Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

Antonacci (PD): "Siamo il Partito del NOI"

Antonacci incontra_gli_elettori

  

Era gremita di gente la Sala Conferenze “C. Colafemmina” lo scorso 30 gennaio in occasione dell’apertura della campagna elettorale per le Politiche del prossimo 24 e 25 febbraio.

Il Partito Democratico ha presentato i propri candidati al Senato e alla Camera e illustrato le proposte del PD per il governo del Paese. L’incontro pubblico ha visto la partecipazione della senatrice Anna Finocchiaro (capolista al Senato), presenti inoltre Vito Antonacci (Segretario Provinciale del PD, candidato alla Camera) e on. Giusy Servodio (candidata al Senato).

I giocatori principali di questa partita siamo noi elettori- ha detto coordinatore locale del PD Giovanni Nettis aprendo i lavori- la posta in gioco è alta, noi del Pd con SEL siamo portatori di una proposta innovativa radicale”. Ha esortato i presenti a impegnarsi al massimo per vincere queste elezioni.Lo scopo di queste manifestazioni è armare le proprie guarnigioni. Usando una metafora di atletica la Puglia tiri la volata a Pier Luigi Bersani”.

Vito Antonacci nel suo intervento ha fatto alcune riflessioni: “Abbiamo chiaro l’obiettivo di riuscire per la prima volta a colorare questa Regione della sfida nazionale di un diverso colore. Questa volta vi sono le condizioni per quello che la Puglia è stato in questi anni.

Siamo il vanto dei nostri circoli e militanti che vivono la politica a 365 giorni a prescindere dal momento in cui sono chiamati ad essere lepri piuttosto che protagonisti della campagna elettorale. La nostra bandiera non ha un nome e cognome, noi abbiamo scritto una pagina di grande partecipazione democratica. Siamo espressione di un territorio, abbiamo costruito liste che rispondono a questo criterio, al rapporto non episodico.

Abbiamo sfidato una legge elettorale che non ci piaceva, non ci piace e che cambieremo in fretta. Siamo orgogliosi di avere come capolista senatoriale Anna Finocchiaro che si è misurata con le Primarie vincendole in Puglia. Portiamo in giro un’idea di cambiamento di questo Paese. Siamo il Partito del Noi, abbiamo un idea collettiva di sfida non solitaria. Siamo tanti punti significativi di un tessuto d’assieme. Questa sala non sia solo di spettatori ma il motore vero di una campagna elettorale, al di là dei sondaggi si vince se si diventa moltiplicatori di un’ Idea. Venti giorni sono tanti ma volano rapidamente. Dobbiamo incontrare la gente e raccontare la nostra idea su temi fondamentali (sviluppo, lavoro, equità, lascerò ad Anna questo compito). Mi sia consentito sottolineare un tema: non possiamo lasciare una generazione senza futuro e orizzonte. La nostra battaglia epocale sarà dare dignità ad una generazione che ha studiato ma fa fatica a trovare un futuro perché se ha un lavoro è precario. Dobbiamo scrivere una pagina di consenso per Bersani e per il futuro di questa città”.

on Servodio

L’on. Giusy Servodio ha aperto il suo discorso ringraziando pubblicamente la Presidente Anna Finocchiaro. “A Lei, dobbiamo tanto. Nell’ultimo anno abbiamo vissuto alla Camera e Senato una pagina difficile e impegnativa, Lei ha saputo guidare con determinazione e pazienza in Senato il Pd che è stato presenza attiva, critica e vigile rispetto ai provvedimenti del governo di emergenza Monti. E’ una donna del Sud che è riuscita ad avere un ruolo di guida. Anna grazie, questo ruolo lo hai svolto con grande umiltà e pazienza portando un contributo importante del PD. Alcuni provvedimenti non sempre ci sono piaciuti, per senso di responsabilità li abbiamo votati, perché era importante uscire dalla Crisi che ci ha offerto Berlusconi.

Non siamo una forza politica legate ad una persona o a dei nomi, inventata dall’oggi al domani siamo una forza politica seria. Se fossimo stati attaccati ai nostri interessi di parte, quattrodici mesi fa avremmo portato il Paese alle elezioni anticipate e avremmo avuto certamente un successo.

Oggi la campagna elettorale si gioca su proposta di crescita e rilancio dell’economia, di questo Paese. Abbiamo proposte che intendono riportare gli ideali di equità uguaglianza e solidarietà. Siamo il Partito che fa la proposta più seria sulla ripresa. La fiscalità deve tornare ad essere motivo di incrocio tra interessi delle istituzioni e cittadini, il fisco deve essere orientato alla ripresa, sia orientato alla crescita e al benessere di tutti. Abbiamo tentato sia al Senato che alla Camera di rimodulare l’IMU, gli italiani non sono tutti uguali, bisogna guardare le differenze chi ha di più contribuisca. Il fisco ritorni agli Enti Locali che provvedono ai servizi alla persona. Se non si produce ricchezza non si spartisce nulla. Dobbiamo creare le condizioni perché investire un capitale sia facile, dobbiamo riconciliare gli interessi del capitale con quelli del lavoro, non con aiuti a pioggia, dobbiamo creare situazioni di sicurezza sul lavoro e su chi investe. La sburocratizzazione e il lavoro sono temi importanti per la ripresa economica di questo Paese”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI