Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

Sasso: "La Giunta approva riparto per piano diritto allo studio"

regione-puglia

 

L’assessore al Diritto allo Studio e alla Formazione, Alba Sasso, comunica che la Giunta regionale nella seduta di martedì 24 luglio ha approvato il Piano regionale per il Diritto allo studio per l’anno 2012. Il Piano, in attuazione della Legge regionale 31/2009 sul Diritto allo Studio prevede una spesa 13 milioni di euro, da ripartire tra i Comuni pugliesi, per l’acquisto di sussidi scolastici e speciali attrezzature didattiche per disabili, per il servizio mensa e trasporto, per posti in convitto, per progetti scolastici e per l’acquisto di scuolabus.

“Con questo provvedimento – spiega la Sasso - la nostra Regione si pone in controtendenza rispetto ai tagli ministeriali che indiscriminatamente si abbattono sul Diritto allo Studio, tagliando perfino le borse di studio. Siamo certi che, in un momento difficile queste risorse rappresentano per i nostri comuni una vera boccata d’ossigeno e per questo continueremo a cercare risorse per la scuola, nella certezza che l’investimento nell’istruzione e nel sapere sia la vera ricchezza di un paese”.

Inoltre, i Comuni riceveranno a breve anche i contributi per la fornitura dei libri di testo per l’a.s. 2012/2013, previsti dal piano di riparto. Il Piano prevede il riparto per la fornitura gratuita, totale o parziale dei libri di testo per gli alunni frequentanti le scuole secondarie di 1° e 2° grado (medie e biennio superiori) provenienti da famiglie con situazione economica disagiata. Le somme che il Ministero mette a disposizione per la Regione Puglia ammontano a 10.049.787 euro così ripartite: 7.383.214 per la scuola dell’obbligo e di 2.666.573 per la scuola secondaria superiore. I fondi sono stati ripartiti tenendo conto delle istanze presentate dalle famiglie durante il passato anno scolastico e saranno erogati ai Comuni direttamente da parte del Ministero, così come richiesto dalla Regione, per evitare i ritardi avvenuti lo scorso anno.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI