Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

No a firme sfiducia: "Ma TAR Puglia rigetta"

Palazzo di_Citt

Pare non del tutto chiara nella sua fase di chiusura la parentesi politica dell’ex-sindaco di Acquaviva Francesco Squicciarini: poste in discussione le firme della sua sfiducia.

Il TAR Puglia rigetta l’istanza di misure cautelari monocratiche e fissa, per la trattazione collegiale, la camera di consiglio del 31 gennaio 2013.

Pronuncia del TAR regionale, dunque, in merito il decreto di ricorso proposto dall’ex-primo cittadino e sollevato nei confronti dei consiglieri firmatari: Attollino, Caporusso, Carucci, Giorgio, Lombardi, Magistro, F. Montenegro, Morano, Petruzzellis, Solazzo, D. Tria.

Pronuncia in merito l’annullamento previa sospensione di efficacia del recente “decreto di sospensione” del Consiglio Comunale dello scorso 8 gennaio (come di ogni altro atto precedente); a seguito delle firme che hanno evidenziato, politicamente, la fine dell’ultimo governo cittadino e l’inizio dell’attuale parentesi di commissariamento amministrativo della città.

Seguiremo, cautamente, gli sviluppi della vicenda nei prossimi giorni.

 

Commenti  

 
#11 Pier 2013-01-16 18:30
@maria g. ma cos'è una minaccia che Squicciarini ritornerà? Io, come molti non si fidano più delle tante promesse non mantenute da Squicciarini e i suoi, dei suoi SI Si NON VI PREOCCUPATE. RISPARMIATECELO
 
 
#10 capretta 2013-01-15 20:28
Pier....alla squadra di campioni dovresti aggiungere Luisi - Colangiulo - Benevento e Demarinis e sostituire Montenegro F. con il famoso "zi rukk" (Montenegro Tommaso)...CHE SQUADRONE!!!!!!
 
 
#9 Stile 2013-01-15 19:58
Che coraggio Squicciarini a presentare ricorso! ma gira in paese ascolta la gente che pensa del suo operato? Ma non si rende conto di essere ridicolo nel cercare di mantenere la sua poltrona?
Perché peggiorare la sua immagine.
Perchè mette in difficoltà le persone che lo circondano e che gli vogliono ancora bene.
Dai ci hai provato ma non era per te ritirati in buon ordine.
 
 
#8 maria g. 2013-01-15 17:37
@Pier:Squicciar ini tornerà ed anche più forte di prima,si fidi.
 
 
#7 Pier 2013-01-15 09:45
@Maria g. Squicciarini ritorna con quali amici? Gli amici suoi sono Paradiso, Piconio, Montenegro F, Tisci,Borreggin e, Maurizio e Laera. No grazie anche perchè stiamo parlando di Squicciarini che ha dimostrato di non saper fare il sindaco (mai leader) ed evidentente il futto del suo lavoro: niente in 3 anni.
Grazie abbiamo già dato.
 
 
#6 maria g. 2013-01-14 18:54
SQUICCIARINI RITORNAAAAAA!!! !
 
 
#5 liberosempre 2013-01-14 18:31
Ennesimo colpo di coda del nostro caro sindaco squicciarini! dopo una manifesta palese volontà politica (e non) di interrompere questa farsa macchiavelliana (il fine non può essere altro che la retribuzione percepita per la carica di sindaco)Ecco un colpo di coda per tentare di allungare la legislatura comunale di quel tanto per percepire, IMMERITATAMENTE l'ennesima indennità spettante al primo cittadino!
sono proprio curioso di sapere quale sarà la prossima professione del signor francesco squicciarini!
PIETOSI!!!
 
 
#4 pappa e ciccia 2013-01-14 18:26
ma Paradiso che fine ha fatto??? è in lista per una candidatura al Senato della Repubblica delle Banane???
 
 
#3 fester 2013-01-14 17:58
perchè aljazeera -telemajg - non invita marco piconio? vogliamo sentire lui cosa ne pensa dall'alto del suo ruolo?!
 
 
#2 fiammetta 2013-01-14 14:57
gli acquavivesi vogliono conoscere il pensiero di piconio e dei piconiani. qualcuno può ascoltarli? ci piacerbbe leggere un intervista a piconio! grazie
 
 
#1 ricorrente 2013-01-14 14:42
Quindi Squicciarini ha fatto ricorso al TAR? Ma allora è vero che ha raggiunto il fondo e che ora ha cominciato a scavare! Le dimissioni degli 11 hanno così sorpreso sindaco e affiliati che non sono riusciti neanche a concludere COME SI DEVE e ora chiedono i SUPPLEMENTARI! Basta avete rotto. Carlo, Dino, Angelo, Marcuccio, ZioRocco, Giovanni, CI AVETE ESASPERATI! ACQUAVIVA NON VI VUOLE PIU'!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI