Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

Attollino replica alla risposta del Sindaco

mille per_litalia

MILLE X l’Italia - Acquaviva

 

Mi dispiace deludere il Sindaco Squicciarini, ma la sua risposta chiaramente intimidatoria al comunicato dell’1/1/2013 del coordinamento cittadino MILLE X l’Italia non ha sortito l’effetto da lui sperato.

Invece di replicare alle tesi di carattere politico riportate nel menzionato comunicato, il Primo cittadino ha volutamente denigrato la mia persona, esternando sproloqui diffamatori privi di ogni fondamento che meriteranno più approfondite considerazioni del sottoscritto in luoghi e con modalità diverse da questo breve comunicato.

Io non mi permetto di giudicare il livello di conoscenza delle leggi italiane del Sindaco, ma certamente quest’ultimo ignora l’art. 141 del TUEL 267/2000 che riconosce al Prefetto la possibilità di sciogliere il Consiglio Comunale in presenza di gravi problemi di ordine pubblico. Non fa parte della mia educazione aizzare qualcuno contro qualcun altro e non ce ne sarebbe affatto bisogno, dal momento che, caro Sindaco, la maggioranza della popolazione di questa città è già stanca, delusa e risentita a causa delle sue promesse non mantenute e della sua “incapacità politico-amministrativa” nel realizzare quanto scritto nel programma elettorale.

Ancora, il Sindaco Squicciarini forse ignora anche il Codice dei Contratti del 2006 che vieta le proroghe e l’artificiosa frammentazione dei contratti pubblici se non nelle more di una nuova procedura di gara: il contratto con la Lombardi Ecologia Srl di Triggiano è stato prorogato da Squicciarini e dalle su Giunte ben quattro volte e forse ce ne sarà una quinta, mentre ai cittadini di Acquaviva sono stati chiesti invano 12.000 euro per affidare nel lontano novembre 2010 a due consulenti esterni l’incarico di predisporre i nuovi atti di gara per il servizio di smaltimento e raccolta dei rifiuti solidi urbani, atti che non sono mai stati volutamente portati all’attenzione del Consiglio Comunale. Ad agosto 2012 la Regione Puglia ha istituito le ARO che sembrano rappresentare un problema solo per la nostra città mentre gli altri paesi viciniori, più lungimiranti ed efficienti del nostro, hanno negli ultimi due anni bandito ed aggiudicato nuove gare che permetteranno ai cittadini dei rispettivi paesi di avere un servizio meno oneroso, più rispettoso dell’ambiente, che premia i comportamenti virtuosi e, soprattutto, in grado di garantire il rispetto delle percentuali di raccolta differenziata previste dalle leggi nazionali e regionali che, invece, quasi certamente Acquaviva non raggiungerà, subendo le relative penalità di carattere economico.

La replica del Sindaco nasconde il timore di chi non vuol perdere la sua poltrona che gli ha garantito fin ora una lauta indennità! E dopo?

La deluderò ancora, caro Sindaco, ma non sono io colui che è in cerca delle fatidiche 11 firme, la mia è sicuramente garantita, ma i coordinatori di questa operazione vengono proprio dal suo interno, forse perché stanchi delle sue continue divisioni della torta che alla fine mangiano sempre in pochi.

E’ vero, io insieme ad altre 9 consiglieri di minoranza (Petruzzellis, Giorgio, Solazzo, Carucci, Paradiso, Montenegro Tommaso, Montenegro Francesco, Magistro, Lombardi), prima di questa ennesima crisi politica, le abbiamo proposto di formare una nuova maggioranza “salva Acquaviva”, come, peraltro, lei stesso mi aveva proposto durante un pranzo da lei offerto nell’estate scorsa, ma anche questa proposta è caduta nel vuoto e dall’estate scorsa ha cambiato la sua maggioranza svariate volte senza mai trovare il giusto equilibrio. Anche per questa ragione, il fallimento politico di questa legislatura è tutto suo.

Per quanto riguarda le generalità degli “innominati”, Sindaco non si preoccupi, li conoscono tutti gli acquavivesi, da oltre trent’anni!

           Il Coordinatore

                   Consigliere Comunale

                                                                                            dott. Francesco G. Attollino   

Commenti  

 
#1 Cincillo 2013-01-04 01:35
Il sig. Attolino, cn qll sua parlantina scanzonata, dovrebbe ricordare alla cittadinanda di Acquaviva che tutela gli interessi dell' ex Sindaco Vavalle, già indagato x l'Hanseniano e della zona 167 nonchè padre di sua moglie...sarà anche una disfatta qst amministrazione ma lui in qst anni cosa ha proposto in Consiglio x migliorare il nostro Paese!?!?!?!?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI