Giovedì 15 Novembre 2018
   
Text Size

Barberio: "No ai privilegi, si al merito!"

Foto

 

Ormai è da diversi anni che esiste un pericoloso disinteresse degli italiani alla partecipazione politica e alla discussione, che sono delegate strettamente agli organismi politici.

Ed è per questo che auspico una partecipazione più attiva alla vita politica da parte dei cittadini.

Un risveglio delle coscienze e un rinnovato spirito di appartenenza potrà riportare noi tutti alla ricerca di un “nuovo protagonismo politico”, che a mio modesto parere aggi deve essere orientato, non nel “tutto contro tutti”, ma accanto a quei partiti e movimenti politici, come stimolo ad una più   intensa valorizzazione delle risorse di esperienza, e ancor più, delle intelligenze e dei saperi.

Una politica senza veri valori si smarrisce in un quotidiano tirare avanti senza trovare, quella necessaria spinta, essenzialmente legata ai problemi della Comunità, a vari livelli, e viverli intensamente e a risolverli.

Una democrazia ha bisogno di aggregazione ben radicate tra la gente, capaci di rappresentare le esigenze e fare sintesi attraverso decisioni e scelte ben precise: l’alternativa a ciò può essere pericolosamente rappresentata dalla politica del danaro, delle televisioni, della protesta e del populismo.

Ci sono molti elementi da discutere a partire dalla legge elettorale e per finire alle riforme della giustizia, fiscale, del lavoro, della scuola, della sanità…… , in sintesi ad una vera e propria riforma generale dello Stato.

La fase attuale del dibattito più serio e consapevole si pone il problema dell’equilibrio tra democrazia e libertà, tra valori etici e modernità.

La difficoltà di oggi della società e , quindi della politica è quella di individuare mediazioni, ormai indispensabili, per coniugare interessi diversi e in alcuni casi anche contrapposti.

La cultura dominante ha purtroppo generato mortificazione, umiliazione e rinuncia, la rassegnazione del ”tanto comunque nulla cambia”, ma proprio in tale cultura è indispensabile misurarsi, appunto per poterla cambiare, certamente non in un “batter di ciglia”, ma nella consapevolezza che “nuovi movimenti politici” possano legittimamente firmare il cambiamento tanto auspicato da tutti.

In tal senso un punto di forza di un programma politico “serio e sostenibile” è l’impegno orientato a costruire la cultura del merito nel mondo nel quale viviamo.

Il problema della meritocrazia pone delle domande, induce a delle riflessioni, richiede confronti, rievoca studio e ricerca, elabora progetti e chiama a raccolta il consenso; e solo attraverso questi percorsi si potranno operare cambiamenti culturali nella nostra società.

Impegniamoci tutti, con assunzione di responsabilità, affinché ciò possa accadere.

 

Acquaviva delle Fonti                                                                         Barberio Domenico

       30/01/13                                                                                             Italia Futura

Commenti  

 
#5 Acquavivese 2013-02-01 20:39
Non riesco a capire il motivo per il quale su "tanti" altri articoli ci siano sempre gli "stessi" commenti, mi viene da ridere, eppure dovreste imparare a conoscere di più le persone, e quando dico di più... non intendo per quello che sono state, per incarichi avuti, o semplicemente per il chiacchierìccio di “contrada” che porta noi lettori a credere alle solite storie, in questo caso la professionalità di Mimì Barberio non si discute, persona seria e competente!
 
 
#4 Domenico 2013-02-01 18:43
@Kiwi: Evidentemente non conosce il mio "curriculum" e quindi non può affermare quello che non sa!
 
 
#3 Domenico 2013-02-01 18:19
@ex montiano: Non voglio contraddirla ma le voglio precisare(può verificarlo)che nella lista, (Scelta Civica)con Monti per l'Italia, ci sono 32 candidati che non hanno mai svolto attività politico partitica nella loro vita. Più rinnovamento di questo?
 
 
#2 ex montiano 2013-01-31 16:38
Avrei votato Monti...ma sapendo che sul territorio è rappresentato da soggetti che nulla hanno a che vedere con il rinnovamento preferisco non andare a votare...EVVIVA LA DEMOCRAZIA!!
 
 
#1 kiwi 2013-01-31 15:04
si mimì bravo! gli stessi meriti tuoi per i quali hai ricevuto in passato gli incarichi in diversi enti. ma p piaceeer!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI