Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

Bianco. GD: "A volte si perde tempo dietro mozioni inutili"

ste gd

 

AcquavivaNet intervista il Coordinatore acquavivese dei Giovani Democratici, compagine giovane del PD, Stefano Bianco.

 Primo agosto, ultima assise di Consiglio Comunale: quali sarebbero le sue considerazioni?

http://www.acquavivanet.it/politica/3395-consiglio-comunale-dieci-e-dieci-qmaurizio-restaq.html

http://www.acquavivanet.it/politica/3403-perche-e-passata-la-quinta-mozione.html

 

“Innanzitutto, riguardo all’ultimo Consiglio Comunale, vorrei fare una considerazione del tutto personale circa la mozione numero 4, presentata dalla minoranza, nella quale si chiedeva la revoca dell’attuale Presidente, avv. Angelo Maurizio. Premesso che è doveroso un dibattito tra maggioranza e minoranza all’interno dell’Assise Comunale, non credo che esso debba durare più di 2 ore, tutta al più se riguarda una questione che non apporta alcun beneficio per la cittadinanza. È vero che la minoranza deve fare opposizione, ma il genere di opposizione visto quel giorno in Consiglio mi è sembrata un’opposizione sterile, inutile e molto spicciola. L’avv. Maurizio, tra l’altro, sta svolgendo il suo ruolo di Presidente del Consiglio in maniera egregia, mettendoci tanto impegno. Che senso ha mettere in discussione il suo operato? Anche perché, secondo alcune dichiarazioni pronunciate da alcuni consiglieri di minoranza, mi è parso di capire che alcuni di essi non avessero poi questo grandissimo interesse, tale da spingere la revoca dell’attuale Presidente del Consiglio. Quindi si è perso solo del tempo prezioso. Dunque mi aspetto una minoranza più propositiva in termini di idee e proposte in Consiglio Comunale, Acquaviva non ha bisogno di certi teatrini dialettici inutili! Per il resto, il solito Consiglio Comunale, a mio avviso, povero di contenuti politici e amministrativi. A volte si perde tempo dietro mozioni inutili, che non producono niente per la cittadinanza. Può essere che mi sbagli e mi auguro che sia così, ma questa rimane la mia interpretazione personale.”

 

Sarebbe possibile potenziare l'Informagiovani? Magari al pari di quanto è stato dichiarato da un recente comunicato stampa dell'avv. Leoncini?

http://www.acquavivanet.it/politica/3362-linformagiovani-come-ammortizzatore-sociale.html

 

“L’Informagiovani è stato avviato con il lancio di un concorso di idee finalizzato alla realizzazione del marchio distintivo. C’è stata una prima fase in cui, attraverso la compilazione di questionari, è stato possibile esprimere pareri e fare proposte.

In autunno avverrà l’attivazione vera e propria dello sportello presso la Biblioteca Comunale.

Inoltre, l’Informagiovani può essere potenziato grazie alla collaborazione con la Consulta Giovanile: una proposta dei Giovani Democratici presentata all’amministrazione, che potrebbe fornire validi spunti e idee vincenti provenienti proprio dal target di riferimento; ovvero dall’utenza del servizio stesso.”

 

Ha ancora un significato per i giovani, e per un giovane come lei, fare nuova politica ripartendo dal territorio? O dai partiti?

http://www.acquavivanet.it/politica/3231-in-merito-alla-politica-dal-basso.html

 

“Certo! La politica si fa sul territorio, attraverso i partiti. Purtroppo, oggi, i partiti non hanno più il gradimento di una volta: quindi è diventato difficile marcare il territorio e avvicinare le nuove generazioni di ragazzi. Per quanto mi riguarda, e come più volte già detto in passato, io considero l’appartenenza ad un partito, non solo come semplice militanza, ma anche come un momento di incontro, di crescita, di scambio di opinioni, pareri ed esperienze di vita.

A mio avviso la politica dovrebbe ritornare sul territorio, tra la gente, incontrarsi e abbandonare un po’ i social network: che sono il nuovo modo di fare politica e che lasciano una fetta di elettori fuori dal circuito internet. Per quanto riguarda i partiti, invece, essi dovrebbero cercare di avvicinare quanti più giovani possibile. I dirigenti dovrebbero concedere più spazio e più parola alle proprie politiche giovanili. Ma, più in generale, è tutto il sistema del movimento partitico italiano ad essere in crisi, anche per colpa delle liste civiche che si creano ad hoc nelle realtà locali: solo per partecipare alla competizione elettorale del momento e sparire subito dopo, mentre a livello nazionale il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo sta ripercorrendo le stesse fasi che hanno caratterizzato la Lega Nord a cavallo tra la fine degli Anni ‘80 e l’inizio degli Anni ‘90; quando al termine della Prima Repubblica si presentò come un partito di massa in grado di intercettare il voto di protesta di tanti italiani.

Inoltre, colgo l’occasione, attraverso questa intervista, di ricordare a tutti quei ragazzi e ragazze tra i 16 anni e i 30 anni, che si riconoscono nei valori del Partito Democratico, che è in corso il tesseramento dei Giovani Democratici per l’anno 2012 e di contattarmi per qualsiasi informazione al riguardo.”

 

Come potrebbe definire l'attuale condizione sociale dei giovani acquavivesi?

http://www.acquavivanet.it/politica/3385-il-punto-sulla-condizione-sociale-dei-giovani-acquavivesi.html

 

“L’attuale condizione sociale dei giovani acquavivesi rispecchia, per molti versi, ciò che accade a livello nazionale: una situazione precaria, dove lo studio è diventato un diritto davvero costoso. La ricerca di un lavoro presenta notevoli difficoltà da superare e la politica non è in grado di offrire risposte certe e definite, provocandone un progressivo allontanamento.

Per questo i giovani dovrebbero riavvicinarsi alla vita politica, non per forza attraverso la militanza in un partito, anche se questo dovrebbe rappresentare il punto di partenza per un rilancio sociale, economico e culturale del nostro Paese. La Consulta Giovanile, che è una delle proposte dei Giovani Democratici in via di approvazione, dovrebbe servire proprio a questo: permettere ai giovani acquavivesi, attraverso i movimenti, le giovanili dei partiti, le associazioni, le scuole superiori, gli oratori, di avvicinarsi alla vita politico–amministrativa del paese. Facendo proposte, suggerimenti e idee che possano permettere una maggiore e una migliore sinergia tra giovani e azione politica.”

 

Acquaviva ha bisogno di Trasparenza politico-amministrativa: come può fattibilmente funzionare?

http://www.acquavivanet.it/politica/3398-la-trasparenza-due-anni-dopo.html

http://www.acquavivanet.it/politica/3416-la-trasparenza-in-attesa-di-risposte.html

 

“Il problema della trasparenza politico–amministrativa è un problema serio, che va affrontato nel migliore dei modi. Innanzitutto, bisognerebbe potenziare e completare il sito del Comune di Acquaviva delle Fonti: che al momento presenta alcune carenze in termini di atti, delibere e determine prodotte dall’Amministrazione; per permettere ai cittadini acquavivesi di prendere visione dell’andamento politico–amministrativo. Di certo, bisognerebbe trovare una soluzione low–cost, che non impieghi uno sperpero di denaro pubblico. Inoltre, bisognerebbe pubblicare i curriculum e le referenze degli attuali assessori e i loro relativi compensi, i gettoni di presenza dei consiglieri e delle relative commissioni. Il tutto per un dovere di informazione e di trasparenza nei confronti dei cittadini. E mi auguro che l’attuale Amministrazione risolva al più presto questo tipo di problema, attuando la migliore soluzione possibile. Tra l’altro, recentemente, la Regione Puglia ha approvato la legge sull’Open Source, una proposta presentata ed elaborata dai Giovani Democratici della Terra di Bari: una legge che permetterà l’accesso e la creazione di nuovi servizi informatici. E quindi un avvicinamento totale e trasparente del cittadino alla vita politico–amministrativa della Pubblica Amministrazione: con un notevole risparmio economico. Infine, a breve, come Giovani Democratici proporremo l’Anagrafe degli eletti: da sempre un punto fondamentale del nostro programma elettorale di partito, già avvenuto nel Comune di Bari.”


Commenti  

 
#1 Kennedy J.F. 2012-08-11 16:39
Questo giovane mi piace : ha le idee molto chiare!!! finalmente volti nuovi e giovani e spero preparati al massimo.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI