Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

Di Vietri. SEL: “Questa non è la morte del buon governo”

beppe di_vietri

 

 

 

Acquavivanet intervista il Segretario coordinatore acquavivese di Sinistra Ecologia Libertà, Beppe Di Vietri.

 

Può farci un'analisi nel modo in cui versano oggi i rapporti locali fra i vari esponenti della sinistra vendoliana acquavivese? Resterà sempre opportuno definirla unita e in sintonia?

 

“Intanto l’uso dell’aggettivo “vendoliana” mi lascia un po’ perplesso se usato come qualificante della nostra idea politica. Sinistra Ecologia e Libertà nasce come un movimento finalizzato ad unificare tutte le varie anime della sinistra sotto un unico soggetto politico: questo è il progetto politico in cui credo e a cui ho aderito sin dai primissimi momenti. E che mi convince ancora oggi. Penso che di una sinistra forte e coesa nel nostro paese “maiuscolo e minuscolo”, inteso come Italia e come Acquaviva, ce ne sia un gran bisogno politico e sociale: Nichi Vendola ha avuto il gran merito di concretizzare questa idea a livello nazionale, idea che però era già nelle menti di tantissime persone che, come il sottoscritto, hanno poi aderito con entusiasmo al nuovo soggetto politico che racchiude in sé diverse sensibilità. Socialisti, comunisti, ambientalisti e progressisti in genere. Ecco perché mi lascia perplesso l’aggettivo “vendoliana”: se per identificare l’idea politica. Anche se mi rendo conto che spesso è poco più di un’etichetta giornalistica semplificativa e come tale comunicativamente accettabile. Resta però il fatto che non amo la deriva personalistica della politica italiana che porta inequivocabilmente all’implosione della struttura organizzata dei partiti, con la conseguente impossibilità per i cittadini di poter esercitare un controllo diretto e collettivo sui propri rappresentanti politici che finiscono per rispondere solo a sé stessi del proprio operato con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti sia a livello nazionale che locale.

Fortunatamente per formazione e per mentalità politica, la sezione acquavivese di Sinistra Ecologia e Libertà rappresenta un gruppo organizzato unito e coeso. Pur essendo un gruppo composto di teste pensanti, ognuno con la propria storia e con le proprie rispettabilissime idee, noi siamo forti della condivisione del progetto politico (l’unità della sinistra) e del ricorso allo strumento dialettico per il confronto, individuando nell’assemblea il cuore del nostro partito. Se per chi non è avvezzo alla pratica del dialogo in politica, il confronto appare una debolezza. Per il partito che rappresento, invece, è garanzia di coesione e stabilità.”

 

Politicamente parlando, in che condizioni versa la città di Acquaviva?

http://www.acquavivanet.it/politica/3423-bianco-gd-qa-volte-si-perde-tempo-dietro-mozioni-inutiliq.html

 

“La nostra città versa in condizioni pietose. Non riesco a rassegnarmi al fatto che dopo tutti questi anni abbiamo ancora un sistema di raccolta dei rifiuti da paese culturalmente sottosviluppato ed incivile. Che non esista uno strumento di pianificazione urbanistica efficace e moderno; che non ci sia una reale trasparenza amministrativa; che il diritto alla partecipazione del cittadino sia calpestato quotidianamente.

Inoltre, voglio esprimere tutto lo sdegno possibile per il fatto che lo strumento di pianificazione finanziaria per l’anno 2012, il bilancio comunale di previsione, cioè lo strumento fondamentale per concretizzare la progettualità politica indicando come saranno spese nel 2012 (quest’anno!) e le risorse economiche a disposizione, sarà approvato in autunno: ovvero alla fine dell’anno! Questa non è la morte del buon governo.

Preso atto della situazione - e queste sono solo le problematiche macroscopiche - non comprendo perché questo Sindaco non si sia ancora dimesso.”

 

Può definirsi già attivo l'Informagiovani ad Acquaviva delle Fonti? Come potrebbe definire l'attuale condizione sociale dei giovani acquavivesi?

http://www.acquavivanet.it/politica/3385-il-punto-sulla-condizione-sociale-dei-giovani-acquavivesi.html

 

“L'Informagiovani non è ancora attivo: questo è un inconfutabile dato di fatto!

Se non ricordo male, l’assessore Pietroforte assicurava un avvio definitivo a partire dal mese di settembre: mi auguro che sia così. Un Informagiovani ben avviato può assumere un ruolo strategicamente rilevante per garantire l’integrazione lavorativa dei giovani, per migliorarne la condizione sociale, per rilanciare il fermento culturale giovanile in questo paese purtroppo assai penalizzato, anche a causa di un laboratorio urbano finanziato con fondi comunali e regionali.

E di fatto poco frequentato e vissuti dai giovani acquavivesi.”

E sullaTrasparenza”?…

http://www.acquavivanet.it/politica/3416-la-trasparenza-in-attesa-di-risposte.html

 

“Mi preme rispondere ad alcune perplessità, sollevate anche dalla vostra testata, circa la sostenibilità economica delle azioni che consigliamo all’amministrazione comunale in fatto di trasparenza. Premettendo che questa rimostranza andrebbe girata alla coalizione elettorale che prima di compilare un libro dei sogni dovrebbe pensare anche ai mezzi (soprattutto finanziari) a propria disposizione, ci tengo però a precisare che le nostre proposte sono a costo zero per le casse comunali. Intanto perché la maggior parte dei punti proposti riguardano l’implementazione di contenuti del sito web istituzionale del Comune attraverso la realizzazione di archivi permanenti con atti già disponibili in formato digitale che, invece di essere appositamente rimossi dopo 15 giorni andrebbero lasciati disponibili sulla rete. Poi, e qui mi riferisco alla proposta dell’URP, basterebbe ottimizzare l’organico a disposizione ed eliminare alcune diseconomie dell’apparato burocratico che potrebbero certamente liberare molti fondi oggi sprecati. Inoltre è da anni che chiediamo a gran voce una revisione dell’organigramma comunale che potrebbe farci risparmiare centinaia di migliaia di Euro ogni anno consentendo un’ottimizzazione delle risorse umane. Fino ad un paio di anni fa anche il Sindaco la pensava come noi unendosi alle nostre voci, ora tace.”

 


Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI