Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

Squicciarini: "Rassegno le mie dimissioni"

squicciarini sindaco_picnik

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota del sindaco Francesco Squicciarini: 

 

 

Comune di_Acquaviva

COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI

70021 Provincia di Bari

                                                          ___________________

   Il Sindaco

 

 

Preg.mo Segretario Comunale

Dott.ssa Rosella Anna Maria Giorgio

 

Preg.mo Presidente del Consiglio

Avv. Angelo Maurizio

 

Preg.mi Consiglieri Comunali

 

 

Sono note a tutti noi le difficoltà che negli ultimi tempi l'Amministrazione comunale di Acquaviva ha attraversato a causa dell'instabilità politica. Già da tempo i partiti hanno manifestato delle evidenti difficoltà a esprimere la loro funzione d'intermediazione tra le esigenze dei cittadini e la loro proiezione programmatica nel Consiglio Comunale e nell'esecutivo. Questa situazione ha portato, nelle ultime settimane, all'evidente smarrimento di quell'entusiasmo rivolto al cambiamento che era stato essenziale, anche come volontà e impegno personale, per la mia elezione.

            Io ho assunto la responsabilità di amministrare la nostra città. Toccava a me, dunque, non soltanto come prerogativa istituzionale ma anche come impulso morale, evitare che la crisi dei partiti trascinasse nell'ingovernabilità il bene comune. Quando, com'è avvenuto, non sono più le forze politiche a rendersi portatori di richieste all'Amministrazione, diventa doveroso, agli occhi dei cittadini tutti, che il sindaco riaffermi la necessaria suddivisione di modi, ruoli e compiti.

            Ho inteso farlo nominando nell'esecutivo, con deleghe chiave, persone autonome, tra i quali quattro professori universitari, che avranno il compito di rendere concrete poche, chiare istanze programmatiche: attuazione del PRG e Piano   urbanistico Generale, raccolta differenziata e nuovo servizio igiene urbana, ampliamento della zona PIP, riorganizzazione degli uffici, sviluppo della cittadinanza attiva, nuove politiche sociali. Queste persone stanno lavorando in stretta sinergia non solo con me, tra loro e con l'intero esecutivo, ma con le forze politiche e le rappresentanze dei cittadini ai vari livelli, per riuscire ad avere in breve tempo una Acquaviva migliore perché più funzionale per tutti.

     Alcuni consiglieri di maggioranza evidentemente non hanno interpretato nel migliore dei modi questa mia proposta che intende da un lato favorire il ripristino d'un corretto e adeguato ruolo dei partiti nella scelta della classe dirigente e dall'altro non far perdere colpi all'attività amministrativa: Acquaviva chiede delle risposte immediate ai problemi!

         Affinché il mio agire sia compreso nella sua giusta dinamica, in considerazione anche del momento attuale che deve vedere la migliore classe dirigente assumersi il forte onere di portare la nostra comunità fuori dalla crisi che grava su tutti noi: rassegno le mie dimissioni. Ciò, non come segnale di resa alle incomprensioni, ma come precisa volontà di accelerare la presa di coscienza di tutti noi rispetto ai nostri compiti e al mandato ricevuto.

            Ora tocca alle forze politiche, soprattutto al Partito Democratico che riceve la maggioranza del consenso relativo degli elettori di Acquaviva, fare chiarezza sull'eventuale proseguimento di questa nostra esperienza amministrativa. Ciò nell'interesse esclusivo dei nostri concittadini e della nostra città.    

 

Acquaviva delle Fonti, 7 gennaio 2013      

Il Sindaco

Ing. Francesco Squicciarini

Commenti  

 
#12 Giacinto P. 2013-01-15 20:16
Ma il PD in tutto questo dove era? Aveva 5 consiglieri e non riusciva a guidare la maggioranza. Perché?
 
 
#11 Il plebeo 2013-01-10 19:54
Gent.ma maria g., il Sindaco Squicciarini politicamente ha commesso errori che lui non ammette coram populo, ma che, dentro di sè, io penso, riconosca benissimo: 1) lasciare, mi hanno riferito, l'agenda politico-ammini strativa nelle mani di uno dei partiti della maggioranza consigliare, che ovviamente portava l'Amministrazio ne a seguire la linea politica ed amministrativa di quel partito, con la conseguenza di creare ex ante pregiudizi, opinioni contrapposte, talvolta dissidi insanabili all'interno della maggioranza. Questi dissidi hanno determinato la fuoriuscita di alcuni consiglieri dalla maggioranza dopo pochi mesi di amministrazione , minando di fatto la solidità della maggioranza stessa. 2) Mi hanno riferito che il Sindaco ha ignorato, durante l'iter amministrativo, il "PD", suo partito, che, bada bene, era il partito più suffragato alle elezioni amministrative, con ben 5 consiglieri comunali. Il malcontento all'interno del "PD" è stato altissimo ed ha portato alla profonda rottura nelle relazioni fra le due anime dello stesso partito, cioè fra ex "DS" ed ex "MARGHERITA". 3) I suddetti errori non consentivano al Sindaco di fare sintesi all'interno della maggioranza e di coordinare l'azione amministrativa che ovviamente procedeva a tentoni, senza idee chiare, vedi il PRG, e per alcuni problemi, vedi la ex 167, camminava come i gamberi. Il disastro amministrativo targato Squicciarini ha visto anche il contributo gravoso degli assessorati cardini del sistema amministrativo, vedi quello ai "Lavori Pubblici" e quello "Alle Attività Produttive" che in teoria devono garantire e sostenere lo sviluppo del paese, che come lei sa è fermo da decenni nel nostro Comune. Il risultato che scaturisce da tutto ciò è un contesto sociale, urbano ed ambientale del nostro paese profondamente deteriorato, e quello che più mi preoccupa è vedere i cittadini adagiati all'indifferenz a, nonostante siano gravemente calpestati i loro diritti di cittadini-elett ori. Non voglio entrare nel merito delle questioni e dei problemi che l'agenda politico-ammini strativa, ( guidata da un solo partito della maggioranza ), proponeva e che non trovavano la soluzione. Concludo dicendo che quasi 3 anni di Amministrazione Squicciarini hanno prodotto zero risultati e nessuna idea progettuale per il futuro e questa Amministrazione era ad un punto di non ritorno. Poi i ma ed i se, come lei sa non fanno la storia. Restano solo macerie che saranno certamente un handicap per la prossima Amministrazione . Distinti saluti.
 
 
#10 il grillino 2013-01-09 16:00
ora spazio ai giovani vai michelino e carucci tocca a voi che siete i geni della lampada di questo paese ....tanto la morano e tria neanche piu' i bambini della mensa li voteranno piu' !!
 
 
#9 maria g. 2013-01-09 14:04
Al plebeo chiedo:ma pensi davvero che andando via Squicciarini si risolvano tutti i problemi?credi davvero che gli scarsi risultati di questa amministrazione siano da attribuire solo a lui??
 
 
#8 Anna S. 2013-01-08 21:40
@francesco condivibile il tuo commento ovviamente in chiave ironica.
 
 
#7 francesco 2013-01-08 19:18
Grazie Francesco per il tuo stile politico
per la tua soprattutto moralità.
 
 
#6 francis 2013-01-08 17:14
Caro (EX) Sindaco, ha fallito su tutta la linea; ora gentilmente provi a cercare di sbarcare il lunario da qualche altra parte e non a carico di noi cittadini onesti contribuenti.
 
 
#5 tristano 2013-01-08 13:51
MA ANCHE PARADISO E MONTENEGRO HANNO FIRMATO LE DIMISSIONI? SONO RIMASTI FEDELI FINO ALLA FINE. BRAVI. VAI MARCUCCIOOOO SEI FORTISSIMOOOOOO O
 
 
#4 Il plebeo 2013-01-08 12:42
Il Sindaco Squicciarini si è dimesso. La sua dichiarazione lascia in sospeso la speranza da parte del Sindaco di una ricomposizione della maggioranza,anc he con l'ingresso di qualche transfuga di altri partiti,pur di riprendere il percorso amministrativo fin qui disastroso. Sindaco, lei ha ancora la sfrontatezza di trascinare stancamente e sine die questa drammatica situazione amministrativa? I cittadini sono allo stremo della pazienza per la mancanza della politica e perchè colpiti duramente dalle tasse. Sindaco,non avverte il bisogno ed il senso di responsabilità di lasciare definitivamente il Palazzo Comunale?
 
 
#3 MIMì 68 2013-01-08 09:32
Era ora!
 
 
#2 mourinho 2013-01-08 00:09
bravo francesco squicciarini
 
 
#1 f. miulli 2013-01-07 23:27
Ora incomincia il mercato delle vacche.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI