Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

Consiglio Comunale: "Passa il Rendiconto di gestione 2011"

cons. comunale_luglio_2012

 

È stato approvato con 11 voti favorevoli e 9 voti contrari il Rendiconto di Bilancio inerente l’anno 2011. Assente il Consigliere della Compagnia delle Arti Rocco Lombardi. L’esame consuntivo è un documento predisposto dalla Giunta Comunale ed approvato dal Consiglio Comunale entro il 30 Aprile dell’anno successivo a cui il bilancio si riferisce, nel quale sono certificate le entrate e le spese sostenute dall’ Ente nell’esercizio finanziario dell’anno precedente. Al Bilancio Consuntivo devono essere allegati tre documenti distinti che ne fanno parte integrante. La relazione della Giunta comunale, la relazione dei Revisori dei Conti e l’elenco dei residui attivi e passivi suddivisi per anno di provenienza. L’Assessore al Bilancio e alla programmazione finanziaria Fabio Caputo ha spiegato dettagliatamente e in maniera lucida e precisa la drammatica e difficile situazione derivante dai continui tagli subiti da parte del Governo Centrale. Tagli che hanno inciso notevolmente sulle risorse comunali e che hanno portato all’aumento della pressione tributaria. Il “tecnico” dell’Università leccese ha poi messo in luce la presenza di una pretesa creditoria da parte della ditta Lombardi Ecologia pari ad un ammontare di circa 3 milioni di euro. Pretesa creditoria che ormai è sub iudice, dato che l’impresa pare abbia avviato il contenzioso verso l’Ente comunale.

Franco Montenegro Consigliere di Opposizione nelle fila del Popolo delle Libertà ha contestato al Primo Cittadino l’assenza, certificata anche dalla relazione dei revisori dei conti, degli obiettivi programmatici previsti nel bilancio di previsione. “ Per ogni singolo settore – ha duramente affermato il consigliere pidiellino- i cittadini vorrebbero sapere se gli obbiettivi del bilancio di previsione sono stati raggiunti oppure no”.

Michele Petruzzellis ha invece ricordato all’Assessore Caputo come l’85% della spesa prevista per investimento non sia andata a compimento. La spesa per investimento altro non è che la spesa per opere pubbliche. Ovvero quello che è certificato nel Piano triennale delle Opere pubbliche. Se l’85% di tale spesa è rimasto al palo, significa che l’Amministrazione comunale ha disatteso il suo programma di opere pubbliche, che sono la cartina tornasole dell’attività politica e gestionale di un Amministrazione Comunale. “ A fronte di una pressione tributaria elevata – ha accusato l’ex Direttore della Provincia di Bari- i servizi alla cittadinanza sono carenti ed inesistenti, non abbiamo dei bagni pubblici, viviamo in un paese sempre più sporco e invivibile”.

Francesco Attollino, ormai Consigliere nelle fila dell’Opposizione, ha posto l’accento sul “doppio-pesismo” nel gestire i debiti fuori bilancio del Comune di Acquaviva. “Per la questione Moviter- ha affermato duramente l’ex scudocrociato- abbiamo subito e con inspiegata fretta riconosciuto il debito fuori bilancio rendendolo subito esigibile, per quanto riguarda invece i debiti per i legali difensori dell’Ente Comunale, li teniamo li accantonati senza riconoscerli”.

Il One Man Show della serata è stato Marcello Carucci (consigliere di opposizione del partito di Sinistra Ecologia e Libertà), il quale ha letteralmente “canzonato” la Maggioranza e le sue spese inutili soprattutto per quanto riguarda l’ambito delle manifestazioni culturali.

Ecco come vengono spesi i soldi dei cittadini di Acquaviva:- ha laconicamente affermato il Professore- sono stati sperperati risorse pubbliche per acquisire al patrimonio letterario della biblioteca comunale ben 50 copie, non di un poeta del calibro di Leopardi, o Pascoli, ma di un poetastro acquavivese il quale scrive ciò che sogna la notte….le spese pubblicitarie e di locandine per le manifestazioni culturali in questo paese sono esclusivo appannaggio di un'unica agenzia acquavivese, le altre sono estromesse a priori”.

Carucci poi si è concesso un colpo basso, sotto la cinta, per dirla nei termini del gergo sportivo degli incontri di pugilato. Ha spiattellato ai quattro venti che un certo Pasquale Cotrufo, dirigente provinciale giovanile di un importante partito, abbia ricevuto dal Comune di Acquaviva ben 1600 euro per l’organizzazione del Concerto Natalizio del 2010. Immediatamente la nostra Redazione ha raggiunto telefonicamente il giovane Cotrufo il quale amareggiato dal comportamento non “politically correct” del Professor Carucci ci ha spiegato in realtà che quei soldi sono stati elargiti agli artisti che hanno realizzato il concerto di Archi presso la Cattedrale. Il Cotrufo dunque pare abbia ricevuto i soldi in qualità di delegato di una associazione locale. La discussione dell’esame del rendiconto finanziario si è chiusa poi con l’analisi dettagliata del Primo Cittadino sull’operato della propria maggioranza specie nel campo dei servizi sociali, i quali sono stati il settore più penalizzato dai tagli lineari da macelleria sociale dei Palazzi Romani.


 

Commenti  

 
#2 giusy 2012-07-13 23:09
Gli interventi del consigliere di minoranza Carucci rimarranno scolpiti nella storia di Acquaviva... anche se devo ammettere che quelli del consigliere di maggioranza Attollino non sono da meno. Invece è rimasto deluso chi pensava che Squicciarini fosse ingenuo. Lui ieri sera ha detto chiaro e tondo, ma che vi credete, io non parlo non perché non so, ma perché voi non dovete sapere. Tutto è sotto controllo e sono in perfetta sintonia con assessori e dirigenti, sono perfettamente conscio di ciò che avviene nel nostro comune. E bravo a Squicciarini... ci hai frecato a tutti !
 
 
#1 trasparente 2012-07-13 16:41
tutto ciò che una giunta non deve fare è sintetizzato nella giunta squicciarini. il manuale del perfetto nonamministrato re
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI