costruzione del nuovo Tribunale in Via Repubblica con fondi a carico dello Stato, per la precisione € 1.807.600,00 che nel 2004 avrebbero consentito la costruzione di un super Tribunale. Come al solito l'Avv Maurizio racconta storielle e crede che gli Acquavivesi abbiano la sveglia al collo. E' un simpaticone anche lui.
 
 
#4 fausta 2013-03-28 20:45
A me mi piace! ispira sicurezza e tranquillità! possibile che nessuno lo ha ancora proposto come SINDACO ? in mano a lui Acquaviva starebbe al sicuro e senza problemi. Come mai i cittadini non ci hanno pensato prima? Mha
 
 
#3 pippo 2013-03-26 01:20
Condivisibile il parere di Maurizio Angeli... ca nisciun è fess!!, ma ancor più condivisibile il parere di Mimmob... è vero il vantaggio è dei soli avvocati che vanno tutti i giorni in tribunale (gli altri invece no) ... ma non mi pare opportuno che in una piccola comunità la gestione del potere giudiziario sia affidata in pianta stabile alle stesse persone con insorgenza di amicizie, rapporti, frequentazioni, ecc ecc. Al massimo bisognerebbe fare come si faceva prima per i direttori di banca o i marescialli dei carabinieri... devono cambiare ogni 2 o 3 anni, ma è impossibile. Allora è meglio tutti a Bari.
 
 
#2 mimmob 2013-03-25 19:10
ma perchè il tribunale deve per forza restare a acquaviva? non vedo benefici. anzi il paese starebbe meglio con meno traffico di avvocati che si muovono in macchina per fare 10 metri. via a bari il tribunale
 
 
#1 Maurizio Angeli 2013-03-25 15:40
Furbo il nostro avvocato. Ha cominciato la campagna elettorale. Non ha capito che assieme ai suoi amici di partito rappresenta l'emblema del fallimento amministrativo più disastroso di sempre
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI