Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

Rivoluzione Civile "resta" ad Acquaviva

roberto tritto_rivoluzione_civile

 

 Rivoluzione Civile è rimasta fuori dal Parlamento italiano, portando con sé simboli storici quali l’Italia dei Valori, i Verdi Ecologisti e Rifondazione Comunista. Proprio ieri, Antonio Ingroia, leader (e anima) di Rivoluzione Civile, ha dichiarato (fonte ANSA, Palermo) quanto fosse ancora prematuro decidere sull’immediato futuro: ovvero, se tornare, personalmente, a fare il magistrato o lasciare la toga per l'impegno politico… Resta, tuttora, molto attiva la base militante di Acquaviva delle Fonti: come ci conferma, in una breve dichiarazione, Eustachio Roberto Tritto; coordinatore locale dell’ultimo comitato elettorale.

Quale futuro per Rivoluzione Civile in Italia e ad Acquaviva?... Sono già lontani i giorni dell'entusiasmo, della comunicazione politica ai giovani, della ricercata provocazione mediatica in merito a temi particolari (come, ad esempio, l'azione animalista promossa dell'attrice Loredana Cannata http://youmedia.fanpage.it/video/al/UR9_CeSw9HOp8Nbl), oppure avanza, in ogni caso, l'ipotesi di una prosecuzione del percorso alle prossime tornate elettorali?

Eustachio Roberto Tritto: “L'entusiasmo per i componenti di Rivoluzione Civile Acquaviva non è mancato mai, ne tantomeno in questo momento: molto delicato, della situazione politico-amministrativa che ci perseguita ormai da troppo tempo. Le inconcludenti amministrazioni fanno sì che, la società civile, la gente per bene, scenda in campo, in prima linea, per dire basta a questa situazione. Rivoluzione Civile c'è e continuerà ad esistere anche a livello locale... una parola sola: "Avanti". Non smettiamo di stare con la gente e per la gente che c'è ancora quella voglia di lottare per un cambiamento reale e non a "chiacchiere" come successo nel passato. Per le prossime elezioni amministrative, ci stiamo organizzando: innanzitutto sul programma. E siamo aperti a coloro che condividono i punti programmatici che per noi sono priorità assoluta per un'Acquaviva migliore e che ritorni ai fasti d'un tempo. Questa è la mia breve risposta condivisa da tutto il movimento Rivoluzione Civile Acquaviva.”

 

 

 

Commenti  

 
#9 Roberto Tritto 2013-03-25 23:42
Ops.. errore di scrittura Andrea Rigato e non Adriana...
 
 
#8 Roberto Tritto 2013-03-25 14:53
Infatti Condivido il post di Adriana Rigato e ringrazio Pino Solazzo...
Giusto per essere precisi, volevo comunicare che 7 giorni fa mi sono dimesso da portavoce di "Rivoluzione Civile", anche perchè questo paese confonde l'impegno reale nell'associazio nativismo con l'impegno politico a livello personale. Tutti i soci dell'INCONTRO Onlus possono confermare la mia correttezza in merito alle campagne elettorali, non ho mai utilizzato l'associazione per fini politici... questo chiedetelo ai miei oltre 20 soci e 50 collaboratori.
L'Associazione L'INCONTRO andrà avanti per i suoi grandi progetti culturali per Acquaviva senza che nessunoo perda tempo a contattarmi per accordi politici... io non trasformerò mai l'associazione in un luogo politico.
 
 
#7 andrea rigato 2013-03-23 17:39
A proposito del nuovo: iniziamo a non utilizzare come sempre l'associazionis mo che nasce per il bene sociale della collettività per futili fini elettorali. Non sarà il caso di Tritto, ma quante associazioni pseudo culturali nascono ad Acquaviva per un fine per poi ritrovarsi a fare campagne politiche?
 
 
#6 Pino Solazzo 2013-03-18 19:10
Ci risiamo, ad Acquaviva chi non fà nulla per la comunità si erge a tuttologo e cerca di dare consigli nascondendosi dietro pseudonimi che hanno solo del ridicolo, richiamano cartoni animati e nulla hanno a che fare con l'essere soggetti propositivi di una comunità. A Roberto l'invito a continuare sempre e costantemente nell'essere soggetto propositivo reale che mettendoci la faccia, il proprio tempo libero, il dimostrato saper fare, contribuisce a rendere un pò meno cupa e morta questa nostra città.
 
 
#5 Natale Michele 2013-03-17 19:16
Cosa è più utile per cambiare: votare o organizzare “qualche mercatino” (per usare le parole di "Bubu").Senz'al tro è indispensabile capire, o almeno tentare di capire. Il gruppo “Commercianti per un giorno” prende l'iniziativa del mercatino partendo dall'idea del riutilizzo e dello scambio. Nasce con un fine ben preciso: evitare che ciò che non è più utile a noi, invece di finire in discarica, riacquisti vita e valore perché ancora utile ad altri. Certo per la politica che procede di proroga in proroga alla Lombardi Ecologia, ricerca discariche pagate a peso d'oro e sempre in esaurimento, specula sul permanente stato di emergenza, gente che come Roberto, e il gruppo "Commercianti per un giorno", s'impegni sul riutilizzo non è gradito. Ecco che occorre delegittimare il tutto parlando di “qualche mercatino”.
Ma Roberto, e l'Ass. L'Incontro Onlus, non hanno organizzato solo mercatini. Da anni sono impegnati nell'organizzar e estemporanee di pittura, mostre, ecc. ma al non meglio identificabile "Bubu" acquisire le capacità di lettura dell'arte visiva per "Bubu" è cosa di poco conto, anzi inutile, non rende nulla, infatti neanche cita queste iniziative.
Mi chiedo: chi si cela dietro il nome di "Bubu"? Quale futuro immagina costui per il nostro paese e per la gente che lo abita? Sa leggere un quadro, una foto, un film … o gli basta distinguere e contare un segno sulla scheda elettorale?
Ho l'impressione che sia Lui a dover "mangiare pane duro", ancora per tanto tempo.
 
 
#4 sasà 2013-03-16 21:44
Vai Roberto a tenerne ad acquaviva gente volenterosa e disinteressata come te... ti stimo
 
 
#3 Roberto Tritto 2013-03-16 21:16
@ BUbu... si vede che sei figlio del vecchio... io non ho nessuna intenzione, interesse ed ambizione di candidarmi anche perchè il cambiamento avviene anche senza riflettori accesi della politica... Io credo in un progetto che sicuramento non è il tuo che dalle tue parole già acida di vecchio e non ho nessun interesse a farti cambiare idea, perchè come si dice... un pomodoro marcio messo assieme agli altri rovina tutto il raccolto. Io ritorno nell'associazio ne ad organizzare le mie 20 manifestazioni anno che danno visibilità ad un comune ormai morto "GRAZIE A QUELLI COME TE" gia da troppo tempo...
 
 
#2 murigno 2013-03-16 03:10
cacciateli tutti i vecchi coccodrilli
 
 
#1 Bubu 2013-03-16 00:08
Roberto, ne devi ancora mangiare pane duro. Se credi che il cambiamento avvenga col postare in continuazione slogan faziosi su facebook o fare qualche mercatino in piazza, hai ancora tanto da trottare.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI