Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

Il punto della situazione con l'Ass. Francesca Pietroforte

ass dr.ssa_francesca_pietroforte

 

AcquavivaNet intervista l’Assessora alla Cultura e alle Politiche Giovanili: la dr.ssa Francesca Pietroforte, quota PD. Insieme con l’Assessora: per fare il punto della situazione su uno delle tante sfaccettature di questo incandescente agosto politico acquavivese.

 

A suo modo di vedere, come giudica questo "agosto politico acquavivese"?

 

“Per quel che riguarda i settori di mia competenza, l’estate in generale, e il mese di agosto in particolar modo, rappresentano momenti in cui è necessario dedicarsi alla creazione di momenti di aggregazione e di intrattenimento per chi, per propria volontà o per ragioni contingenti, non può lasciare la città e quindi ha il diritto di trascorrere le proprie “vacanze” con la dovuta attenzione. A questo principio s’ispira il calendario di “Estateviva 2012” distribuito nei mesi di luglio, agosto e l’inizio di settembre, e che rappresenta un susseguirsi di occasioni di divertimento, ma anche di eventi che richiedono un maggiore impegno e una più ampia riflessione.”

 
Ha ancora un significato per i giovani, e per una giovane come lei, fare nuova politica ripartendo dal territorio? O dai partiti?

In merito, abbiamo sollevato temi analoghi: http://www.acquavivanet.it/politica/3231-in-merito-alla-politica-dal-basso.html

 

“Molto spesso si tende a fare dei giovani una bandiera, una sorta di vessillo da sventolare a seconda delle convenienze. Io ritengo che sia un diritto e un dovere dei giovani impegnarsi per cambiare l’ambiente in cui si vive. Per farlo, credo che si debba iniziare a pensare in maniera diversa: a smettere di parlare “in quanto giovani” e cominciare a farlo “da giovani”. Ciò implica un radicale cambio di prospettiva: talvolta i giovani tendono a ghettizzarsi rivendicando un’autonomia priva di senso rispetto alla società, diventano un soggetto contrapposto al resto del mondo anche perché, per ragioni quasi esclusivamente anagrafiche, si ritrovano a vivere in un mondo molto diverso da quello dei loro padri. Un ambiente angusto e conflittuale, fatto di precarietà e difficoltà nel progettare il futuro. A tutto ciò bisogna reagire non chiudendosi a riccio, ma appunto pensando da giovani: partecipando, portando il proprio valore aggiunto, rappresentando un elemento di innovazione e di crescita per la società intera proprio grazie alla freschezza delle proprie idee e del proprio modo di essere. Questo non si fa solo attraverso la politica, ma anche militando in un’associazione o esperendo la propria vita nel perseguimento dell’onestà e del rispetto dell’altro.”


Grandi soddisfazioni l'evento Max Gazzè. Come vede questa estate acquavivese? 

 

“La Festa della Cipolla Rossa di Acquaviva delle Fonti ha aperto l’edizione 2012 di “Estateviva!” e l’evento di punta della serata, il concerto di Max Gazzè, ha attirato moltissimi visitatori non solo dai comuni limitrofi, ma anche da altre province. Il mio ringraziamento va alla Provincia di Bari e alla Pro Loco “Curtomartino” di Acquaviva: che grazie all’instancabile operosità dei propri iscritti, magistralmente coordinati dal presidente Marcello Amapani e dal suo vice Domenico Ieva, hanno organizzato una festa assolutamente ottima.

Erano anni che non si vedeva tanta gente ad Acquaviva, ed erano anni che la nostra città non faceva da palcoscenico a un musicista di tale livello: permettetemi di essere orgogliosa del mio paese e dei miei concittadini, che hanno accettato di affrontare con me un percorso non certo semplice che andava dalla necessità di finanziamento del concerto fino a tutte le questioni di ordine pubblico che, con il senno di poi, non hanno creato alcun problema grazie al meccanismo perfetto messo in campo dagli organizzatori.

Detto quanto dovuto per la “Festa della cipolla”, bisogna aggiungere che anche quest’anno, malgrado i tagli subiti sui trasferimenti statali, riusciamo a garantire un bel cartellone, con eventi che vanno dalla musica, al teatro, fino ad arrivare al cinema con la terza edizione di “Estateviva! Cinema”; una rassegna che sta a cuore a molti concittadini e che fa registrare numerosissime presenze.”


Può definirsi già attivo l'Informagiovani ad Acquaviva delle Fonti? E come vede la condizione sociale dei giovani acquavivesi? http://www.acquavivanet.it/politica/3385-il-punto-sulla-condizione-sociale-dei-giovani-acquavivesi.html

 

“La condizione sociale dei giovani acquavivesi è condivisa con i giovani italiani se non europei. Questo è un momento difficile, sta a noi giovani rimboccarci le maniche per cercare di modificare il trend: continuando a piangerci addosso siamo destinati a ottenere ben poco. Ma questo i giovani lo sanno e stanno già reagendo per migliorare il proprio futuro e con questo quello dell’intero Paese.

L’Informagiovani è nato con l’obiettivo di rappresentare un punto di riferimento per i giovani, rivolto all’orientamento e all’informazione su più ambiti: dopo il concorso d’idee per la realizzazione del logotipo e una prima fase ricognitiva con la somministrazione di questionari che ha avuto riscontri molto positivi, si passerà nel mese di settembre all’avvio vero e proprio dello sportello presso la Biblioteca Comunale.”

 

Sarebbe possibile potenziare l'Informagiovani? Magari al pari di quanto è stato dichiarato da un recente comunicato stampa dell' avv. Leoncini?

http://www.acquavivanet.it/politica/3362-linformagiovani-come-ammortizzatore-sociale.html

 

“Certe manifestazioni hanno l’obiettivo evidente di ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo. Il problema è piuttosto quello di fare proposte nelle sedi opportune, ma quando dal pessimismo della ragione si cerca di passare all’ottimismo della volontà, ecco che tutto crolla come un castello di carte.

L’Informagiovani oggi esiste, è stato riaperto dopo anni di chiusura, malgrado le minori risorse economiche e soprattutto la riduzione del personale a disposizione dell’ente. Per potenziarlo è necessario, al momento dell’avvio, capire quali sono le istanze del territorio e lavorare con professionalità su quelle, senza improvvisazioni o qualunquismi.”

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI